Notizie scientifiche a piccole dosi

Notizie scientifiche a piccole dosi

Pochi milligrammi di tutte le notizie scientifiche della settimana.


Presto la pioggia danza per salvare la foresta?

Questo si chiama circolo vizioso. Un recente studio pubblicato sulla rivista natura È venuto a confermare quanto previsto dai modelli climatici: la quantità di pioggia che cade sulle foreste abbattute sta diminuendo. Fondamentalmente, la mancanza di alberi porta a meno umidità nell’aria, che porta a meno precipitazioni. Tuttavia, un clima più secco può aumentare il rischio di incendi e colpire aree vicine dove gli alberi non sono ancora stati abbattuti. Una situazione che ridurrebbe la quantità di precipitazioni in queste zone. Se le precipitazioni continuano a diminuire allo stesso ritmo della deforestazione, la deforestazione totale porterà a una diminuzione del 10% o del 20% delle precipitazioni nelle aree colpite, stimano i ricercatori dell’Università di Leeds, nel Regno Unito.

un test

Gli incendi possono danneggiare lo strato di ozono?

Foto di Saeed Khan, AFP

Canguri in fuga da un incendio boschivo in Australia nel gennaio 2020.

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista naturaGli incendi boschivi in ​​Australia nel 2019 e nel 2020 hanno ridotto lo strato di ozono dal 3% al 5% nel 2020. In sostanza, il fumo di questi incendi attiva molecole che distruggono lo strato di ozono. Secondo gli autori, frequenti incendi possono ritardare il ripristino dello strato di ozono. Ricordiamo che all’inizio dell’anno l’Onu ha annunciato che i buchi nello strato di ozono diminuiranno in circa quarant’anni.

il numero

Foto di Luis Acosta, archivio AFP

Rifiuti sparsi su una spiaggia a Panama

171 trilioni

Questa è la quantità di pezzi di plastica che galleggiano negli oceani, secondo una recente stima del 5 Gyres Institute, un’organizzazione non governativa specializzata nella ricerca sull’inquinamento da plastica. Un numero che potrebbe triplicare entro il 2040 se non si farà nulla per fermare il problema, secondo l’organizzazione.

READ  Egoista o egoista? Ecco i segni che li separano, secondo il nostro psichiatra

Quando la siccità sconfigge gli imperi

Foto fornita da Benjamin Anderson, Reuters Archives

Le rovine della città di Hattusa, capitale del regno ittita, si trovano oggi in Turchia

La siccità potrebbe essere stata la causa del declino del regno ittita, uno dei regni più potenti del Medio Oriente negli anni 2000H millennio a.C. Questa, almeno, è la conclusione di un recente studio pubblicato sulla rivista natura. Secondo un team di ricercatori americani, una siccità “insolitamente grave” in Anatolia potrebbe essere stata un punto di svolta nel crollo del regno. In particolare, tre anni di siccità hanno fortemente influito sui raccolti, provocando la fame tra la popolazione, che ha portato anche a una crisi sociale e politica. Oltre alla massiccia diserzione di soldati dell’esercito ittita, l’assenza di raccolti per tre anni ha minato il sistema fiscale.

Sempre meno piante autoctone in Inghilterra

FOTO ISABELLE DUCAS, ARCHIVIO LA PRESSE

campagna in Irlanda

L’Inghilterra e l’Irlanda hanno perso la metà delle loro piante native negli ultimi 20 anni, secondo l’ultimo rapporto della Botanical Society of England and Ireland. Si ritiene che i cambiamenti climatici e le pratiche agricole siano le principali cause di questo declino. La perdita di biodiversità potrebbe avere conseguenze disastrose per gli insetti autoctoni, avvertono gli scienziati, che chiedono misure concrete per correggere la situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *