Il tono sta crescendo tra gli economisti

Il tema sta emergendo sempre di più, e sarà senza dubbio una delle sfide delle elezioni presidenziali del 2022: cosa fare del debito pubblico aggiuntivo contratto dall’inizio dell’epidemia di Covid-19? Ora è vicino al 120% del PIL in Francia, 20 punti in più rispetto al 2019, 160% in Italia e 100% nell’area dell’euro. “Numeri inimmaginabili solo un anno fa”Riassume, Eric Dor, economista presso Ieseg, Business School.

Il governo ha nominato un comitato presieduto dall’ex ministro delle finanze centrista Jean Arthes (1995-1997) per prendere in considerazione la possibilità di affrontare il problema del “debito Covid”. Dovrebbe essere limitato? Sostituirlo con obbligazioni con una scadenza molto lunga, o addirittura permanente, come suggerisce il finanziere Alan Mink? O addirittura cancellare quelli acquistati dalla Banca centrale europea (Bce), che possiede più di un quarto del debito pubblico della zona euro, ed è anche sostenuta dal “ribelle” Jean-Luc Mélenchon e dall’ex ministro socialista della ripresa produttiva Arnaud Montburg. ?

L’articolo è riservato ai nostri iscritti Leggi anche “La cancellazione del debito pubblico detenuto dalla Banca centrale europea libererà gli attori economici dalla paura di aumentare le tasse in futuro”.

Nelle ultime settimane, quest’ultima proposta ha cristallizzato il dibattito tra gli economisti. “Suscita passioni e conferma le principali divisioni tra economisti di mercato e accademici, non ortodossi e conservatori, di sinistra o di destra, Guarda Christopher Dembick, chez Saxo Bank. Le tensioni ei nomi degli uccelli che li accompagnano talvolta ostacolano la discussione. “ In effetti, gli inviti che volano attraverso i tweet ei post interlacciati sono stati particolarmente acuti negli ultimi giorni: “Fortunato”, “misterioso”, “ignorante”“È diventato sanguinante, non l’avevo mai visto prima”, Uno di loro rimase sbalordito dalla ferocia di alcuni.

READ  Una grande operazione di salvataggio di uno storico tempio greco in Italia

Buona idea sbagliata

Se pianifichiamo, si oppone a due campi principali. La loro composizione è ancora più sorprendente in quanto tutti combinano economisti con prospettive diverse su altri argomenti. E così Jean Pisani-Ferry Centrale, professore all’Istituto di scienze del Po, è d’accordo con il non ortodosso Henri Stirdignac, del gruppo degli “economisti spaventati”, all’estrema sinistra, entrambi che considerano l’abolizione della religione una falsa buona idea. Agnes Benassi-Kerry, capo economista del Tesoro Generale, ci assicura che questo sarà di scarsa utilità.

Il motivo: i paesi oggi prendono a prestito senza ritorno, anche a tassi negativi sui mercati, il che significa che gli investitori li pagano per prestare loro denaro. Nel 2020, la commissione per interessi che la Francia paga sul suo debito sarà inferiore all’1,5% del PIL, mentre era del 3,4% del PIL nel 1995, quando era solo debito. 56% del PIL. “ Quindi non ha problemi a ottenere finanziamenti, soprattutto perché la Banca centrale europea non aumenterà i tassi di interesse per molto tempo, e lo farà molto lentamente “. Rispetta il ruolo di Eric.

Hai il 51,95% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *