Il suono stimola la crescita dei funghi e ripristina gli ecosistemi

Il suono stimola la crescita dei funghi e ripristina gli ecosistemi

⇧ [VIDÉO] Potrebbero piacerti anche questi contenuti dei partner

In uno studio recente, i ricercatori suggeriscono che la stimolazione sonora promuove la crescita dei funghi micorrizici essenziali per la crescita delle piante. Attraverso l'esposizione a onde sonore monotone di 80 dB, la biomassa delle spore fungine è aumentata di cinque volte in soli 5 giorni in esperimenti di laboratorio. Poiché le reti micorriziche sono di grande importanza per l’ecosistema, questa scoperta apre la strada a un nuovo approccio chiamato “ecoacustica”, che può ripristinare gli ecosistemi danneggiati in modo più efficace.

Di fronte alla perdita globale di biodiversità, il ripristino degli ecosistemi diventa imperativo. Tuttavia, gli sforzi attuali si concentrano generalmente su interventi fisici ed evidenti, come la riforestazione o la reintroduzione delle specie. Tuttavia, è solo ripristinando tutte le sue componenti originarie, compreso il suolo, che un ecosistema ritorna pienamente funzionale. È davvero importante tenere presente che più della metà della biodiversità sulla Terra si trova lì.

La crescita delle piante e altre funzioni essenziali dell’ecosistema sono supportate da una delicata relazione simbiotica con la biodiversità del suolo. Questa biodiversità comprende insetti, microrganismi e funghi micorrizici. La simbiosi tra queste piante e le piante terrestri è tra le più diffuse e importanti sulla Terra. Nel corso di milioni di anni, questi funghi hanno svolto un ruolo importante nella formazione e nel funzionamento degli ecosistemi globali, compreso il miglioramento dell’accesso delle piante ai nutrienti.

La maglietta che respira:
Mostra un forte messaggio sul clima 🌍

Ricerche recenti hanno anche scoperto che i funghi micorrizici sono essenziali per sequestrare il carbonio nel suolo. Si stima che più di 13 miliardi di tonnellate di anidride carbonica
Dalle piante terrestri si trasmettono ogni anno questi funghi. Ciò rappresenta circa il 36% delle emissioni globali annuali da combustibili fossili. Ciò significa che le strategie di sequestro del carbonio basate sulla rivegetazione devono tenere conto anche della biodiversità fungina del suolo.

READ  Questa grotta ospita quasi un centinaio di dipinti paleolitici che risalgono ad almeno 24.000 anni fa

Pertanto, la perdita di questi funghi porta al degrado del suolo oltre a interrompere il ciclo di sequestro del carbonio. Questa perdita è dovuta principalmente alla deforestazione e all’agricoltura intensiva. ” Oltre il 75% del suolo del pianeta è degradato. Dobbiamo quindi intraprendere azioni radicali per invertire questa tendenza e iniziare a ripristinare la biodiversità », suggerisce in A Ho riferito Jake Robinson, della Flinders University in Australia.

Un approccio che favorisce la crescita delle specie autoctone

L’ecoacustica è stata recentemente esplorata come strumento per monitorare la biodiversità del suolo. Ciò suggerisce che il suono può avere un enorme potenziale per influenzare i processi ecologici e modellare le dinamiche degli ecosistemi. Ad esempio, è stato dimostrato che le piante percepiscono le onde sonore come stimoli meccanici che migliorano la circolazione dei nutrienti e quindi la loro crescita. Pertanto la stimolazione acustica può essere utilizzata per il ripristino dell’ecosistema.

In un nuovo studio in fase di pre-pubblicazione sulla piattaforma
, Robinson e i suoi colleghi hanno cercato di determinare in che modo il paesaggio influisce sulla biomassa fungina del suolo e sul ciclo di decomposizione della materia organica. I loro risultati rivelano una sorprendente interazione tra crusca e funghi. ” Il nostro studio evidenzia l’importanza delle sillabe vocali in natura. Ora possiamo ascoltare i suoni dei piccoli animali come indicatori della salute del suolo, ma potremmo anche essere in grado di applicare il suono per migliorare la salute del suolo », spiega l'esperto.

Inoltre, questo approccio può ripristinare il suolo degradato e promuovere la crescita di piante autoctone, le più deboli delle quali possono crescere solo in terreni ricchi. “Gli studi del nostro laboratorio sull’ecologia del ripristino aprono la strada a una migliore ricrescita delle piante autoctone, compresa la reintroduzione di specie a rischio di estinzione”, secondo Martin Breed, coautore della ricerca e professore alla Flinders University.

READ  Emas de Beja presenta il progetto "Center for Water Sciences"

5 volte la biomassa fungina in soli 5 giorni

Come parte dei loro esperimenti, i ricercatori del nuovo studio hanno seppellito regolari sacchetti di tè verde e rooibos (un arbusto molto ricco di antiossidanti spesso utilizzato per il tè) per stimolare la crescita dei funghi man mano che la materia organica si deteriorava. Il gruppo è stato posto in una scatola di isolamento acustico per essere esposto ad un paesaggio sonoro monotono compreso tra 70 e 90 dB, ad una frequenza di 8 kHz. Dopo 14 giorni di stimolazione, all'interno e all'esterno di ciascun sacchetto era cresciuta abbondante biomassa fungina (0,5 g in media). D'altra parte, i funghi erano molto meno evidenti nei sacchetti di controllo esposti a un rumore ambientale inferiore a 30 dB.

Guarda anche

Una scatola di funghi

Progettazione della scatola di isolamento acustico utilizzata negli esperimenti. ©Robinson et al.

In un secondo esperimento, i ricercatori hanno coltivato funghi Trichoderma harzianum Nelle piastre di Petri. Sono funghi opportunisti e simbiotici, il loro micelio si sviluppa sulla superficie delle radici delle piante e le protegge dagli agenti patogeni favorendone la crescita. 20 tronchi sono stati esposti a una stimolazione sonora monotona di 80 dB per 5 giorni, mentre altri 20 tronchi non hanno ricevuto alcuna stimolazione. Dopo 5 giorni, l’attività battericida è aumentata di 5 volte nelle colture stimolate.

La mia voce si espande

Le colture di T. harzianum sono state esposte alle onde sonore dopo 5 giorni (in alto) e non esposte alle onde sonore (in basso). ©Robinson et al.

Questa ricerca ci ha sorpreso quando un fungo comune che promuove la crescita delle piante ha aumentato il numero iniziale di biomassa delle cellule sporali di circa cinque volte, rispetto a un gruppo di controllo, dove le onde sonore erano a livelli ambientali. “Dice Robinson.

È importante sapere che dopo la rivegetazione, il microbioma del suolo, compresi i funghi, può impiegare decenni per riprendersi completamente. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per comprendere gli esatti meccanismi, questi risultati suggeriscono che l’acustica ambientale può accelerare questo processo. Secondo gli esperti è anche possibile che questi organismi convertano le onde sonore in cariche elettriche, che potrebbero stimolare l’attività dell’intera biodiversità del suolo.

fonte : com.bioXiv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *