Chandrayaan-3 ha trovato una caratteristica senza precedenti vicino al polo sud della Luna

Chandrayaan-3 ha trovato una caratteristica senza precedenti vicino al polo sud della Luna

La navicella spaziale Pragyan della missione lunare indiana Chandrayaan-3 ha trovato zolfo. Questa è la prima volta che questo elemento viene rilevato con certezza sulla Luna, in questa regione vicino al polo sud.

La missione indiana Chandrayaan-3 non è ferma sulla Luna. Quando il lander Vikram arrivò sul sito il 23 agosto 2023, permise all’India di diventare il quarto paese ad atterrare sulla Luna. Non ovunque: Chandrayaan-3 ha preso di mira la regione polare meridionale della Luna. Anche se la missione non si svolgerà interamente al Polo Sud, questa scelta non è banale, perché il Polo Sud della Luna è un luogo promettente.

Una volta lì, Chandrayaan-3 ha iniziato a schierare il rover Pragyan e a misurare la temperatura della luna utilizzando il lander. Un nuovo primato scientifico è stato appena raggiunto, questa volta da un rover: l’agenzia spaziale indiana ISRO ha riferito, il 29 agosto 2023, che uno degli strumenti del rover aveva trovato zolfo sulla Luna. ” Lo strumento LIBS (Laser Induced Breakdown Spectrometer) del rover conferma inequivocabilmente la presenza di zolfo sulla superficie lunare vicino al polo sud, grazie alle prime misurazioni in situ », Lo conferma l’ISRO (Twitter).

Tracce delle ruote del rover Chandrayaan-3 sulla Luna, 27 agosto 2023. // Fonte: Via XISRO

Questa rilevazione dello zolfo non ha precedenti in questo campo. Come sottolinea l’ISRO in dichiarazione Più dettagliata, tale procedura ” Ciò non era possibile con l’hardware a bordo degli orbiter “Grazie a Pragyan, gli scienziati ora hanno una misura chiara della presenza di zolfo lì.

Zolfo, una risorsa utile sulla Luna?

È possibile che questo elemento sia stato rilasciato da vulcani relativamente recenti sulla Luna. Non è improbabile che lo zolfo sia confinato nel ghiaccio d’acqua, che a sua volta si trova nei crateri del polo sud della Luna. Possiamo quindi immaginare che il ghiaccio d’acqua, esposto alle radiazioni, Zolfo fuoriuscito. La relazione tra ghiaccio d’acqua e zolfo resta da dimostrare, ma la scoperta di Chandrayaan-3 è promettente. Lo zolfo sarà un elemento interessante sulla Luna. Può fungere da risorsa, perché sappiamo che anche lo zolfo può farlo Estratto mediante riscaldamento.

READ  Maltempo in Belgio: frane, volte allagate, flussi di fiumi river

Lo strumento LIBS, coinvolto nella scoperta, è uno spettrometro laser, responsabile della misurazione della composizione chimica della superficie lunare. È installato a bordo del veicolo e funziona utilizzando un impulso laser che viene inviato sulla superficie del materiale da analizzare. ” L’impulso laser genera un plasma localizzato ed estremamente caldo », si riferisce all’ISRO. La luce generata dal plasma può poi essere analizzata dai rilevatori Braggian, che determinano la composizione del materiale.

Bergian porta con sé alcuni strumenti: oltre al LIBS, ha anche uno spettrometro APIXS ​​(Alpha Particle Induced X-ray Spectrometer) che si concentra sulla composizione delle rocce lunari; Alcune telecamere sono state posizionate sulla parte anteriore del rover. La prima missione del rover Chandrayaan-3 è stata quella di dimostrare la capacità dell’India di muoversi in sicurezza sulla superficie lunare. Ora è tutto finito, quindi il rover può svolgere le sue attività scientifiche. Il tempo stringe, poiché si prevede che la missione Chandrayaan-3 non durerà più di due settimane sulla Luna.


partecipazione a Nomirama su Google News Così non ti perderai nessuna informazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *