Il sito preistorico mostra che gli uomini moderni non sono stati i primi a cambiare il mondo

Il sito risale a 125.000 anni fa in Germania ed è conosciuto come Newmark Nord svelare La prima prova di uno dei nostri parenti umani, i Neanderthal, Ha lasciato un segno indelebile nel paesaggio.

Si trova a circa 22 miglia a est di Lipsia, Newmark Nord era piena di piccoli laghi durante l’era da 130.000 a 115.000 anni fa, quando i ghiacciai si ritirarono dall’Europa. L’evidenza archeologica suggerisce che i Neanderthal, che cacciava e raccoglievaVai in zona per approfittarne clima più mite durante quel periodo e ha cambiato il suo paesaggio attraverso un maggiore utilizzo.

Queste persone cacciano e macellano animali, Hanno prodotto strumenti, raccolto legna da ardere e allestito falò nella regione di Neumark Nord per quasi 2000 anni, che a loro volta hanno modificato l’ecosistema locale durante la residenza dei Neanderthal, secondo Uno studio pubblicato mercoledì nella rivista progresso scientifico.

“All’inizio era una zona boschiva, L’area è stata aperta quando sono arrivati ​​i Neanderthal È aperto da quasi 2000 anni. Will Robrooks, professore di archeologia paleolitica presso Università di Leida nei Paesi Bassi e autore principale dello studio.

Will Robrox.

La ricerca indica che La nostra specie non è la prima a modificare il suo paesaggio.

Katrina Harvati, paleontologa presso Eberhard Karls Università di Tubinga in Germania che non hanno partecipato allo studio.

uomini di Neanderthal
A sinistra, Homo sapiens, e a destra, Neanderthal.

Il nuovo studio “suggerisce Impatto significativo delle attività umane sugli ecosistemiAnche da piccoli gruppi di cacciatori e raccoglitori prima dell’arrivo del moderno Homo sapiens.”

“Aggiunge un aspetto importante al comportamento dei primi esseri umani (compresi i Neanderthal), con il suo impatto su ecosistemi lontani in passato”, Anche se non sappiamo se questo è un comportamento intenzionale volto a creare e mantenere una scena apertaha detto il dottor Robros.

READ  La sonda spaziale Juno della NASA esaminerà più da vicino la luna di Giove Ganimede- Technology News, Firstpost

Gli archeologi hanno identificato per la prima volta Neumark-Nord come un focolaio di occupazione degli ominidi nel 1985. Gli scavi alla fine degli anni ’90 hanno ampliato il sito e sono proseguiti tra il 2003 e il 2008.

Per confermare che sono stati i Neanderthal a influenzare questo paesaggio 125.000 anni fa, il gruppo del Dr. Robrox ha confrontato le prove, inclusi i dati sui pollini, trovati nel Newmark Nord con le prove di due bacini lacustri. data della stessa ora.

monitorando Polline conservato nei sedimenti lacustriI ricercatori ricostruiscono i cambiamenti nella vita delle piante locali nel tempo. Hanno scoperto che le betulle e i pini inizialmente dominavano il paesaggio, Ma sono stati sostituiti da erbacce non tipiche di una foresta a baldacchino chiusa nello stesso periodo in cui gli umani sono arrivati ​​nella zona.

Il sito archeologico in riva al lago a Neumark-Nord in Germania. Foto: Will Robrooks, Università di Leiden

Nell’area di 61 acri di Newmark Nord, I ricercatori hanno trovato dozzine di indizi che indicano le attività dei nostri antenati lì durante tutto l’anno.

“Decine e migliaia di manufatti in pietra, centinaia di migliaia di frammenti ossei, i resti di centinaia di animali macellati a seguito di innumerevoli incidenti di caccia di Neanderthal, nonché abbondanti tracce dell’uso del fuoco”, ha affermato il dott. Robrox. Lo studio ha anche descritto semi carbonizzati, strumenti di pietra calda e legno bruciato.

Ha aggiunto che le rive degli antichi laghi di Newmark Nord erano ancora “troppo lontane” dalle prime città o paesi.

Il Dr. Robrox ha detto che mentre i Neanderthal che usavano l’area potrebbero essere stati meno mobili e potrebbero aver vissuto in gruppi più grandi, erano ancora cacciatori e raccoglitori che hanno viaggiato da un luogo all’altro durante quel periodo tra le ultime ere glaciali.

READ  Traccia le condizioni topologiche nel grafene

Gli altri laghi, che distano da 20 a 34 miglia, mancano di una significativa presenza di Neanderthal. I dati sui pollini hanno mostrato che le foreste chiuse dominano permanentemente l’ambiente lì.

Neumark-Nord e i laghi di confronto si trovano nella regione montuosa orientale dell’Harz in Germania, il che indica che la differenza di precipitazioni o di temperatura tra le regioni non spiega le differenze nei rispettivi paesaggi.

Il gruppo del dottor Robrox ha affermato che ciò suggerisce un'”impronta ecologica degli ominidi” su Newmark Nord, rivelando che i frequenti incendi di Neanderthal e il frequente calpestio dell’area durante la caccia potrebbero aver rimodellato la vegetazione locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *