Il ritorno dell’austerità di bilancio mette Parigi e Berlino l’una contro l’altra – EURACTIV.com

La Germania lunedì (17 gennaio) ha lanciato un appello per il ritorno al rigore di bilancio nell’Unione europea di fronte alle richieste di flessibilità della Francia, portando a discussioni accese sulla riforma del Patto di stabilità che frena la spesa dei 27.

Il meccanismo che limita il deficit pubblico al 3% e il debito al 60% del PIL,” Ha dimostrato la sua capacità di recupero durante la crisi. Ma ora è il momento di ricostruire i margini fiscali precauzionali, motivo per cui sono un forte sostenitore della riduzione del debito sovrano”.Lo ha detto il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner.

Il 43enne leader liberale era a Bruxelles per il suo primo incontro con i suoi omologhi dell’eurozona. Ha preso il comando della linea del suo predecessore Olaf Schulz, successore di Angela Merkel alla Cancelleria.

« L’Europa deve continuare a camminare insieme nei prossimi anni e raggiungeremo questo obiettivo (…) sulla base del nostro Patto di stabilità e crescita “, ha rassicurato anche quest’ultimo, che in contemporanea è in visita a Madrid.

« Non credo che possiamo realisticamente aspettarci cambiamenti fondamentali nei criteri del debito e del disavanzo, che richiederebbero una modifica del trattato”.Il signor Lindner ha continuato.

Pur riconoscendo la necessità di rilanciare gli investimenti, ritiene che ciò non sarà in conflitto con la riduzione del debito pubblico e insiste sulla mobilitazione di capitali privati ​​attraverso riforme strutturali.

La Commissione europea ha lanciato una consultazione pubblica in ottobre sull’evoluzione del patto di stabilità, sperando di raggiungere un consenso quest’anno tra gli Stati membri divisi sul ritmo di riduzione del disavanzo pubblico dopo la pandemia.

READ  Italia: misure rigorose in previsione del nuovo anno

Non applicare prima di giugno

Il signor Lindner ha detto che si aspettava questa discussione”. In realtà inizia a giugno”.Quando la commissione presenta le sue proposte.

Parigi ha fatto la sua apparizione Nuovo modello di crescita » Uno dei temi prioritari della sua presidenza del Consiglio dell’Unione europea nella prima metà dell’anno, e in particolare il vertice di marzo a Parigi, che gli sarà dedicato.

« La crescita viene prima della stabilità. Serve un patto, servono regole comuni, ma prima deve essere un patto per la crescita”.Il ministro dell’Economia e delle finanze francese Bruno Le Maire ha dichiarato lunedì: obsoleto “ La regola per limitare il debito pubblico in un’intervista ai media europei pubblicata domenica sera.

« Non c’è motivo per cui l’UE dovrebbe avere un livello di crescita medio dell’1,2%-1,3% quando gli Stati Uniti sono al 2,5%”, ha affermato il sindaco di Bruxelles, sottolineando che questa crescita” Con più investimenti, più equità, più innovazione” potrebbe essere” Un obiettivo comune con i nostri amici tedeschi”.

Il dibattito sul Patto di stabilità, avviato prima della crisi sanitaria, ha dovuto essere sospeso all’inizio del 2020 a causa del virus Covid-19 che ha portato a una storica recessione.

Per evitare il collasso economico, l’Unione Europea ha temporaneamente sospeso le sue regole fiscali. Con un ritorno alla crescita, si pone la questione del suo restauro, previsto per l’inizio del 2023.

I paesi del sud, come Spagna, Italia, Grecia e Portogallo, i cui debiti sono aumentati durante la crisi, chiedono maggiore flessibilità. Temono che un rigoroso ritorno del patto di stabilità possa portare a un forte calo degli investimenti pubblici, che potrebbe riportare l’intera Europa in recessione. Lo stesso è avvenuto dopo la crisi finanziaria del 2008.

READ  Una pandemia non protetta in Germania

Ma i cosiddetti paesi del nord frugale », tra cui Germania e Paesi Bassi, sono preoccupati di dover pagare per i presunti eccessi dei loro vicini meridionali.

Ha chiesto il vicepresidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis giusto equilibrio » Accedere ” riduzione del debito » E ” La resilienza ha bisogno di recuperare.

Alla domanda se ci fosse un consenso a favore della riduzione del debito, Christian Lindner ha ritenuto che esistesse. ” Tuttavia, potrebbero esserci differenze su cosa si intende per risanamento di bilancio.Lo ammetto con un sorriso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.