Il risultato delle valutazioni nazionali della prima media: Parigi è in testa, i DOM sono in ritardo

Il risultato delle valutazioni nazionali della prima media: Parigi è in testa, i DOM sono in ritardo

All’inizio di settembre, 820.000 alunni della prima media hanno sostenuto dei test di francese e di matematica, di cui noi sveleremo i risultati. Questi esami sono stati creati da Jean-Michel Blanquer nel 2017. Da allora, le valutazioni sono state rilasciate in CP, CE1, CM1, 4e e 2de.

Come funzionano queste valutazioni?

I test del sesto anno si concentrano sulla comprensione della lettura, con domande sul testo letterario, sull’ortografia, sulla grammatica e sul vocabolario. Nell’elenco è presente anche un test di comprensione orale. In matematica, gli studenti vengono valutati in aritmetica, geometria, unità di misura e risoluzione di problemi.

L’obiettivo è duplice. A livello locale, per consentire agli insegnanti di misurare il profilo della propria classe e recuperare terreno, ma anche a livello nazionale, poiché sono “uno strumento statistico che fornisce un quadro delle capacità dei bambini nei diversi livelli di istruzione” e consente di “ adattare le politiche educative”, decifra la direzione di Amiens. Per Sophie Venetitai queste valutazioni “non risolvono il problema di come affrontare le difficoltà”.

Parigi è in testa

In termini di punti totali, l’Accademia di Parigi è molto più avanti, in francese e matematica, a livello nazionale. Punteggio medio ottenuto in francese: 281,9. Ben davanti a Versailles, al secondo posto con 264,2 punti e ben al di sopra della media nazionale (256,7). Stessa storia in matematica, dove il punteggio della capitale è di 278,3 punti contro una media nazionale di 254,1.

Per chi lavora nel mondo dell’educazione l’interpretazione è sociale. Un insegnante di un collegio nel centro di Parigi aggiunge: “Nella mia classe, un quarto degli studenti riceve lezioni di sostegno durante tutto l’anno e l’altra metà quando arriviamo alla fine dell’anno”. Ciò che riassume Maxime Ripert, del sindacato degli insegnanti Snalc, è che: “Il risultato di Parigi dimostra innanzitutto il fatto che la maggioranza degli studenti proviene da famiglie benestanti, o comunque non provengono da famiglie svantaggiate!”

READ  Domani mattina pericolo di nuova neve!

Mayotte, Lille, Amiens… le lanterne rosse

In coda ci sono i dipartimenti francesi d’oltremare, “accademie dove tutto è peggio che altrove”, riassume Sophie Venetitai, segretaria nazionale della Snes-FSU, l’organizzazione di maggioranza degli insegnanti delle scuole secondarie. In francese, ad esempio, Mayotte ha un punteggio di 189,2, quasi un centinaio di punti dietro la capitale, e anch’esso lontano dalla media nazionale (256,7). Non va meglio in matematica, con l’arcipelago dell’Oceano Indiano che arriva a 183 punti.

In Francia, le accademie del nord del Paese si collocano all’ultimo posto: Amiens in matematica (246), a pari merito con Créteil, e Lille in francese (249,3). “Non mi sorprende, perché sono queste le aree in cui si concentrano la maggior parte delle difficoltà della Francia continentale”, afferma Sophie Venetitai. Inoltre, aggiunge, queste valutazioni “sono più di una semplice istantanea di come stanno andando gli studenti, un’istantanea della disuguaglianza sociale”.

Meglio ovunque (o quasi) dal 2017

Secondo i dati del Ministero dell’Istruzione Nazionale, tutto è migliorato dal 2017 e dall’inizio delle riforme lanciate da Jean-Michel Blanquer, il primo amministratore di Rue de Grenelle sotto Macron. Delle 30 accademie misurate, solo la Guyana, in matematica, ha visto un calo…molto lieve (-0,3%). Per il resto, gli studenti parigini hanno migliorato i loro punteggi di circa 13 punti in matematica e di 10 punti in francese.

Ha stabilito un record a Mayotte, saltando 15,7 punti in matematica e 12,7 in francese in sei anni. Come interpretare questi risultati? “C’è, fin dalle classi più giovani, un sovraffollamento negli argomenti di queste valutazioni. “Naturalmente l’asticella si alzerà”, afferma Ghislaine David, segretaria nazionale della Snowip Football Association, la principale federazione di base.

READ  Leggero e non deperibile: particelle di plastica trasportate dal vento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *