Il percorso di PH verso la sovranità e i diritti sovrani nel WPS

Il percorso di PH verso la sovranità e i diritti sovrani nel WPS

Opinionista ospite

Scritto dal tenente generale Aurelio B. Bildad (in pensione)

Il WPS è un campo di battaglia per le tensioni internazionali, dove le rivendicazioni territoriali sovrapposte e la zona economica esclusiva (ZEE) hanno scatenato controversie tra paesi vicini. Nel mezzo di questo complesso panorama geopolitico, le Filippine si trovano a un bivio, affrontando l’arduo compito di proteggere la propria sovranità e i diritti sovrani in questa vitale regione marittima rispettando il diritto internazionale e promuovendo la stabilità regionale. Superare queste sfide richiede un delicato equilibrio tra diplomazia, partenariati strategici, unità interna e una presenza coerente.

Dal 2009, le attività della Cina nel TPP, compresi gli sforzi delle milizie militari e marittime e la costruzione di isole, hanno aumentato le tensioni regionali. Le Filippine hanno intentato causa davanti alla Corte permanente di arbitrato (PCA) dell’Aia, che si è conclusa con una sentenza il 12 luglio 2016. La sentenza di 479 pagine ha affermato i diritti sovrani delle Filippine nella ZEE WPS e ha invalidato le rivendicazioni della Cina ai sensi del ” linea di nove trattini.” Questa vittoria legale, basata sul diritto internazionale e sulla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare, ha dimostrato l’efficacia dei meccanismi giuridici globali. Ha sottolineato il rispetto dei quadri giuridici in vigore nella risoluzione delle controversie marittime, che rappresenta un precedente fondamentale. Grazie a questa vittoria, le Filippine poggiano su solide basi giuridiche e morali. Per mantenere questo slancio, le Filippine devono continuare a sostenere questa sentenza e sollecitare il mondo a rispettare il diritto internazionale, in particolare l’UNCLOS. Mobilitando il sostegno internazionale, le Filippine possono sostenere i principi legali e contrastare le azioni unilaterali nel sistema WPS, garantendo la stabilità regionale.

READ  FDCI presenta il telaio a mano indiano al centro della scena con la delegazione indiana al BRICS+ Fashion Summit

La diplomazia deve costituire la pietra angolare dell’approccio delle Filippine alla questione delle donne, della pace e della sicurezza. È fondamentale impegnarsi in dialoghi e negoziati multilaterali, soprattutto con la Cina. Canali di comunicazione aperti, radicati nel rispetto e nella comprensione reciproci, possono aprire la strada a soluzioni pacifiche. I colloqui bilaterali e la partecipazione attiva alle iniziative regionali come il Codice di condotta per i negoziati nel Mar Cinese Meridionale sono essenziali, il che migliora l’atmosfera di cooperazione e fiducia.

È essenziale rafforzare i partenariati strategici con paesi che la pensano allo stesso modo, impegnati nel rispetto del diritto internazionale e della stabilità regionale. Gli sforzi di cooperazione con paesi come Stati Uniti, Giappone, Australia ed Europa possono fornire supporto diplomatico e fungere da deterrente contro potenziali aggressioni. Allo stesso tempo, investire nella modernizzazione delle capacità navali, nel potenziamento delle tecnologie di sorveglianza e nel potenziamento delle operazioni della Guardia costiera sono passi cruciali. Le iniziative di cooperazione con le nazioni amiche facilitano lo scambio di conoscenze, i programmi di formazione e la condivisione delle risorse, garantendo una marina capace e vigile in grado di proteggere le acque filippine. Stabilire una posizione difensiva credibile è essenziale per proteggere i nostri diritti sovrani sul WPS.

L’unità interna è fondamentale per affrontare le sfide esterne. È fondamentale una comunicazione trasparente con i cittadini, facilitata dalla società civile, dal mondo accademico e dai media. È essenziale educare la popolazione sulla complessità delle donne, sulla questione della pace e della sicurezza, sullo status giuridico del paese e sull’importanza dell’unità. È necessario intensificare gli sforzi della diplomazia pubblica, sia a livello nazionale che internazionale, per mantenere il sostegno e combattere le campagne di disinformazione.

READ  Somaliland to hold long-delayed parliamentary election

Mantenere una presenza duratura e forte in WPS rimane cruciale nonostante le crescenti sfide. Questa presenza, da parte della Guardia costiera filippina (PCG), della Marina filippina (PN) e dell’Aeronautica filippina (PAF), è essenziale per condurre pattugliamenti marittimi di superficie e aerei nell’area. Le mosse assertive della Cina attraverso la Guardia costiera cinese, la Marina dell’Esercito popolare di liberazione e la milizia marittima aggiungono complessità e richiedono competenze marittime eccezionali. Ma la cautela deve evitare un’ulteriore escalation nonostante queste circostanze.

È essenziale sviluppare e sostenere le isole occupate dalle Filippine nel WPS, come l’isola di Pag-asa, e altre caratteristiche marittime con l’AFP come BRP Sierra Madre ad Ayungin Shoal. Inoltre, la gestione sostenibile delle risorse marine da parte dell’Ufficio per la pesca e le risorse acquatiche all’interno dei territori rivendicati dovrebbe essere una priorità per la conservazione ambientale e per creare una solida base per affermare i diritti sovrani. Incoraggiare le attività di pesca regolamentate da parte dei pescatori filippini e garantire la loro sicurezza rafforza i diritti sovrani delle Filippine. Coinvolgere l’Ufficio del Turismo (BOT) per promuovere l’ecoturismo in queste aree è un’altra strada da esplorare.

Ancora più importante, questa presenza forte e permanente deve essere coordinata e sincronizzata dal governo poiché significa e protegge la sovranità, i diritti sovrani e la giurisdizione delle Filippine nel sistema di protezione delle donne. Infine, richiede una leadership diplomatica, politica e di sicurezza qualificata per gestire la situazione in modo efficace.

Di fronte alle crescenti sfide, le Filippine stanno tracciando il percorso per proteggere la sovranità nel sistema WPS. Basandoci su una storica vittoria legale, rimaniamo fermi nel perseguimento del diritto internazionale e del sostegno globale. Diplomazia, partenariati strategici, unità interna e una forte presenza regionale sono le basi della nostra strada da seguire. Promuovendo l’unità, educando i nostri cittadini e rafforzando i partenariati con nazioni che la pensano allo stesso modo, rafforziamo la nostra posizione. Attraverso una forte presenza marittima, una gestione sostenibile delle risorse e l’ecoturismo, dimostriamo la nostra sovranità. Nell’unità e nella determinazione, le Filippine incarnano un impegno duraturo nei confronti dei propri diritti sovrani nei confronti del WPS, garantendo un futuro di pace, stabilità e prosperità.

READ  Rendere ECOWAS aperto agli investitori spagnoli - raccomanda l'ambasciatore del Ghana in Spagna

(Il tenente generale Aurelio P. Baldad (in pensione) ha servito come 8° comandante del comando di Mindanao orientale, 32° comandante della 3a divisione di fanteria (punta di lancia) ed ex vice capo di stato maggiore per le operazioni, J3 delle forze armate delle Filippine. Si è laureato al Master in Gestione dello sviluppo (con dipartimento) dell’AIM. Attualmente è vicepresidente della pianificazione e marketing cooperativo presso PAFCPIC, una cooperativa al servizio dei dipendenti AFP attivi e in pensione.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *