Il nuovo Bauhaus, lo stimolante concorso dell’Eurovisione per la bioarchitettura e il design

Legno, terra cruda e giardini: il New European Bauhaus Competition, concorso patrocinato dalla Commissione di Bruxelles per un mondo “Estetico, Sostenibile e Inclusivo”, ha vinto i suoi primi premi. Prediligere progetti locali e modesti.

Lo sviluppo sostenibile non è un obiettivo inverosimile. E inoltre, è già iniziato. È questo il messaggio che la Commissione Europea ha voluto trasmettere incoronando il 16 settembre 2021 a Bruxelles i primi vincitori del nuovo Bauhaus europeo. Nuovo Bauhaus? Sì, ma questo ha poco a che fare con la scuola di design fondata nel 1919 in Germania. Né docenti né studenti: è solo un voto dato ai progetti più innovativi del settore “trasformazione ecologica” e innovazione sociale.

L’idea di questo concorso è venuta da Ursula von der Leyen. Il Presidente della Commissione Europea non vuole limitare le sfide dell’economia carbon-neutral alla discussione tecnica, ma far sì che Il movimento artistico e culturale. Intende combinare la sua “Carta verde”, che mira a ridurre le emissioni di anidride carbonica del 55% entro il 2030, con risultati tangibili, gratificanti, belli e accessibili. Questi progetti lo dimostreranno “Riconnettersi con la Natura” Non è un lusso per ricchi, ma può accompagnarlo”. Uno stile di vita inclusivo e conveniente.

85 milioni di euro per project financing

Per l’Eurovision Green Innovation Competition sono state selezionate tramite votazione e poi una commissione di valutazione oltre 2.000 proposte europee, suddivise in dieci categorie, fortemente focalizzate sul settore delle costruzioni: luoghi di incontro e condivisione; rinnovamento degli spazi urbani e rurali; armonia tra l’ambiente costruito e la natura; ristrutturazione di edifici nello spirito dell’economia circolare; Prodotti, stile di vita, ecc. Sono stati assegnati due premi per ciascuna categoria, uno di 30.000 euro per i progetti esistenti e uno di 15.000 euro per i progetti presentati da candidati di età inferiore ai trent’anni. Ciò significa un totale di venti vincitori.

READ  Fiat Chrysler Automobiles a sua volta accusata in Francia di "inganno"

In Italia, a Terni, il Negozio Sperimentale Materieunite.

matrionette

Sul podio di Bruxelles hanno brillato in loro assenza il verde pastello, l’azzurro, il francese, il belga o l’olandese, mentre spagnoli e italiani si sono sfidati con pensieri amichevoli: a Los Santos de Mimona, paesino dell’Estremadura, LaFábrika detodalavida È un’ex fabbrica di cemento spagnola trasformata in luogo culturale. a Siviglia condizionamento del giardino L’acqua di condensa dei condizionatori viene utilizzata per irrigare piccole fattorie sospese piene di piante aromatiche. In Italia, a Terni a nord di Roma, matrionette È un negozio di prova per i test ambientali. E a Locorotondo, in Puglia, il festival “universale” di design e arte contemporanea essere urbano Il villaggio è attivo. Citiamo anche la Germania con Rosanna, Una guest house in legno a Rosenheim, in Baviera, e a Berlino, clima stratificato, Un gruppo di insegnanti e studenti lotta per una progettazione responsabile. Infine, le costruzioni in argilla dell’Austria Martin Rauch sui materiali ambientali.

La Commissione europea ha colto l’occasione per fare diversi bandi: il concorso si rinnoverà ogni anno, 85 milioni di euro finanzieranno progetti legati al nuovo Bauhaus europeo, verrà creato un think tank. Perché l’assegnazione di premi non sarà sufficiente per rendere l’economia più efficiente dal punto di vista ambientale. Come notato da uno dei vincitori, l’architetto tedesco Anna Heringer Devono essere implementate anche le riparazioni di base. Oggi, ad esempio, “Gli edifici verdi costano più del cemento perché richiedono più manodopera. Dovremmo tassare meno lavoro e più anidride carbonica”.

Vincitori del Premio Bauhaus.

Vincitori del Premio Bauhaus.

N.Lobet PRYZM foto

Valutate questa prima edizione: nonostante un certo aspetto di buona volontà nel catalogo, le nuove selezioni europee del Bauhaus colpiscono nei loro pregiudizi. Sono il riflesso perfetto del solito discorso produttivo: pochissima high-tech, nessun software paranoico, nessun cluster industriale, nessuna architettura o design stellato. Il concorso premia non i nomi, ma le umili imprese locali tramandate da estranei e spesso giovani. Chi saranno molto probabilmente i numeri della creazione a zero emissioni di carbonio di domani.

READ  Fatturato di 25 miliardi di euro a luglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *