Il mare in soccorso della Terra, come in un sogno di Ulisse.

Il mare in soccorso della Terra, come in un sogno di Ulisse.

A Lisbona, il Conferenza delle Nazioni Unite sull’Oceano si terrà dal 27 giugno al 1 luglio nel tentativo di preservare la salute degli ecosistemi marini. Per questo scopo, Tewfik Hakem parla con Christian Buchetmembro dell’Académie de marine, già segretario generale della Grenelle de la Mer e direttore del Centro di Studi Marittimi dell’Istituto Cattolico di Parigi, che ha recentemente pubblicato “Sfidiamo il mare Una rivoluzione marittima per fare della Francia la prima potenza economica mondiale” a Cherche midi, Simone Giovanninoscrittore, per la pubblicazione della sua raccolta di poesie “L’ultima stagione del mondo”, Francesco Stocchicuratore della mostra “Il sogno di Ulisse” a Villa Carmignac sull’isola di Porquerolles e Amelia Mougeycaporedattore di La rivista di fumetti.

Nel suo saggio “[Osons la mer.](Una rivoluzione marittima per fare della Francia la prima potenza economica mondiale”) Una rivoluzione marittima per fare della Francia la prima potenza economica mondiale “, Christian Buchet chiede un’esplorazione degli oceani e dei mari al fine di trovare le risorse di cui abbiamo bisogno sulla terra:

Nel 2050, al picco demografico, l’80% della popolazione mondiale sarà concentrata su una fascia costiera larga 75 km. Il mare giocherà un ruolo enorme e stiamo entrando in un nuovo tempo nella storia che sarà il tempo del mare. In qualsiasi momento e in qualsiasi luogo, rivolgersi al mare significa cavalcare le onde del successo (…) quindici anni fa pensavamo di conoscere dal 15 al 20% della fauna e della flora sott’acqua. Oggi, con lo sviluppo della metagenomica, che consiste nel sequenziare geni isolati, i biologi marini ritengono che non si conosca più del 3% della microbiologia marina. Quando distruggiamo il mare, distruggiamo molecole che non conosciamo, anche se sappiamo con certezza da circa quindici anni che l’Uomo emana dall’ambiente marino.. “

Ispirata all’Odissea di Omero, la mostra “Il sogno di Ulisse” si tiene fino al 16 ottobre a Villa Carmignac sull’isola di Porquerolles. In un’installazione labirintica, la mostra ci offre una rivisitazione aggiornata del mito di Ulisse attraverso diverse opere d’arte, come ci ha spiegato il suo curatore Francesco Stocchi :

Il sogno di Ulisse è un racconto noto a tutti, è un progetto speciale, che si svolge su un’isola che è luogo di destinazione e culmine di un viaggio. (…) La mostra è organizzata attorno ai punti cardinali del racconto: l’idea del tempo, l’idea della seduzione o anche l’idea del viaggio. (…) La lettura dell’Odissea cambia radicalmente a seconda di quando la si legge, ciò che è straordinario in certe opere letterarie o in certi dipinti è che si adattano, cambiano e risuonano in noi secondo la nostra evoluzione. Secondo la mia ultima lettura, Ulisse è più un antieroe, è un personaggio pieno di dubbi, che ha coraggio ma che perde il controllo del suo gruppo. È un essere umano, non un eroe distante e idealizzato.”

Veduta della mostra Il sogno di Ulisse - Villa Carmignac, Porquerolles Jorge Peris - Heroes boca a bajo, 2022
Veduta della mostra Il sogno di Ulisse – Villa Carmignac, Porquerolles Jorge Peris – Heroes boca a bajo, 2022

– © Jorge Peris, coproduzione Fondazione Carmignac e l’artista. Per gentile concessione dell’artista – Foto Thibaut Chapotot

Autore della raccolta “L’ultima stagione del mondo”, stabilitosi a Marsiglia di recente, Simone Giovannino ha una relazione con il mare”sia ingenuo che arcaico“:”Quando guardo il mare non ne vedo il potenziale, ma mi sembra di riconnettermi con qualcosa di immutabile che va completamente oltre la mia condizione umana. Quando vedo un paesaggio marino, mi dico che potrebbe esserci qualcuno che, 30.000 anni fa, ha visto esattamente la mia stessa cosa. È una fantasia ma è ciò che mi attraversa in quel momento. È un potenziale romantico inesauribile, dal punto di vista pratico e materiale, tutto è destinato a finire un giorno ma nell’ordine delle idee, della poesia, possiamo sfruttare quanto vogliamo..”

READ  Affare scommesse sportive | Tonali e Zaniolo interrogati poi esclusi dal raduno Italia

La cronaca di Amélie Mougey

Per il numero estivo di La Revue Dessinée, Amelia Mougey ci racconta il progetto di collegamento ferroviario titanico tra Lione e Torino avviato più di vent’anni fa, che non vede la fine del tunnel. Questa indagine, realizzata da Éliane Patriarca, Alberto Puliafito, Gregory Mardon e Lorena Canottiere, ci permette di guardare all’evoluzione di questo progetto su entrambi i lati del confine franco-italiano”con questa domanda: le cose accadono allo stesso modo? Troviamo le stesse dinamiche in Francia e in Italia? Amelia Mougey spiega perché questo progetto stenta ad andare avanti:

“Un tempo tutti gli ambientalisti eletti erano favorevoli al progetto perché era un periodo in cui tutte le strade tra Francia e Italia erano completamente saturate e gli abitanti non respiravano più. Oggi, a 25 anni dall’inizio del progetto lanciato sotto François Mitterrand, sempre più analisi di istituzioni riconosciute e apartitiche affermano che le previsioni di traffico e l’aumento del traffico sono state alquanto sopravvalutate e che potremmo sviluppare e utilizzare le strade esistenti per il contenuto dei camion sui treni. (.. .) In Francia la popolazione delle valli interessate da questo progetto è piuttosto invecchiata e dispersa, stranamente non è diventata un argomento di interesse nazionale, a differenza dell’Italia dove il movimento di protesta ha messo al centro e al centro il progetto Lione-Torino cuore dei dibattiti”.

Programmazione musicale

M, “Oceano” (2019)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *