“Il grande punto positivo di questa candidatura è che il progetto sembra plausibile”, ha risposto la campionessa di pattinaggio artistico Chloe Tresbusch.

“Il grande punto positivo di questa candidatura è che il progetto sembra plausibile”, ha risposto la campionessa di pattinaggio artistico Chloe Tresbusch.

Il progetto viene organizzato in un luogo “adatto agli sport invernali. Il clima è adatto. Abbiamo già le infrastrutture”, dice l’atleta.

pubblicato


Tempo di lettura: 1 minuto

La campionessa di pattinaggio di figura Chloe Tresbeuch durante una cerimonia all'Eliseo dopo le Olimpiadi invernali di Pechino, nel marzo 2022. (MYLENE DEROCHE / MAXPPP)

“Il grande vantaggio di questa applicazione è che il progetto sembra ragionevole.”Domenica 3 novembre, nel club d’informazione di franceinfo, gioite con Chloe Tresbeuch, la pattinatrice francese e vicecampionessa olimpica di pattinaggio di figura nel 2022. Al momento, l’assegnazione delle Olimpiadi invernali del 2030 non è stata ancora stabilita ufficialmente, ma L’unico paese candidato è la Francia, attualmente sono in corso trattative con il Comitato Olimpico Internazionale. “Sono assolutamente felice di questa notizia.”L’eroe continuò.

Il progetto è organizzato in loco “È adatto per gli sport invernali. Il clima è adatto. Abbiamo già le infrastrutture.”, elenca gli sport. Ricorda inoltre che le ultime gare olimpiche (Sochi, Pyongyang e Pechino) sono state “Eccezionale dal punto di vista delle prestazioni.”Ma dal punto di vista ambientale “Non è stato un buon esempio.”

“Gli sport invernali sono i primi sport a essere colpiti dal riscaldamento globale e noi tutti vogliamo essere un esempio del fatto che la pratica dello sport deve essere praticata nel rispetto dell’ambiente”., testimonia colui che domenica ha appena vinto la prima prova della Coppa del Mondo a Les Deux Alpes. Per lei questo è un progetto alpino per il 2030 “Molto più importante degli ultimi Giochi invernali.” Chloe Trespioch ammette che lei e gli altri atleti stanno crescendo “Siamo consapevoli e sensibili a questi motivi, soprattutto perché ci alleniamo per gran parte dell’anno sui ghiacciai e li vediamo svilupparsi con i nostri occhi, li vediamo sciogliersi. Questo ovviamente aumenta la nostra consapevolezza.”Lo ha spiegato l’atleta, presidente dell’associazione Ecoglobe.fr.

READ  Cosa facciamo con i giocatori stranieri di primo e secondo livello che partecipano alle qualificazioni agli Europei?

Per quanto riguarda la sua partecipazione alle Olimpiadi del 2030 (allora avrà 36 anni), la doppia medaglia olimpica rimane un mistero. La concorrenza in patria è ancora interessante: “Mi farò questa domanda molto più che se fossi altrove. Quando siamo a casa sentiamo questa energia con i tifosi e la famiglia e questo impegno che è decuplicato perché siamo con i nostri cari”.. Nel frattempo, Chloe Triesbuch si concentra sul suo obiettivo: i prossimi Giochi in Italia nel 2026, mentre continua i suoi studi a Sciences Po Paris.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *