Il G7 ha spianato la strada, la “palla” ora è nell’OCSE e nel G20

Lo storico accordo sulle tasse minime per le multinazionali è stato accolto con soddisfazione. I negoziati proseguiranno durante le riunioni del G-20 e dell’OCSE.

Lo storico accordo raggiunto al vertice del G7 su un’imposta minima del 15% sulle multinazionali, con l’obiettivo ultimo di porre fine all’evasione fiscale, ma anche di reperire risorse sufficienti affinché le economie facciano fronte agli effetti della crisi e ai disavanzi causati dal coronavirus , è stato accolto.

L’accordo prevede due regole fondamentali:

  • La prima prevede che le multinazionali debbano essere tassate ovunque ad un minimo del 15%.
  • La seconda riguarda tutte le multinazionali che hanno un margine di profitto di almeno il 10%. Daranno il 20% dei loro guadagni al paese in cui risiedono.

Ad oggi, le società multinazionali creano filiali locali in paesi con aliquote d’imposta sulle società relativamente basse e dichiarano lì i loro profitti. Pertanto, pagano solo l’aliquota fiscale locale, anche se i profitti provengono principalmente da vendite effettuate altrove, con il processo considerato pratica legale e regolare.

L’operazione riguarderà multinazionali di ogni tipo, ma principalmente colossi dell’high-tech come Amazon, Google e Facebook, oltre a:

  • Il G7 vuole un’aliquota fiscale globale minima per evitare il “deterioramento” in cui i paesi possono competere per le aliquote fiscali più basse per i clienti stranieri complessivi.
  • Le nuove regole hanno lo scopo di obbligare le aziende a pagare le tasse nei paesi in cui vendono i loro prodotti o servizi e non nei paesi in cui dichiarano i loro profitti.

L’accordo, firmato da Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania, Canada, Italia e Giappone, è stato accolto con favore dall’Unione europea e da molti paesi e dovrebbe spingere altri paesi a seguire l’esempio, in attesa del vertice del G20. il prossimo mese. Per avere effetto, anche le 20 economie più potenti del mondo devono essere d’accordo, ma deve esserci anche un accordo alla riunione dell’OCSE tra i suoi 139 Stati membri.

READ  Skylakakis per ... l'albero dei soldi di SYRIZA e i soldi che buttiamo dalla finestra | Bank Wars

L’Unione europea e gli Stati Uniti accolgono con favore l’accordo

Dopo il raggiungimento dell’accordo, la presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha dichiarato: “Accolgo con favore questa notizia positiva del G7 sull’imposta societaria minima. L’annuncio della Commissione sull’imposta sulle società spinge per la modernizzazione e una maggiore cooperazione internazionale in materia di imposta sulle società”. Tanta giustizia e pari opportunità.

Da parte sua, il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha parlato di un “balzo in avanti” e ha sottolineato: “Ora ci aspettiamo passi simili dal G20 e dall’OCSE”.

“Un grande passo dal G7 a un accordo globale senza precedenti sulla riforma finanziaria”, ha affermato il commissario Paolo Gentiloni. “La Commissione contribuirà attivamente alla realizzazione di tutto questo alla riunione del G-20 il prossimo mese a Venezia”, ​​ha affermato.

Oggi, il segretario al Tesoro degli Stati Uniti Janet Yellen ha affermato che il Gruppo dei sette ministri delle finanze ha assunto un “impegno importante e senza precedenti” per adottare un’aliquota minima globale dell’imposta sulle società del 15% per porre fine all'”equazione al ribasso” della tassazione delle società.

“La tassa minima globale aiuterà anche l’economia globale a prosperare uniformando i termini di concorrenza per le aziende e incoraggiando i paesi a competere su basi positive, come l’istruzione, la ricerca e le infrastrutture”, ha affermato.

Janet Glenn

Daniel Leal-Olivas / Foto della piscina via AP

Yellen ha lasciato intendere che la misura si applica sia ad Amazon che a Facebook. In risposta a una domanda in merito, ha affermato: “Includerà grandi società redditizie e penso che queste società soddisfino comunque le condizioni”.

altri paesi

“Dopo anni di discussioni, i ministri delle finanze del G7 hanno raggiunto un accordo storico per riformare il sistema fiscale globale per adattarlo all’era digitale globale”, ha affermato il cancelliere dello scacchiere britannico, Risi Sunak, che ha annunciato la decisione. Ha sottolineato, tuttavia, che “è difficile stimare quanto questo nuovo accordo darà i suoi frutti perché sono necessari più colloqui al vertice del G20”.

Da parte sua, il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire ha descritto l’accordo come un “trampolino di lancio” e ha promesso di lottare per “assicurare che questa tassa societaria minima sia la più alta possibile”.

“L’accordo è stato ‘storico’ per la sua controparte tedesca Olaf Souls, che ha affermato che le aziende non sarebbero più state in grado di evitare le tasse approfittando dei paesi a bassa tassazione”. La decisione sulla giustizia fiscale internazionale è storica. È una notizia molto buona. Sulla giustizia fiscale, la solidarietà e le cattive notizie sui paradisi fiscali in tutto il mondo”, ha ricordato, sottolineando che le discussioni continueranno.

Una “foto di famiglia” dei partecipanti al vertice del G7

Henry Nichols / Immagine della piscina tramite AP

Il ministro delle Finanze italiano Daniele Franco ha espresso la speranza che il vertice del G20 in Italia a luglio raggiunga un accordo sulla tassazione delle imprese.

“Riteniamo che raggiungeremo un accordo a livello del G20 in modo che questi pilastri diventino uno standard fiscale globale”, ha affermato, osservando che le nuove normative si rivolgono non solo alle aziende del settore digitale, ma a tutte le multinazionali.

Prenotazioni

Tuttavia, ci sono molti stati che effettuano prenotazioni. Il primo è stato il capo dell’Eurogruppo, il ministro delle finanze irlandese Pascal Donoghue – l’Irlanda tassa le multinazionali al 12,5% – che ha affermato che qualsiasi decisione deve tenere conto delle sensibilità dei Paesi più piccoli.

Donohue, scrivendo su Twitter, ha commentato che qualsiasi accordo definitivo sulla riforma delle normative fiscali internazionali sulle società deve soddisfare le esigenze sia dei piccoli che dei grandi paesi: “È nell’interesse di tutti avere un accordo sostenibile, ambizioso ed equo per l’architettura fiscale internazionale. avanti per avviare discussioni all’OCSE Economia e sviluppo Ci sono 139 paesi sul tavolo e qualsiasi accordo deve soddisfare le esigenze dei paesi piccoli e grandi, sviluppati e in via di sviluppo.

Feedback “positivo” da Google-Facebook

Le prime reazioni delle aziende high-tech Google e Facebook, che sono tra coloro che affronteranno questa azione, sono state ottime e un segnale positivo.

Google ha affermato di “sostiene fortemente” il lavoro in corso per aggiornare le norme fiscali internazionali. “Speriamo che i paesi continuino a lavorare insieme per garantire che un accordo equilibrato e duraturo sia finalizzato molto presto”, ha affermato il portavoce Jose Castaneda.

ID 185951544 © Rafael Henrique | Dreamstime.com

Il capo degli affari internazionali di Facebook, Nick Clegg, ha dichiarato su Twitter che la società “ha chiesto a lungo una riforma fiscale globale e accogliamo con favore i significativi progressi compiuti al vertice del G7. L’accordo di oggi è un primo passo importante verso la sicurezza delle imprese e la costruzione della fiducia del pubblico”. nel sistema fiscale globale”.

Tuttavia, ha riconosciuto che ciò significa che la società dovrà pagare più tasse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *