Economia: il G7 vota lo storico accordo sull’aliquota minima d’imposta sulle società

pubblicato

Aggiornare

Durata del video: 2 minuti.

Francia 2
Articolo di

Lerouge, A. Beirut, M. Angliad, L. Sodri – Francia 2

TV francesi

a Londra (Regno Unito), Il ministri delle finanze Sabato 5 giugno le nazioni del G7 hanno votato su uno storico accordo per introdurre un’aliquota minima dell’imposta sul reddito delle società.

È un accordo storico che sembra una rivoluzione. Il ministri delle finanze Sabato 5 giugno le nazioni del G7 si sono incontrate a Londra per discutere di una tassa globale. Quest’ultimo riguarda un’imposta minima sugli utili delle multinazionali 15% Per evitare il dumping finanziario. Con questo affare e l’aliquota fiscale minima, possiamo garantire che i paesi e le imprese, ovunque operino, siano in condizioni di parità.‘, tirati su piumato sonakministro delle finanze britannico.

Questo voto è stato reso possibile dalla nuova amministrazione Joe BidenMentre Donald Trump l’ha fatto esplodere tre anni fa. Un’altra misura si rivolge direttamente alle multinazionali altamente redditizie, come i giganti digitali. Questo è storico perché per la prima volta i giganti digitali saranno tassati quando per anni saranno in gran parte evasi dalle tasse. Concretamente, hai una multinazionale che fa profitti in Francia, che decide di trasferirsi in un paese dove paghi solo l’1, 2 o il 3% dell’imposta sulle società. Bene, dovrà pagare la differenza alla FranciaDettagli Bruno Le Maire. L’accordo sarà approvato da Joe alla fine della prossima settimana Biden E gli altri capi di stato del Gruppo dei Sette, dovrà poi essere adottato da G20 Il prossimo luglio, in Italia.

READ  I giganti della tecnologia sono esenti dall'imposta societaria minima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *