Sull’austerità, l’Europa ha cambiato i suoi programmi.

Clement Bonn, ministro di Stato per gli affari europei, afferma che il modello sociale europeo ha protetto i cittadini dalla crisi meglio degli Stati Uniti. Ha spiegato che la priorità dell’UE ora è quella di andare avanti su questioni sociali, come la formazione e l’occupazione. Ma alcuni paesi sono ancora riluttanti a fissare standard minimi comuni.

Al Vertice sociale di Porto all’inizio di maggio, gli europei hanno adottato una dichiarazione congiunta per rafforzare l’Europa sociale, ma questo testo non è vincolante. È un fallimento?

Non la penso così. Durante la crisi, il modello sociale europeo è stato più protettivo di quello statunitense, con ammortizzatori automatici, un alto livello di spesa sociale, nonché vari meccanismi messi in atto, come la sottoccupazione o l’assistenza generale ai dipendenti. famiglie e aziende. Gli europei lo hanno riconosciuto e dovrebbero esserne orgogliosi.

Il Vertice di Porto si è svolto in questo momento cruciale in cui iniziamo a presentarci nel periodo post-crisi, per esaminare come rafforzare il modello europeo per rispondere alle preoccupazioni dei cittadini, in particolare dei giovani. Non è tecnocratico o remoto. La dichiarazione rafforza le basi dei diritti sociali adottati a Göteborg nel 2017 e diffusi in tutta Europa, come il congedo parentale e presto il salario minimo europeo. È stato sostenuto dalla grande partecipazione delle parti sociali. L’obiettivo è dimostrare che l’Europa non è una giungla competitiva che cade a danno dei cittadini: al contrario, può e deve proteggere.

Tuttavia, gli Stati membri sono profondamente divisi su questo tema. Come si superano queste linee di faglia?

Devi essere chiaro. I poteri dell’UE in materia sociale rimangono limitati e, sebbene siano stati compiuti progressi dal 2017, un certo numero di paesi ha ancora bisogno di persuasione per aderire. Ci sono due tipi di riluttanza. Quelli dei paesi nordici, in primis, che si evidenziano soprattutto intorno alla direttiva sui salari minimi. Temono che la qualità del loro modello sociale venga erosa dall’Europa o che interferisca con la loro contrattazione collettiva nazionale: un timore infondato.

READ  Economia: il G7 vota lo storico accordo sull'aliquota minima d'imposta sulle società
Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche È possibile una “Europa sociale forte”?

Da parte loro, i paesi dell’Est temono che l’Europa distrugga i loro vantaggi competitivi. È chiaro che né la Bulgaria né la Romania né l’Ungheria saranno in grado di soddisfare gli standard occidentali in termini di salario notturno. Questi paesi devono tuttavia capire che questo movimento non è contro di loro, ma contro il dumping sociale. Empowerment sociale nel loro interesse.

Hai il 76,79% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *