Il fisico Carlo Rovelli si avventura oltre i buchi neri

Il fisico Carlo Rovelli si avventura oltre i buchi neri

Parigi (AFP) – Con il suo ultimo lavoro, “White Holes”, il fisico Carlo Rovelli descrive la sua ricerca “con l’occhio della mente” per il futuro dei buchi neri, in un “diario” intervallato dalla poesia di Dante, che dà il posto d’onore ai “buchi neri”. Emozioni fornite dalla ricerca scientifica.

Pubblicato su:

4 minuti

Il direttore della ricerca del Centro nazionale per la ricerca scientifica, che vive in Canada, ha spiegato all’Agence France-Presse che l’esistenza dei buchi neri non è più in dubbio. “Abbiamo un’idea della sua formazione, con una stella che finisce di bruciare”, ha detto, prima di crollare su se stessa. Concentrando in un volume così piccolo una massa tale da cui nulla può sfuggire, nemmeno la luce.

ma dopo? “Dove va a finire il materiale?” si chiede il fisico 67enne, che nella sua opera (Filmarion) descrive una sorta di imbuto, invisibile a qualsiasi osservatore esterno, che diventa col tempo sempre più lungo e stretto, e in fondo al quale si trova la stella che ha dato vita a Il buco nero.

L’architettura di questo spazio “è molto simile all’architettura dell’Inferno di Dante” Alighieri, scriveva Carlo Rovelli, che scelse di accompagnare il suo racconto l’opera del suo autore e connazionale preferito, il poeta e pensatore italiano del XIII e XIV secolo.

Il che porta il lettore in questo “mondo cieco (…) dove le equazioni non sono più valide”. Perché la teoria della relatività generale, che spiega il funzionamento dell’universo, è in conflitto con le regole della fisica quantistica che governano l’infinita piccolezza.

Carlo Rovelli è uno dei fondatori della teoria della gravità quantistica a loop, un tentativo di conciliare questi due mondi. Oggi ammette di aver “perso ogni interesse per lo sviluppo della teoria in sé” e ora preferisce “cercare prove” nello studio dei buchi neri.

READ  Una nuova teoria spiega perché i nostri sogni sono strani

“La conoscenza è agrodolce”

Nel suo lavoro, presuppone che ad un certo punto ciò che resta della stella sul fondo del buco nero “rimbalzerà” e trasformerà il buco nero in… un buco bianco. Un essere in cui nulla può entrare, a differenza del suo predecessore. Un oggetto attualmente non rilevabile, forse “spesso come un capello”, che sta lentamente perdendo energia.

Prima immagine dell’alone di materia che circonda un buco nero, fornita dall’Osservatorio Europeo Australe, 10 aprile 2019 © – / Osservatorio Europeo Australe / Agence France-Presse

Scrive che esplorare questo mondo cieco richiede “vedere con gli occhi della mente” e rispettare il delicato equilibrio “tra ciò che portiamo con noi e ciò che lasciamo dietro di noi”.

Come i fisici che da secoli raccolgono e ricompongono “tessere del puzzle della nostra conoscenza”, obbligandosi ogni volta a guardare le cose da una prospettiva nuova: da Anassimandro, che capì nel VI secolo a.C. che la Terra è sospesa nello spazio , a Einstein, la cui teoria della relatività generale postula La geometria dello spazio e del tempo è un gioco di forza gravitazionale.

Il fisico racconta un viaggio pieno di dubbi, perché “la scienza è agrodolce”. Descrive il suo libro come “le memorie di un ricercatore che guarderà nell’oscurità per cercare di capire il mondo”. E condividi con il tuo lettore “le sensazioni che proviamo quando cerchiamo”, che crediamo di aver trovato.

Perchè fare riferimento alla Divina Commedia di Dante? Perché Carlo Rovelli vede “un parallelo tra ciò che accade nella produzione artistica e nella produzione scientifica”, dice. Al di là della loro creatività, ognuno di loro “può darci una migliore comprensione del mondo”.

READ  L'insegnante di matematica che ha avuto successo con i giovani e i loro genitori

Immaginare ciò che accade sul fondo di un buco nero è come uno scrittore che immagina ciò che accade nella testa dei suoi personaggi. “Quando ho letto ‘Les Misérables’ di Victor Hugo, che è una storia di fantasia, sono arrivato a una diversa comprensione degli esseri umani”, spiega.

La letteratura o la pittura “ci danno occhi migliori per guardare il mondo, e questo è esattamente ciò che fa la scienza”, dice Carlo Rovelli, che non si sottrae al piacere di guardare le stelle, senza cercare nulla a che fare con esse. Capisce.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *