Il dottor Frankenstein esisteva ed era al servizio di Stalin

Il dottor Frankenstein esisteva ed era al servizio di Stalin

I primi miti e leggende parlano già di creature metà umane e metà animali. Il Minotauro – un corpo umano con la testa di toro – è una delle creature più famose. E se queste ibridazioni uomo-animale non fossero solo un mito? E se potessimo creare un nuovo essere, metà umano e metà scimmia?

Questo è ciò che avrebbe dovuto accadere alle 8 del mattino del 28 febbraio 1927, quando il biologo russo Ilya Ivanovich Ivanov inseminò una femmina di scimpanzé con sperma umano. Ivanov era professore all'Istituto zoologico di Mosca e allora era un'autorità nel campo dell'inseminazione artificiale. Le sue tecniche rivoluzionarie funzionano così bene che può inseminare fino a 500 cavalle con lo sperma di un singolo stallone. Incontrò anche topi, ratti, arvicole, porcellini d'India, antilopi e mucche.

La creazione di una creatura ibrida tra uomo e scimmia è per lui solo una logica continuazione dei suoi esperimenti sugli animali. Per la prima volta sollevò questa possibilità al Congresso mondiale di zoologia di Graz nel 1910 – e la cosa ebbe risonanza. In realtà questa idea circola nella comunità scientifica da molto tempo. Ha promesso di saperne di più sulle origini umane.

Il sentimento antireligioso che aveva prevalso dalla rivoluzione del 1917 andò a vantaggio di Ivanov. Il regime bolscevico vuole sopprimere il clero, quindi il ricercatore è al passo con i tempi chiedendo all'Accademia delle Scienze di sostenerlo. “Se fosse stato in grado di incrociare una scimmia e un essere umano e produrre una prole vitale, significherebbe che Darwin aveva ragione nel pensare che fossimo molto vicini”, ha detto. Lo spiega lo storico russo Allie

READ  Per contrastare gli incendi, Béchu annuncia le "Previsioni meteorologiche forestali"

Il resto spetta agli abbonati.

  • Accedi a tutti i contenuti condivisi
  • Supporto alla scrittura freelance
  • Ricevi la sveglia ogni mattina

Fonte dell'articolo

Zeitung della Germania meridionale (Monaco)

Fondato nel 1945, il quotidiano della Germania meridionale è uno dei principali quotidiani del paese. Ha tendenze liberali ed è un grande difensore dei valori democratici e dello Stato di diritto. Usa o ha usato le migliori piume del paese. La sua Pagina 3, che pubblica importanti reportage e articoli di approfondimento, è un'istituzione. Il giornale si distingue anche per l'importanza che attribuisce alla cultura, trattata nelle pagine immediatamente successive alla pubblicazione delle notizie politiche.

Per saperne di più

I nostri servizi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *