Il controverso fenomeno delle “luci sismiche” suscita l’interesse di netizen e scienziati

Il controverso fenomeno delle “luci sismiche” suscita l’interesse di netizen e scienziati

Dopo il terremoto dell’8 settembre in Marocco si sono diffusi sui social media video amatoriali che mostravano fenomeni ottici presentati come collegati al terremoto. A volte vengono descritte come “luci sismiche”, un fenomeno che la scienza trova difficile spiegare.

“Non lavoro su sfere di cristallo o sul canto degli uccelli.” Il sismologo Lionel Siamese si fa beffe quando menziona il fenomeno delle luci sismiche. collega Jean Ferio, Avverte con un sospiro: “È un argomento che ha già fatto circolare molto inchiostro”. Ancor di più dopo il mortale terremoto avvenuto l’8 settembre in Marocco.

>> Terremoto in Marocco: Perché l’epicentro del terremoto è lontano dalla zona sismica attiva del Paese?

Molti video postati sui social hanno ravvivato l’interesse per questo fenomeno che la scienza fatica a spiegare. Condiviso sabato 9 settembre SU (ex Twitter), un video inizialmente trasmesso su TikTok ha ricevuto più di 1 milione di visualizzazioni. Appare come dice il suo autore. “palle bianche” Nel cielo di Marrakech, “Dalla notte dell’8 a sabato 9”. “Spiegamelo nei commenti”– chiede il videografo.

Questi lampi luminosi e gli aloni che si verificano prima, durante o subito dopo un terremoto hanno incuriosito per decenni ricercatori e semplici testimoni dei terremoti. “Ci sono molte domande su quali fenomeni fisici potrebbero essere presenti prima che si verifichi un terremoto”.Certamente le luci sismiche sono uno degli argomenti più importanti di controversia in sismologia, avverte subito Jean Verreux, professore emerito dell’Istituto di geoscienze di Grenoble.

In risposta a questo video, fa apparire alcuni messaggi “Palloncini spia cinesi”I satelliti Starlink e il progetto di studio americano sulla ionosfera HAARP. Frequentatore abituale di deliri cospirativi, è già stato accusato di aver causato il terremoto del 6 febbraio 2023 in Turchia e Siria. Un altro videoQuando vediamo brevi lampi di luce bluastra, provocano lo stesso tipo di reazione.

READ  Allarme tornado alzato per il Saskatchewan meridionale

Di fronte a queste folli teorie molti rispondono in buona fede che potrebbe essere proprio così “luci sismiche”. Una spiegazione apparentemente scientifica viene utilizzata per contrastare la retorica a volte addirittura cospiratoria.

>> Vero o falso. Terremoto in Marocco: confermiamo tre false informazioni che circolano sui social media

“Per me questi video non mi interessano.”Il giudice Michel Barrot, ex direttore della ricerca presso il Centro nazionale per la ricerca scientifica e specialista francese in luci sismiche. Lo scienziato era molto interessato a questi fenomeni, ma confuta l’autenticità dei documenti amatoriali, sui quali non ha senso lavorarci.“Non ha alcun interesse Perché non sappiamo esattamente dove è stato catturato, non sappiamo esattamente come è iniziato il fenomeno e non sappiamo come finisce…”Michel Barrot si giustifica. Passando dalle registrazioni amatoriali del fenomeno all’osservazione scientifica, “Dovremmo dotare una zona sismica di attrezzature che funzionino 24 ore su 24, ma bisogna aspettare l’evento. Possiamo aspettare decenni prima che un evento si verifichi in una zona.”

“Non esisteva alcuna documentazione scientifica di questo tipo di fenomeno.”

Michel Parrott, ex direttore della ricerca presso il Centro nazionale per la ricerca scientifica

In Francia Informazioni

Tuttavia, le ipotesi scientifiche tentano di spiegare questi fenomeni ottici sismici. AI ricercatori hanno esplorato in particolare il percorso delle interazioni elettromagnetiche. “Cosa succede sotto terra” Durante il terremoto, Può essere modificato “L’ambiente elettromagnetico dell’atmosfera”Jean Ferrio avanza cauto. “Durante un terremoto, c’è un’enorme energia in gioco. Comprime le rocce. Tutto ciò modifica la corrente che circola tra la superficie terrestre e la ionosfera.” Michel Barrot spiega.

READ  Esercizio: E il momento ottimale per massimizzare la combustione dei grassi è ...

La ionosfera è la parte superiore dell’atmosfera terrestre, situata tra 60 e 1.000 chilometri sopra il livello del mare, ed è caratterizzata dalla ionizzazione degli atomi: perdono elettroni sotto l’influenza della radiazione ultravioletta proveniente dal Sole. Modificando la corrente che scorre tra la superficie terrestre e la ionosfera, possono verificarsi terremoti All’origine delle luci che vediamo prima, durante o anche dopo i terremoti. Questi sono fenomeni transitori, nel senso che durano solo pochi millisecondi.“, dice l’ex direttore della ricerca del CNRS.

Polemica tra i sismologi

secondo Indagine geologica degli Stati Uniti (USGS) “A“I geofisici non sono d’accordo con questo.” Sulla verità di queste luci sismiche. Lo scienziato affiliato a questo istituto americano, John Deere, che Scrivi un articolo Dal 1977 su questo fenomeno. Lì sono già state riprodotte fotografie amatoriali di queste luci.

Una foto pubblicata nel 1977 in una pubblicazione scientifica della John Deere mostra un fenomeno luminoso in Giappone nel 1966. (Bulletin of the Seismological Society of America)

Nel 1977, John Deere effettivamente scrisse: Qualsiasi tentativo di spiegare questo fenomeno è accompagnato da grandi difficoltà e dubbi […] L’esistenza di questo fenomeno è ben accertata, anche se non è stata ancora fornita alcuna spiegazione pienamente soddisfacente”. La buona parola nella comunità scientifica americana era che lo studio delle luci sismiche lo era “Il lato oscuro della sismologia” Segnalato da Michel Parrott.

“I terremoti sono fenomeni imprevedibili.”

Il sismologo Lionel Siamese

In Francia Informazioni

Scienziato del Centro Europeo per la Ricerca e l’Istruzione nelle Geoscienze Lionel Siamese conferma questa tradizione di diffidenza quando menziona le luci sismiche. Per questo ricercatore: “Possiamo solo renderci conto che la faglia potrebbe generare un terremoto. Ma non aspettatelo. IForse ci sono cose che ci sfuggono, ma anche se le luci sismiche fossero un segnale di avvertimento, sarebbero troppo vicine al terremoto per essere utili nel prevederlo.

Tra il 2004 e il 2010: satellite francese per il monitoraggio dei terremoti

Tuttavia l’idea è stata introdotta circa vent’anni fa: rilevare le luci sismiche per prevedere i terremoti. Per esplorare questa rotta è stato lanciato il satellite francese Demeter. Attivo dal 2004 al 2010, il suo direttore scientifico era nientemeno che Michel Barrot. Fino a pochi anni fa, prevedere un terremoto dallo spazio sembrava una bufala scientifica. Allora era emozionato lancio In un articolo su questo satellite “Rilevatore di terremoti.” “Tuttavia, questa mattina, il CNES (l’agenzia spaziale francese) metterà in orbita Demeter, un satellite la cui missione sarà proprio quella di testare questa idea”.

“La missione Demeter non ha osservato fenomeni ottici perché non avevamo strumenti ottici a bordo“, precisa Michel Parrott. Ma avevamo misurazioni della ionosfera Sul posto. Quando il satellite è passato sopra un terremoto, abbiamo cercato di vedere se ci fosse una differenza in quella che chiamiamo densità elettronica nella ionosfera. A quali conclusioni è arrivata questa ricerca? “Abbiamo fatto statistiche e prima che si verificassero i terremoti c’erano molti disturbi nella densità della ionosfera.”Lo conferma Michel Barrot. Ma allo stato attuale delle conoscenze scientifiche “È impossibile prevedere un terremoto”.conclude Michel Barrot. “EHIÈ possibile emettere un avviso indicando che in una determinata area sono stati osservati fattori anomali associati all’attività sismica. Ma non possiamo prevedere esattamente cosa accadrà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *