A quale famiglia appartengono questi rettili marini vissuti in Cina 250 milioni di anni fa?

A quale famiglia appartengono questi rettili marini vissuti in Cina 250 milioni di anni fa?

Lo scheletro postcraniale parziale di questa specie è stato scoperto nel 2019 nella cava di Yingzishan in Cina. Attualmente è ospitato nel Museo Geologico dell’Università di Tecnologia di Hefei. soprannome Prosaurosphargis yingzishanensis Secondo gli specialisti, questi rettili marini si sono evoluti nelle acque poco profonde dell’oceano a sud dell’attuale Cina. Può raggiungere una lunghezza di 1,50 metri ed è caratterizzato dalla presenza di uno scudo di scaglie ossee (presenti in alcune lucertole, coccodrilli e armadilli) chiamato Osteodermi. Secondo gli specialisti, questo rettile era probabilmente uno dei più grandi del suo ecosistema marino!

Lo scheletro postcraniale parziale di Prosaurosphargis yingzishanensis è stato scoperto nella cava Yingzishan, parte della formazione Jialingjiang, in Cina. Notizie scientifiche

Un tipo di rettile nato dopo l’estinzione della fine del Permiano

Come ricorda John LiuDiversi gruppi di rettili hanno invaso il dominio marino” E “Ha svolto un ruolo centrale nella riorganizzazione della catena alimentare marinaTra questi c’è la classe delle lucertole con pinne chiamate… Agrodolce Si è evoluto con grande diversità alla fine del Triassico inferiore. Secondo i paleontologi, i rettili appartenenti a questo clade rimasero importanti predatori marini negli ecosistemi fino alla loro estinzione alla fine del tardo Cretaceo.

>>Leggi anche: Il modo in cui si nutrivano questi rettili marini in epoca preistorica era simile al modo in cui si nutrivano le balene

Diversità dei sauropterigi: da sinistra a destra sono rappresentati notosauri, placodontidi, plesiosauri e brachyuchenius (Wikimedia Commons)

A quale famiglia appartiene Prosaurosphargis yingzishanensis?

Questa domanda è al centro di uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Biologia evoluzionistica. I ricercatori determinano che i Sauropterygia erano divisi in due gruppi distinti: Placodontia durofago Collo corto (simile a una tartaruga) e Ali di Eusaurus Dal collo lungo (che include i plesiosauri).

Sausauridi Quanto a loro, avevano un’armatura ossea e venivano spesso considerati appartenenti a un gruppo gemello dei Sauropterygia. Come accennato Condividi la scienzaQuesta caratteristica armatura era probabilmente essenziale per la loro sopravvivenza nelle acque poco profonde dell’oceano. Avrebbe permesso ai rettili di diventare più pesanti e di raggiungere più facilmente i fondali marini brulicanti di prede.

READ  pittura. “Credo nel destino”: dal Gers alla NASA, sogna un giorno di andare nello spazio

Eseguendo un’analisi filogenetica dei resti di Prosaurosvargis yingzishanensis, i ricercatori hanno notato somiglianze tra questa specie e i Sauropterygians della famiglia dei plesiosauro. Dopo questa scoperta, i ricercatori hanno proposto di rivedere la classificazione di queste specie incorporando i saurosvargiidi nel gruppo dei Sauropterygia e collegandoli anche al clade degli archilosauri (che raggruppa insieme tartarughe e arcosauri).

fonti: Notizie scientifiche / elifesciences.org / lifescience.com

>>Leggi anche: Il Chocarosaurus: chi è questo dinosauro gigante scoperto di recente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *