Il ceppo britannico di coronavirus ha acquisito una mutazione nel nostro Paese, tipica del Paese brasiliano

Professor Todor Kantardzhiev

Una lettura del genoma del virus Corana isolato da Bulgari ha mostrato che la variante britannica del virus aveva acquisito una mutazione caratteristica per il virus brasiliano. Questo è ciò che il professor Todor Kantardzhiev, direttore del Centro nazionale per le malattie infettive e parassitarie, ha detto a “24 Shas”. L’uomo era gravemente malato ed è morto nonostante gli sforzi dei medici. L’uomo della capitale, nella fascia di età 80-90.

Questo tipo di cambiamento nel Coronavirus è stato segnalato dagli Stati Uniti e dall’Europa: sono stati descritti 5 casi dagli Stati Uniti e in totale il maggior numero di paesi del nostro continente.

Alla domanda su cosa è necessario fare in Bulgaria per ridurre i rischi, il professor Kantardjiev ha fornito 4 suggerimenti.

I campioni virali devono essere prelevati da persone vaccinate che si sono ammalate più di 15 giorni dopo la seconda iniezione e testati. Lo stesso vale per le persone che si ammalano di nuovo dopo una comprovata infezione da PCR qualche tempo fa. È necessario fornire i materiali per i test da parte di persone che mostrano sintomi di infezione da Coronavirus entro 7 giorni dal loro rientro dall’estero. Lo stesso è consigliato dopo aver risieduto in tutti i paesi con le cosiddette fastidiose varianti di mutazioni, specialmente quelle indiane. Il Centro Nazionale ha la capacità di leggere il genoma e, se necessario, avvisare dei cambiamenti nel corso dell’epidemia.

“Abbiamo trovato la nuova mutazione negli studi SARS-CoV-2 mediante sequenziamento genetico di una nuova generazione di campioni clinici prelevati da diverse parti del Paese. Così, per la prima volta in Bulgaria, abbiamo rilevato una mutazione di particolare importanza K417T, che è presente nella variante virale britannica B.1.1. 7 (VOC 20 2012/01). È tipica della variante virale brasiliana P1. L’uomo era gravemente malato e gli è stata eseguita la rianimazione respiratoria e un trattamento intensivo “, ha detto il professor Kantardzhiev . Ha aggiunto che le mutazioni K417N o K417T nella proteina di elevazione del virus compaiono in diverse righe, K417N nella riga B.1.351, che si trova in Sud Africa, e la mutazione K417T nella riga P.1, che ha avuto origine in Brasile. Il numero nel loro nome deriva dalla posizione dell’amminoacido 417 nella proteina spike, che cambia da lisina ad asparagina o treonina.

READ  Preparare la più grande mappa della materia oscura può aiutarci a capire l'universo

Si ritiene che la mutazione induca il virus a legarsi più fortemente ai recettori di mediazione della cellula. Secondo alcuni studi, la mutazione K417T potrebbe essere difficile da sconfiggere dalle difese immunitarie dei sopravvissuti e dei vaccinatori.

Il professore ha commentato che il minor numero di test nell’ultima settimana potrebbe essere il risultato di una rassicurazione illusoria per le persone che abbiamo chiuso con il pericolo e che potremmo anche non seguire le procedure di base.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *