Il carburante per razzi di Marte potrebbe provenire da un organismo nel nostro intestino

Ci sono molti tipi di carburante per missili. Alcuni di loro sono più utili su un particolare pianeta. Alcuni di essi possono essere prodotti dai batteri. squadra di Georgia Tech Ha trovato un carburante per missili con un interessante mix di quelle proprietà che potrebbero essere un punto focale di Utilizzo delle risorse del sito – Su Marte.

2,3-butandiolo Potrebbe non essere un nome familiare come metano, che è comunemente usato come carburante per missili sulla Terra. Viene utilizzato principalmente nella fabbricazione di prodotti in gomma. Ma ha un grande impatto quando viene bruciato con ossigeno liquido (pesce affumicato). Abbastanza colpi per essere in grado di sollevare un’astronave in orbita attorno al pianeta rosso.

Video dello Utah che discute l’uso delle risorse in mondi diversi per creare materiali di valore.

Inoltre, il 2,3-butandiolo è relativamente facile da sintetizzare. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno sono dei bioreattori e dell’anidride carbonica. I bioreattori, che hanno le dimensioni di quattro campi da calcio nella proposta descritta dal team GT, hanno un processo a più stadi che inizia con i cianobatteri (noti anche come alghe). cianobatteri Farà la fotosintesi come parte del suo ciclo di vita naturale, assorbendo l’anidride carbonica dall’aria marziana.

Dopo che le alghe hanno svolto il loro lavoro, vengono introdotte negli enzimi che le scompongono in complesse molecole di zucchero. Questi zuccheri vengono poi somministrati ad altri batteri – coli batteriUno dei preferiti dagli studenti di biologia di tutto il mondo. Nutrendosi degli zuccheri dei cianobatteri morti, l’Escherichia coli produce 2,3-butandiolo, un tipo di combustibile per razzi, che deve poi essere separato dalla zuppa generale del bioreattore.

Concezione artistica di una base di Marte.NASA

Alla fine del processo, c’è un propellente (2,3-butandiolo) che può reagire con un agente ossidante. Fortunatamente, questo processo crea anche ossigeno puro come sottoprodotto di uno dei passaggi. Quindi un singolo processo potrebbe estrarre CO2 dall’atmosfera marziana e produrre sia l’ossidante che il carburante necessari per il carburante dei razzi. Il carburante per razzi convenzionale, come il metano, deve essere spedito dalla Terra se deve essere utilizzato in luoghi lontani come Marte. Queste spedizioni potrebbero costare miliardi di dollari per la quantità di carburante per missili necessaria per riportare su Marte una nave carica di esseri umani.

READ  Super informazioni dalla NASA: l'acqua è la fonte dell'asteroide TOI-1231 b trovato vicino alla Terra? | Il programma di esplorazione degli esopianeti della NASA ha scoperto un nuovo esopianeta a 90 anni luce dalla Terra

Allora perché il 2,3-butandiolo non è stato offerto come soluzione al problema della creazione di carburante per missili precedentemente costoso? Perché non è particolarmente buono, almeno sulla Terra. Marte ha un pozzo gravitazionale molto più piccolo, che consente al combustibile meno potente rimasto di lanciare efficacemente un razzo in orbita. Inoltre, la mancanza di ossigeno nell’atmosfera rende il 2,3-butandiolo una scelta più attraente per un propellente.

Il carburante in orbita può cambiare le regole del gioco, come spiega questo video UT.

Anche se questo suona come un processo ideale per creare una preziosa risorsa del nulla su un altro pianeta, prima bisogna superare alcuni intoppi. Il primo è se cianobatteri ed E. coli possono farlo vive a ambiente marziano. La sua atmosfera dura e il bagno radioattivo costante possono degradare rapidamente gli organismi e sarebbe potenzialmente molto costoso racchiudere una fattoria di combustibile per missili in una cupola ecologica. Affinché il processo abbia successo, questi potenti batteri devono operare nell’atmosfera aperta di Marte.

Ci sono stanze di simulazione in cui questo lavoro può essere svolto prima che sia pianificata una missione completa su Marte. Ed è esattamente ciò che il team GT spera di fare presto: testare il loro processo in un modello più realistico del clima secco marziano. Con un po’ di fortuna, aiuteranno a introdurre un nuovo tipo di carburante per missili coltivato biologicamente nel mix su Marte.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato universo oggi di Andy Thomaswick. Leggi il L’articolo originale è qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *