I vermi che si nutrono di punti quantici di carbonio producono seta fluorescente

I vermi che si nutrono di punti quantici di carbonio producono seta fluorescente

⇧ [VIDÉO] Potrebbe piacerti anche questo contenuto del partner (dopo la pubblicità)

Gli scienziati della Fudan University di Shanghai hanno sviluppato una tecnica per far brillare i bachi da seta, che consiste nel nutrirli in “punti quantici di carbonio”. Sorprendentemente, i vermi producono seta che ha la stessa proprietà.

I risultati della ricerca del team sono stati pubblicati sulla rivista materiale avanzatoS. Riferiscono sui progressi che hanno fatto nella “produzione” del baco da seta fluorescente. Tutto il beneficio di questa trasformazione risiedeva nella seta naturalmente secreta da queste piccole bestie. In effetti, il processo utilizzato dai ricercatori per generare questa fluorescenza conferisce la proprietà alla seta stessa.

Quindi sarà possibile produrre tessuti fluorescenti, ma è anche possibile avere applicazioni più tecniche secondo gli scienziati, in particolare nell’ingegneria biologica e per lo sviluppo di prodotti medici.

Il Bombex di più, o ‘Mulberry Bombyx’, è una farfalla comunemente chiamata bruco ‘baco da seta’, per la sua capacità di produrre naturalmente questa delicata sostanza. Allo stato naturale, non mostra quasi lucentezza. Per cambiare questa situazione, i ricercatori hanno utilizzato punti quantici di carbonio (CQD).

I punti quantici di carbonio sono nanoparticelle di carbonio, che sono semiconduttori di dimensioni inferiori a 10 nanometri e hanno la capacità di emettere lunghezze d’onda specifiche della luce. Sono particolarmente noti per esibire un’elevata fotoluminescenza, una bassa tossicità e un’elevata biocompatibilità.

Brillantezza rosso brillante ottenuta grazie alle foglie di lampone

Per utilizzare queste proprietà sui bachi da seta, i ricercatori li hanno semplicemente dotati di punti di quantità di carbonio. Prima di allora, hanno dovuto creare punti quantici di carbonio dalle foglie di gelso, che i bachi da seta amano. Quindi schiacciarli e quindi passare attraverso diversi processi di filtrazione, riscaldamento e raffreddamento, per poi miscelare la soluzione con acqua e diclorometano in modo da ottenere una soluzione liquida contenente punti di carbonio dopo il versamento.

READ  La fisica delle alte pressioni batte il record di 2 milioni di atmosfere

Questi punti quantici sono stati assorbiti dai bachi da seta dal tubo digerente, quindi trasferiti alle ghiandole della seta e infine alle pupe, mentre quelli che non sono stati assorbiti sono passati con le feci. Alla fine, gli scienziati hanno ottenuto bozzoli che diventavano rosa in pieno giorno e brillavano di un rosso brillante sotto la luce UV.

Per il set di prova, (a) il baco da seta del quinto stadio è dietro un filtro ottico e (b) il baco da seta è nello stadio del bozzolo senza alcun filtro ottico; (C) Un addome allargato di un baco da seta di quinto stadio registrato da un microscopio a fluorescenza stereo automatico. (d) Un baco da seta di quinto stadio dal gruppo di controllo, visto attraverso una telecamera senza filtri ottici. Tutte le immagini sono state scattate con la stessa irradiazione di luce verde. © Huan-Ming Xiong et al. / Università Fudan.

Dopo essere uscite dai bozzoli, le falene, anch’esse rosse fluorescenti, possono accoppiarsi e deporre uova luminose, che si schiudono naturalmente. La seconda generazione ha avuto un ciclo di crescita normale nello studio. ” Dopo essersi nutriti con punte di carbonio, i bachi da seta mostrano una fluorescenza rosso brillante e crescono sani, si bozzolano normalmente e alla fine si trasformano in falene. “, Possiamo leggere nell’estratto del rapporto scientifico di questo esperimento, che è facilitato dalla chiara biocompatibilità del materiale selezionato. Questi risultati in termini di luminescenza sono stati ottenuti già in passato, ma è stato necessario sottoporsi a manipolazione genetica su i vermi.

fonte: materiale avanzato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *