I rendimenti obbligazionari dell’Eurozona scendono a causa dei timori sulle prospettive economiche

Il flusso di gas fisico attraverso il gasdotto Nord Stream 1 dalla Russia alla Germania è sceso a zero lunedì.

Alcuni analisti prevedono un rapido inasprimento monetario nel 2022 e un possibile arresto nel 2023 poiché si aspettano che l’economia dell’Eurozona rallenti in modo significativo a causa dell’impatto dell’aumento dei prezzi dell’energia e di una possibile riduzione delle forniture di gas.

Il tasso di interesse finale di novembre 2023, misurato dall’Euro Short-Term Rate (ESTR) a breve termine, è di circa l’1,2%, rispetto al 2,6% raggiunto a metà giugno.

Nomura prevede che la Banca centrale europea alzerà i tassi di interesse di 175 punti base entro marzo 2023. Ma con il proseguimento della prevista recessione, si aspetta un taglio dei tassi di 25 punti base a giugno.

Il rendimento dei titoli di stato tedeschi a 10 anni è sceso di 13 punti base al livello più basso in quasi una settimana, l’1,179%. La scorsa settimana ha raggiunto il livello più basso dal 31 maggio all’1,072%.

I mercati monetari stanno attualmente scontando un aumento del tasso di 137 punti base dalla Banca centrale europea nel 2022, in calo da 145 punti base di lunedì, e un aumento del tasso di 180 punti base entro la fine del 2023, rispetto a circa 195 punti base del giorno prima.

“Riteniamo che i rendimenti dei Bund scendano al di sotto del range recente”, ha affermato Mohamed Kazemi, portfolio manager di Union Bancaire Prive (UBP).

I prezzi delle obbligazioni periferiche – che si muovono inversamente ai rendimenti – hanno leggermente sottoperformato i loro concorrenti a causa dei timori circa il cosiddetto strumento anti-retail della Banca centrale europea e la politica italiana.

READ  La vittoria degli Azzurri è una manna per l'economia italiana - notizie dal web

Il rendimento delle obbligazioni italiane a 10 anni è sceso di 10 punti base al 3,202%, mentre lo spread tra i rendimenti delle obbligazioni italiane e tedesche a 10 anni si è ampliato di 3,5 punti base a 208 punti base.

I margini di rendimento in Portogallo e Spagna sono aumentati di 2,5 e 3 punti base a 107,5 e 108,3 punti base.

Grafico: carri di produzione

La Banca Centrale Europea si è impegnata ad acquistare più obbligazioni da paesi altamente indebitati come l’Italia per contenere il crescente divario tra i costi del debito ei costi della Germania che potrebbero impedire la trasmissione della politica monetaria in tutto il blocco.

Il politico intransigente Joachim Nagel ha affermato che la Banca centrale europea dovrebbe basare il suo programma di acquisto di obbligazioni su quello annunciato durante la crisi del debito, il programma Direct Monetary Transactions (OMT) che consente alla BCE di acquistare impegni illimitati verso paesi che richiedono salvataggi da il meccanismo europeo di stabilità.

Martedì, ha aggiunto, gli attuali differenziali di rendimento sono “fondamentalmente giustificati” fino a prova contraria.

“I commenti di Nagel non aiutano, ma non credo che ci siano notizie reali sullo strumento anti-frammentazione. Se i mercati saranno aggiornati, vedremo spread molto più alti mentre i mercati metteranno alla prova la determinazione della BCE”, Kazmi ha detto all’UBP.

Nel frattempo, lunedì il primo ministro italiano Mario Draghi ha incontrato il presidente italiano per discutere del futuro del suo governo tra le crescenti tensioni con il Movimento 5 stelle, membro della coalizione.

“C’è qualche rumore politico che ne influenza la diffusione con il Movimento Cinque Stelle che fornisce meno sostegno al governo Draghi. Il nostro scenario di base è che Draghi rimarrà primo ministro, senza elezioni anticipate quest’anno”, ha affermato.

READ  I 27 Paesi dell'Unione Europea beneficiano di 750 miliardi di euro per riprendere la crescita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.