I Lords United sostengono gli eroi afghani e rifiutano di approvare il piano di Sunak di deportare i richiedenti asilo

I Lords United sostengono gli eroi afghani e rifiutano di approvare il piano di Sunak di deportare i richiedenti asilo

Ribelle Cave è stato rifiutato dalla Camera dei Lord per la carica di Primo Ministro E inviato Rishi SunakIl piano generale del Ruanda ritorna alla Camera dei Comuni – con due richieste chiave.

Colleghi Mercoledì sera ha votato a favore di un emendamento alla legge sulla sicurezza del Ruanda (asilo e immigrazione) che esenterebbe afgano Gli eroi che sostenevano le forze britanniche all'estero furono risparmiati dalla deportazione.

Hanno anche insistito sulla formazione di un comitato di monitoraggio per valutare se il Ruanda è sicuro prima che il governo vi mandi i richiedenti asilo.

I parlamentari si sono rifiutati di scendere a compromessi sul loro piano di deportare i richiedenti asilo nel paese dell’Africa orientale, con Downing Street che insiste che il disegno di legge sia “la strada giusta da seguire”.

Ma i Lord si sono rifiutati di fare marcia indietro, il che significa che il disegno di legge tornerà nuovamente alla Camera dei Comuni, probabilmente lunedì. Si prevede che i parlamentari voteranno nuovamente contro le modifiche, costringendole a tornare alla Camera dei Lord.

Rishi Sunak ha promesso di inviare i richiedenti asilo in Ruanda questa primavera (AFP)

Rishi Sunak ha promesso di inviare i richiedenti asilo in Ruanda questa primavera (AFP)

I colleghi hanno votato 245 a favore e 208 contrari a un emendamento che richiede l'istituzione di un comitato di monitoraggio indipendente per verificare che determinate misure vengano adottate prima che il Ruanda venga dichiarato paese sicuro.

Hanno inoltre votato a favore dell'emendamento afghano con 247 voti favorevoli e 195 contrari, con una maggioranza di 52 voti.

L'indipendente Ha documentato diversi casi di richiedenti asilo che hanno sostenuto gli sforzi delle forze armate britanniche in Afghanistan e che da allora hanno continuato a farlo. Minacciato di deportazione in Ruanda dopo essere arrivato nel Regno Unito tramite una piccola imbarcazione.

READ  Cathedral Peak, un luogo imperdibile per il vino in Sud Africa. | viaggio turistico

Questo post è stato riportato in collaborazione con Lighthouse Reports e Sky News La difficile situazione dei membri di due unità delle forze speciali afghane, conosciuti come il Trio, a cui è stata ingiustamente negata l'assistenza da parte del Dipartimento della Difesa. Ha creato molti di questi soldati Si sono diretti verso il Regno Unito tramite piccole imbarcazioni perché ritenevano che non esistessero rotte sicure o legali a loro disposizione.

Alcune centinaia di questi soldati sono bloccati anche in Pakistan, in attesa dell'esito di una revisione del Ministero della Difesa per verificare se sia stato loro rifiutato ingiustamente il trasferimento nel Regno Unito.

Il deputato conservatore Sir Robert Buckland ha parlato mercoledì alla Camera dei Comuni a sostegno del piano dei Lord per aiutare questi afghani, dicendo: “Credo che ci sia ancora una classe di persone che hanno servito questo paese, che sono state coraggiose e si sono esposte. ” a rischio e non sono stati ancora affrontati.

“Molti di loro sono in Pakistan, e penso che sarebbe stato utile vedere un emendamento piuttosto che affrontare questo punto”.

Des Browne ha introdotto un emendamento al disegno di legge del governo sul Ruanda che proteggerebbe gli alleati delle forze armate britanniche dalla deportazione (PA)Des Browne ha introdotto un emendamento al disegno di legge del governo sul Ruanda che proteggerebbe gli alleati delle forze armate britanniche dalla deportazione (PA)

Des Browne ha introdotto un emendamento al disegno di legge del governo sul Ruanda che proteggerebbe gli alleati delle forze armate britanniche dalla deportazione (PA)

Un emendamento al disegno di legge sul Ruanda, introdotto dall’ex segretario alla Difesa Lord Browne di Ladyton, esenterebbe dall’invio in Ruanda coloro che possono dimostrare di sostenere le forze britanniche in missioni all’estero.

Tra i Signori che hanno sostenuto la clausola, alla quale il governo finora si è rifiutato di rinunciare, ci sono anche due ex capi di stato maggiore della Difesa.

READ  Scoperte in Perù più di 70 mummie antiche con teste false

Mercoledì Lord Browne ha detto ai colleghi che si aspettavano di sentire una dichiarazione di conferma da parte del governo che questi soldati non sarebbero stati deportati in Ruanda. Ha detto che questa dichiarazione è stata ritirata all'ultimo minuto a causa della decisione presa dal Numero 10.

“Ora è il momento di dare a queste persone il rifugio che il loro coraggio si è guadagnato”, ha detto, avvertendo i ministri: “È tempo che imparino le conseguenze politiche della loro incapacità di fornire garanzie bancarie o di accettare questo emendamento C’è così poco sostegno. Se non altro, alla Camera dei Lord per non averlo fatto, non c’è certamente alcun sostegno della maggioranza nel paese per trattare queste persone coraggiose in questo modo.

Lord Cocker, il portavoce ombra degli affari interni alla Camera dei Lord, ha affermato che l’emendamento che chiede un comitato di supervisione “ha semplicemente senso del disegno di legge”.

“Perché il governo si oppone a questo particolare emendamento?” Chiesto. “È una di quelle cose assolutamente incredibili.”

In precedenza, il ministro dell’Interno Michael Tomlinson aveva esortato i suoi colleghi ad approvare il disegno di legge, affermando che “invierebbe un chiaro segnale che se vieni nel Regno Unito illegalmente, non puoi restare”.

Lord Sharpe di Epsom ha detto ai colleghi che i parlamentari avevano “già considerato e respinto” più volte gli emendamenti preferiti.

Sunak, che ha fatto del fermare le barche uno dei suoi cinque impegni chiave, è stato trovato mentre cercava di salvare il suo piano generale dopo che l'Alta Corte lo aveva dichiarato illegale alla fine dell'anno scorso.

READ  Ako im ova sezona propadne, gotovi su! Movie

Con una sentenza schiacciante, la più alta corte del paese ha ritenuto che esistesse un rischio reale per i richiedenti asilo Potrebbero essere rimpatriati nei loro paesi di origine per affrontare “persecuzioni o altri trattamenti inumani”.

In risposta, Sunak ha promesso una nuova legislazione “di emergenza” per consentire i voli in aereo.

Il National Audit Office ha recentemente calcolato che, se alla fine 300 persone venissero inviate in Ruanda, il costo raggiungerebbe 1,8 milioni di sterline per persona deportata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *