I fossili scoperti nell'Hérault scuotono lo stato delle conoscenze paleontologiche

I fossili scoperti nell'Hérault scuotono lo stato delle conoscenze paleontologiche

Una coppia di appassionati ha scoperto fossili eccezionali sul monte Cabrière nell'Hérault. Quest'ultimo rivela impronte delle parti molli, quasi inosservate, di animali marini ordoviciani. Contraddice alcune ipotesi paleontologiche.

Quando dissotterrarono per la prima volta questi fossili nelle rocce dell'Hérault, Eric e Sylvie non si resero subito conto della portata della loro scoperta.

Invitati dai ricercatori del Centro nazionale per la ricerca scientifica a studiare un famoso sito in Marocco, la coppia ha trovato fossili che presentavano una strana somiglianza con quelli che avevano scavato a casa, sul monte Cabrière.

Poi gli scienziati di Lione hanno recuperato il tesoro e hanno confermato: che Cabriere, insieme al Marocco, è uno dei rari giacimenti di fossili “a corpo molle” conosciuti finora sulla Terra.

“È davvero eccezionale.”“, commenta Enzo Perolini al microfono di France 3 Occitanie. Uno studente di paleontologia scarica casse di fossili da Cabriere. Ne approfitta per osservarli un po' prima di classificarli nelle collezioni dell'Università di Lione.

Di solito non lo troviamo liscio”Anchesistema nervoso o digestivo” Animali marini perché lo eranoDecomposto dai batteriSpiega che c'è un fossile nelle sue mani. Questo è piuttosto “oggetti solidi”, “Conchiglie”che è sopravvissuto fino ad oggi.

“Ancora oggi conosciamo la superficie della luna meglio del fondo del mare.”Lo studente convinto continua: Questa scoperta migliorerà la conoscenza degli ambienti acquatici fin dall'età elementare. Qualcosa che lascia lo studente sognare: “Con uno Con l’imaging di alta qualità siamo riusciti a trovare il sistema nervoso, quindi perché non gli occhi?”

Qualunque cosa rimanga da scoprire su questi fossili vecchi di 470 milioni di anni, la loro stessa esistenza mette in discussione le teorie scientifiche.

READ  Gli scienziati continuano a parlare di scabbia sull'origine dello strano ospite "Oumuamua" nel sistema solare

Paleontologo del Centro Nazionale per la Ricerca Scientifica di Lione, Bertrand Lefebvre sviluppa: “Nel corso di 30 o 40 anni, la maggior parte degli esperti ritiene che gli animali siano comparsi in due fasi”. : Alcune specie non sarebbero sopravvissute al Cambriano, mentre altre si sarebbero diversificate nell'era successiva, l'Ordoviciano.

Il ritrovamento di “fossili molli” dimostra che le condizioni di conservazione erano proprio quelle “Veramente buono” Durante il periodo Cambriano quello “La diversificazione delle specie è avvenuta gradualmente, nel corso di oltre 100 milioni di anni”.“, spiega ancora il professore.

A quel tempo, la maggior parte dei continenti si trovava nell’emisfero meridionale, contrariamente all’attuale distribuzione delle terre emerse sulla Terra. La temperatura media sulla superficie terrestre era di circa 10 gradi più calda di quella odierna.

Pertanto, queste specie, i cui fossili sono stati ritrovati nell'Hérault, erano animali marini originari dell'Antartide, che ricorrevano ad acque fresche e ricche di ossigeno, più favorevoli all'evoluzione degli organismi.

Hanno lasciato le loro impronte incise nella roccia Con il passare del tempo e dei fenomeni geologici, raggiunge il Maghreb e le montagne del sud della Francia. Oggi si trovano in scatole a Lione, affinché un giorno gli esseri umani possano conoscere le condizioni della loro esistenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *