Una sonda asteroide della NASA con preziosi campioni nel suo “ventre” sta finalmente tornando a casa

NASA La sonda Osiris Rex (intitolata Illustration by the Artist) ha finalmente lasciato l’asteroide Bennu, che è in orbita dal 2018, prima di subire una serie di manovre di atterraggio temporanee lo scorso autunno per raccogliere campioni dalla superficie dell’asteroide. Ebbene, il viaggio di oltre due anni sulla Terra è iniziato con materiali preziosi nella “pancia” della sonda.

Il contenuto continuerà dopo l’annuncio

Pubblicità

Per iniziare il viaggio, lunedì 10 maggio, la sonda ha fatto funzionare i motori principali a piena capacità per sette minuti, raggiungendo infine una velocità di circa 1.000 chilometri orari. Ci vorranno due anni e mezzo per volare sulla Terra e dovrebbe arrivare il 24 settembre 2023. Una volta raggiunta l’orbita terrestre, una potente capsula contenente campioni preziosi – per un totale di circa 200-400 grammi di materiale asteroide – sarà rimosso dalla sonda, che poi si farà strada attraverso il mantello Aereo del nostro pianeta. La capsula deve atterrare in una discarica a baldacchino nel Sahara occidentale, Utah, USA.

Per rendere le cose accurate, più di una dozzina di ingegneri della navigazione hanno eseguito una serie di complesse operazioni matematiche e hanno scritto un codice con le istruzioni per quanto tempo la sonda deve avviare i motori per allontanarsi dall’asteroide nel percorso desiderato e iniziare il suo viaggio. a terra. Un piccolo errore in questi calcoli e nel programma potrebbe significare tutta una serie di problemi dopo la correzione della traiettoria: le risorse di carburante dei motori delle sonde sono limitate, quindi ogni avvio dovrebbe essere il più efficiente e significativo possibile. Per ora, tutto va bene con le riserve di carburante, secondo i rapporti della NASA. Più che corretto: se la cancellazione sulla Terra richiede una piccola modifica, il che significa che i motori non dovranno funzionare con la stessa frequenza, la NASA sta valutando di espandere la missione di OSIRIS-REx per inviare una sonda a un altro asteroide dopo che la capsula campione si è staccata. Il team della spedizione deciderà questa estate se è possibile.

READ  Trovare un Nettuno a corto raggio in orbita attorno al TOI-1634 | Astronomia

Il vice capo scienziato della NASA, Thomas Zurboken, ha elogiato il lavoro del team della missione, che non aveva paura di complicazioni e sfide, poiché “Ora un pezzo del sistema solare preistorico è in viaggio verso la Terra, dove molte generazioni di scienziati saranno in grado di per farlo. Ha rivelato i suoi segreti. “

Foto: AFP / Scanpix / LETA


Come evidenziato dall’immagine scattata da OSIRIS-REx, l’ipotesi degli scienziati sulla superficie dell’asteroide Bennu si è dimostrata mediamente errata.

Il prossimo momento critico della missione sarà, ovviamente, la manovra di lancio stessa per entrare nell’atmosfera terrestre nel percorso desiderato. Il percorso è molto piatto e la capsula può rimbalzare sull’atmosfera proprio come un ciottolo piatto dalla superficie dell’acqua. Se il percorso è ripido, la velocità di ingresso sarà enorme, l’attrito sarà enorme e il calore della capsula potrebbe non essere in grado di resistere al danneggiamento o alla perdita del prezioso campione. Se non c’è la certezza che la capsula sarà in grado di entrare nell’atmosfera nel percorso desiderato, sarà necessario attendere ancora qualche anno per il prossimo tentativo: Osiris Rex si avvicinerà nuovamente alla Terra nel 2025.

Ovviamente, il principale valore aggiunto saranno i campioni di asteroidi, ma la sonda ha già dato un buon contributo nel confermare o rifiutare una serie di ipotesi e domande. Così, ad esempio, le telecamere della sonda hanno confermato che gli astronomi avevano errato sul fatto che la superficie dell’asteroide “Benno” sarebbe stata liscia. Questa ipotesi è stata fatta sulla base dei calcoli della quantità di calore riflessa dalla superficie dell’asteroide.

“Questa missione è un ottimo esempio del motivo per cui dobbiamo condurre la ricerca in molti modi, sia remoti che vicini al sito”, ha detto Hetere Enosa, uno dei ricercatori della missione OSIRIS-REx. “Ipotesi e modelli sono solo ipotesi e modelli. “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *