Draghi, il nuovo primo ministro italiano, metterà pressione sull’euro

L’euro continua la sua ripresa dopo il calo all’inizio dell’anno di negoziazione. Nonostante tutti gli svantaggi dell’Europa, e ce ne sono alcuni, l’euro rimane resistente e trova acquirenti ad ogni calo.

La Commissione europea ha recentemente abbassato le sue previsioni economiche per il prossimo anno. Ha rivisto la crescita economica al ribasso, citando un inverno peggiore del previsto e un blocco più lungo a causa della pandemia. Si potrebbe aggiungere qui il totale fallimento della campagna di vaccinazione in Europa così come l’insufficiente stimolo finanziario rispetto ad altre parti del mondo (ad esempio gli Stati Uniti). Inoltre, l’Europa è stata indebolita dall’uscita del Regno Unito dall’Unione alla fine dello scorso anno.

Sostenere l’euro con una svolta positiva nella politica italiana

Ultimamente è successo qualcosa in Europa che potrebbe spiegare l’aumento dell’euro. Questo perché l’Italia ha un nuovo Presidente del Consiglio. Solo, non un primo ministro qualsiasi, ma Mario Draghi, l’ex presidente della Banca centrale europea, gli attribuisce il merito di aver salvato l’euro alcuni anni fa dicendo che la Banca centrale europea farà “tutto ciò che è necessario” per sostenere la moneta unica .

I mercati hanno amato l’evoluzione della politica italiana. Da quando la notizia è diventata ufficiale, la diffusione italiana è diminuita poiché la fiducia in Draghi è rimasta ad alto livello nei circoli europei.

Da quel momento l’euro si è ripreso dai minimi. Ieri l’EUR / USD è stato scambiato sotto 1,20, avvicinandosi a 1,22. Inoltre, la coppia di valute EURJPY viene scambiata ben al di sopra di 128 poiché anche EURAUD ed EURCAD sono ancora supportati dai minimi, influenzati dai prezzi delle materie prime più elevati piuttosto che da ciò che sta accadendo all’EUR.

READ  Sivis Valirakis: Cosa mostrano i primi dati sul volo fatale con il gonfiabile | Hellas

Alcuni sostengono che Draghi sia tornato per salvare l’Europa dopo aver salvato l’euro. Eppure pochi ricordano che Draghi è stato il primo presidente della Banca centrale europea a non alzare mai i tassi durante i suoi otto anni ai vertici istituzionali. Inoltre, questo intelligente trend positivo è stato il motivo per cui l’euro si è indebolito, che è passato da 1,40 a circa la parità con il dollaro. Questo calo ha aiutato le esportazioni europee e ha contribuito alla crescita economica, ma è stato comunque il calo dell’euro a beneficiare delle politiche di Draghi.

Ora che ha riacquistato un ruolo di primo piano nella politica europea, non dovrebbe sorprendere vedere l’Italia partecipare più attivamente alla fede del vecchio continente. Il suo rendimento dovrebbe essere un altro fattore negativo da aggiungere alla lista EUR menzionata all’inizio di questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *