Il caffè più antico del mondo è in pericolo con una serratura

Il Bitter è stato il 300 ° anniversario della nascita del Caffè Florian a Venezia, il caffè più antico d’Italia e del mondo. La pandemia ha trasformato Canal City in una città fantasma e lo storico caffè rischia la bancarotta. “Rimarremo aperti il ​​più a lungo possibile, ma non possiamo fare altro”, ha detto l’amministratore delegato di Florian, Marco Paulini.

Famosa per le sue decorazioni settecentesche al caffè, fu fondata il 29 dicembre 1720 in Piazza San Marco. Celebrità come Goethe o Casanovas, che lo adoravano perché era l’unico bar che accettava le donne come clienti, vi trascorrevano i pomeriggi.

Successivamente i visitatori frequenti furono Lord Byron, Marcel Proust, Charles Dickens, Nietzsche, Charlie Chaplin e Andy Warhol. Diversi film sono stati prodotti lì, tra cui “Summertime” con Katharine Hepburn e “The Talented Mr. Ripley” con Gwyneth Paltrow, Matt Damon e Jude Law.

“È chiaro che la crisi di oggi appartiene a tutti, ma per il Caffè Florian è come lo specchio di un’intera città, Venezia, vittima del suo successo turistico globale”, ha spiegato Marco Paulini.

“Celebrare i 300 anni di un’impresa commerciale a porte chiuse è l’immagine simbolo di questa crisi a Venezia e nelle città d’arte in generale.

Per questo Florian è un’icona che puoi prendere come esempio delle tante attività storiche che ora sono in profonda crisi. Ha concluso che la loro crisi non ha solo un valore economico, ma soprattutto un valore storico, perché fanno parte della storia italiana conosciuta in tutto il mondo.

READ  Quali sono le raccomandazioni per i pranzi di Natale in Germania, Italia e Stati Uniti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *