I cittadini si sono sentiti ascoltati, ma le raccomandazioni non sono state discusse come previsto – EURACTIV.com

Nonostante l’interessante agenda della sessione plenaria della Conferenza sul futuro dell’Europa (CoFoE) del Parlamento europeo a Strasburgo questo fine settimana, i cittadini che hanno partecipato hanno ritenuto che i parlamentari europei non fossero realmente interessati a un seguito equo o concreto per le raccomandazioni.

L’incontro di Strasburgo è stata una delle tappe più importanti del CoFoE, un esperimento democratico europeo in cui i cittadini partecipano alla formazione della politica europea. Ma i partecipanti sono rimasti delusi dal fatto che i politici non siano riusciti a spingere le raccomandazioni oltre la fase di ascolto.

“Mi sarei aspettato che i politici fornissero suggerimenti su come rispondere alle nostre richieste, piuttosto che fare dichiarazioni pubbliche o cercare di mettere all’ordine del giorno argomenti che non avevano nulla a che fare con loro. Vedi con le nostre raccomandazioni”, Petersen Trols de Leon, 44 anni, danese, ha detto a EURACTIV.

Ha aggiunto che i politici si sono sforzati di ascoltare le raccomandazioni. Tuttavia, allora le speranze non erano alte, con alcuni deputati che affermavano esplicitamente che avrebbero agito solo in base alle raccomandazioni che erano importanti per loro.

Come già riportato da EURACTIV durante le fasi iniziali di CoFoE, l’assenza di procedure di follow-up dettagliate potrebbe creare problemi nell’attuazione delle raccomandazioni dei cittadini.

Nicholas Moravec dalla Repubblica Ceca ha detto a EURACTIV di aver trovato l’esperienza positiva.

“L’ambiente in generale era davvero carino; tutti erano molto cordiali”. Tuttavia, “Circa il 50% dei politici era davvero interessato a ciò che stavamo dicendo”.

CoFoE vede i cittadini coinvolti a tre livelli di partecipazione: il primo ruota attorno a quattro comitati cittadini, in cui 800 cittadini selezionati casualmente sviluppano raccomandazioni attraverso incontri di persona e online.

READ  Gelato: Mamma Mia! L'Italia vede il rosso, è vietato gonfiare il gelato con l'aria

I panel 2 e 3 sui valori democratici e le questioni sanitarie e ambientali hanno finalizzato 90 raccomandazioni a Firenze e Varsavia. Quaranta rappresentanti di queste due commissioni hanno partecipato all’incontro svoltosi a Strasburgo lo scorso fine settimana al Parlamento europeo.

Non preso sul serio?

Ma alcuni partecipanti hanno ritenuto che gli eurodeputati non li prendessero sul serio e non fossero interessati a ciò che avevano da dire.

“Ho avuto l’impressione che alcuni eurodeputati fossero completamente disinteressati alle nostre idee. Nel gruppo di lavoro, alcune delle dichiarazioni fatte sembravano indicare che il nostro ruolo e il nostro impegno non fossero presi sul serio, mentre altri cercavano di sfruttare alcune nostre proposte per le loro propri interessi politici”L’italiana Chiara Alejandro ha detto a EURACTIV.

Allo stesso modo, Valentina Barzani dall’Italia lo ha detto a EURACTIV “Se dovessi valutare l’evento nel suo insieme, direi 7/10. Come cittadini, siamo più maturi nelle discussioni rispetto ai primi incontri”.

“Tuttavia, mi aspettavo una discussione più realistica delle raccomandazioni, in particolare nei gruppi di lavoro. Abbiamo ricevuto un feedback pubblico sulle nostre proposte. Fortunatamente, abbiamo ricevuto assicurazioni in diverse occasioni, in particolare dai membri dell’organismo, che le nostre raccomandazioni saranno seriamente analizzate .”

Il secondo livello di partecipazione riguarda i comitati nazionali organizzati dagli Stati membri, in base ai quali i cittadini formulano raccomandazioni in modo simile ai forum europei. Alcuni rappresentanti di quest’ultimo hanno partecipato a Strasburgo.

“Mi sono divertito molto a portare le raccomandazioni belghe al Parlamento europeo e conoscere le raccomandazioni di altri comitati nazionali e comitati di cittadini europei. Sembra che ci siano molte idee simili, il che dà ulteriore forza alle raccomandazioni formulate “, Dorien Nijs di Lovanio per EURACTIV.

READ  Creta - Heraklion: una fattoria di cannabis situata vicino a EL.AS.

Si occupa anche del processo di attuazione delle raccomandazioni: Spero che i politici non utilizzino solo raccomandazioni in linea con la loro agenda politica. Non è una questione di screening selettivo, tutte le raccomandazioni meritano un approccio simile”.

Le Commissioni europee 1 e 4, dedicate rispettivamente a un’economia più forte, alla giustizia sociale, all’occupazione, all’istruzione, alla cultura, allo sport e alla trasformazione digitale, e all’Unione europea nel mondo e alla migrazione, finalizzeranno le loro raccomandazioni a Dublino e Maastricht a febbraio.

Questi comitati discuteranno le loro proposte con la plenaria della conferenza, come hanno già fatto i Panel 2 e 3.

La plenaria è composta da 198 rappresentanti del Parlamento europeo, 54 del Consiglio, tre della Commissione europea, 108 dei parlamenti nazionali e 108 cittadini.

Il terzo livello di partecipazione riguarda la piattaforma digitale multilingue, dove tutti possono presentare idee e organizzare eventi legati alla conferenza. La plenaria alla fine valuterà i contributi della piattaforma allo stesso modo.

Non sono stati condivisi dettagli su come attuare le raccomandazioni dal punto di vista procedurale.

Come ha detto a EURACTIV il vicepresidente della Commissione europea Dubravka Zwicka, “Il comitato esecutivo seguirà le raccomandazioni senza votarle, ma nel tentativo di raggiungere un accordo su base consensuale”. Tuttavia, non è stata in grado di fornire maggiori dettagli su queste procedure.

La plenaria della Conferenza, insieme al Comitato Esecutivo, preparerà il Rapporto CoFoE, che il CoFoE valuterà in ultima analisi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.