Guida all’acquisto di auto usate: Aston Martin V8

Guida all’acquisto di auto usate: Aston Martin V8

Questo era, però, per chi lo voleva, il Bulldog britannico completo. La supercar degli anni ’70 dal petto peloso e sventolante bandiera.

Quello che abbiamo detto dopo

6 settembre 1973: Il pieno apprezzamento arriva solo quando l’auto viene utilizzata per un lungo giro in Continental; quindi il suo modo discreto di percorrere il terreno può essere goduto a grande velocità.In città tende a sembrare piuttosto ingombrante e l’elevato livello di rumore nelle accelerazioni a bassa velocità è un po’ fastidioso. Come pezzo di ingegneria Da una piccola azienda con risorse limitate, deve essere ammirato, e il passaggio dall’iniezione di carburante ai carburatori sembra aver portato a miglioramenti utili. “

Il punto di vista del proprietario

John Forman: “Ho comprato il mio V8 rosso del 1974 quando aveva due anni da un concessionario Aston. Ho notato che le iniziali RM erano false sul posacenere e sulla consolle centrale dell’auto e poi ho scoperto che il primo proprietario era Robert Maxwell, un magnate dei giornali. Il mio L’auto ha funzionato perfettamente, quindi ho fatto attenzione a non fare troppi chilometri.

“Tuttavia, mi piaceva guidare la macchina. Il rombo del V8 creava dipendenza. A volte lo usavo per spostarmi dal mio ufficio nel centro di Londra. Col tempo, una volta in pensione, il risparmio di carburante e i costi del servizio hanno significato che dovevo andare. Me ne sono pentito.” Vendilo da allora.”

Consapevolezza dell’acquirente

corpo: Bisogna guardare bene sotto i battitacco, facilmente rimovibili, per verificare l’integrità strutturale del veicolo. La maggior parte dei V8 di questa età ha già lavorato qui, quindi dai un’occhiata alla nostra storia precedente. Dovresti guardare i davanzali, i pavimenti, le parti inferiori dei montanti A e B, la paratia, il pavimento del bagagliaio e gli involucri delle porte interne. I pannelli in alluminio si corrodono dove incontrano l’acciaio, specialmente se non c’è una pellicola barriera: controlla tutti i bordi inferiori/interni e cerca le fughe.

READ  AMD sta preparando un maggiore supporto per i driver GPU di nuova generazione per Linux 6.10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *