Gli stati membri vogliono la conservazione dei dati e la rimozione dei contenuti rapidamente – EURACTIV.com

Gli stati membri vogliono la conservazione dei dati e la rimozione dei contenuti rapidamente – EURACTIV.com

Nei loro commenti ufficiali su un disegno di legge volto a combattere il materiale pedopornografico (CSAM), gli Stati membri dell’UE hanno sottolineato la crittografia end-to-end, la rimozione rapida di questo tipo di contenuto e la conservazione delle prove, secondo i promemoria interni visionati da esso . EURATTIV.

Quindici governi europei hanno presentato le loro opinioni sul disegno di legge per contrastare il materiale pedopornografico in un documento con commenti datato 15 marzo. Il commento, sebbene incompleto, menziona alcuni dei punti più importanti sollevati dalle capitali dell’UE.

Il commento è stato espresso il mese scorso nell’ambito di un dibattito in corso all’interno del Law Enforcement Group, organo tecnico del Consiglio dell’Unione Europea che sta aprendo la strada all’approvazione ministeriale delle proposte legislative.

Crittografia end-to-end

La proposta del comitato di affrontare il materiale pedopornografico ha generato polemiche in quanto presenta la possibilità per le autorità giudiziarie di emettere ordini di rilevamento mirati ai fornitori di servizi di comunicazione che rappresentano un rischio significativo nella pubblicazione di materiale di questa natura.

In altre parole, a servizi come WhatsApp o Gmail potrebbe essere richiesto di implementare strumenti basati sull’intelligenza artificiale per scansionare automaticamente la loro piattaforma e segnalare contenuti sospetti alle autorità competenti.

Questa misura è stata contestata perché è in conflitto con la crittografia end-to-end, una tecnologia basata sul principio che solo chi è coinvolto in una comunicazione può leggerla.

La Germania si è sempre opposta alla compromissione della crittografia end-to-end. A tal proposito, ho chiesto di aggiungere al testo cheNessuna tecnologia verrà utilizzata per disabilitare, degradare, aggirare o modificare la crittografia..

Inoltre, Berlino ‘Molto preoccupato per le disposizioni relative agli ordini di divulgazione’.

Conservazione dei dati

L’Estonia è preoccupata per la questione della conservazione dei dati. per paese, “Per indagare sul crimine, è essenziale disporre di dati generati molto prima che il contenuto criminale fosse scoperto”..

Lo stato baltico ha affermato che se un fornitore di servizi inizia a conservare i dati, diciamo, 24 ore o anche una settimana dopo la pubblicazione del materiale, potrebbero non esserci dati sufficienti per identificare la persona che lo ha pubblicato. È stato pubblicato al momento della sua scoperta.

READ  Genova (Italia): Scuole secondarie, università, settore privato ed economia del mare come tema strategico

L’Italia ha inoltre suggerito che una persona che segnala contenuti sospetti non dovrebbe rimanere anonima, in quanto le autorità dovrebbero essere in grado di identificare gli informatori.

D’altro canto, la Slovacchia ha indicato che dovrebbe essere previsto un periodo minimo e massimo di conservazione dei dati.

Conserva le prove

In una recente proposta di compromesso, la presidenza svedese del Consiglio dell’Unione europea ha proposto che ai fornitori di servizi sia data l’opportunità di commentare l’intenzione di una giurisdizione di rimuovere i contenuti dalla loro piattaforma.

A questo proposito, la Finlandia lo ha indicato L’aggiunta proposta significherebbe che il fornitore di servizi dovrebbe conservare i dispositivi da qualche parte per poterlo fare.. Il paese si è chiesto se tale conservazione costituisca un problema nel caso di materiale pedopornografico.

Anche l’Irlanda ha sollevato preoccupazioni in merito alla conservazione delle prove.

rimuovere il contenuto

Le opinioni su quanto tempo un fornitore di servizi dovrebbe rimuovere i contenuti, una volta rilevati, differiscono tra gli Stati membri.

L’Estonia ritiene che 24 ore siano troppo lunghe, mentre i Paesi Bassi osservano che non tutte le PMI dispongono di personale disponibile 24 ore su 24 per consentire la rimozione dei contenuti entro un’ora, termine anch’esso proposto.

Secondo la Romania, ad esempio, “Se il contenuto è ritenuto dannoso o illegale, ogni ora in cui rimane online ha il potenziale per causare più danni”.. Il Paese è quindi favorevole al limite di un’ora, come nel caso di Malta.

Come altri paesi, anche i Paesi Bassi hanno sottolineato che gli informatori dovrebbero essere in grado di segnalare illeciti Materiale Semplici sospetti.

READ  In Germania si riversano idee per superare il freno all'indebitamento

Comunicazioni dati vocali

L’Olanda la pensa così “La trasmissione di dati vocali e di testo deve rimanere al di fuori del campo di applicazione della regolamentazione”Perché lo stato è molto critico nei confronti della scoperta delle comunicazioni vocali.

Ho citato L’Aia “Problemi di proporzionalità” E volevo conoscere la definizione dei dati di contenuto in questo caso.

Secondo il governo olandese, non è possibile trasmettere dati audio, ma solo foto, video e foto.

Avvisare le vittime

Holland si è anche chiesto se le vittime debbano essere informate ogni volta che vengono condivisi contenuti su di loro, osservando che in alcuni casi le immagini sono state segnalate più di due milioni di volte.

“L’intenzione è di avvertire la vittima ogni volta? Questo confronto costante non danneggia la vittima?” Una fonte olandese ha chiesto.

[Édité par Anne-Sophie Gayet]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *