Gli scienziati scoprono dettagli senza precedenti della crosta, del mantello e del nucleo di Marte

Inserito:

22 luglio 2021, 22:47 GMT

Questa è la prima volta che mappano un pianeta diverso dalla Terra grazie alle informazioni provenienti da centinaia di terremoti marziani raccolte dal modulo InSight.

Da più di due anni, l’unità Insight della NASA studia il suolo marziano grazie a un sofisticato sismometro. Ora, team internazionali di ricercatori hanno pubblicato una serie di articoli che riassumono le straordinarie scoperte fatte nelle profondità del Pianeta Rosso, fornendone una comprensione senza precedenti. abbaiareE il mantello S Nucleo.

Questa è la prima volta che gli scienziati hanno mappato un pianeta diverso dalla Terra. I dati raccolti non solo forniscono informazioni Come sta Marte oggi?Ma anche come era fino al momento in cui è stata costituita.

“Era formato da elementi costitutivi simili al nostro pianeta, ma Marte sembra essere molto diverso. Ci sono molte prove che la sua evoluzione sia stata completamente diversa. Ora, ottenere questa immagine degli strati del pianeta ci darà gli strumenti per scoprirlo. . Come si sono formati”, sottolineato la sismologa Sanne Cottaar.

Gli scienziati ritengono che la crosta di Marte potrebbe non essere così spessa come si pensava in precedenza e consiste di due o tre strati. D’altra parte, hanno scoperto che lo strato superiore del pianeta, la litosfera, era molto spesso, circa 500 chilometri. Il fatto che sia grande quasi il doppio di quello del nostro pianeta può essere spiegato perché forse Marte Non aveva la tettonica a zolle, secondo gli esperti.

A una profondità maggiore si trova il mantello, la cui composizione è simile a quella della Terra, sebbene abbia un solo strato.

READ  Telescopio astronomico della materia oscura delle particelle

cuore liquido sottile

Inoltre, InSight ha confermato che il nucleo di Marte è liquido e molto più grande di quanto si pensasse in precedenza, con un raggio di 1.830 chilometri. Per quanto riguarda la sua composizione, suggeriscono che all’interno della ghisa e del nichel ci siano anche elementi più leggeri che riducono la densità.

“Perché Marte accumuli una così grande quantità di elementi leggeri come zolfo, carbonio, ossigeno e idrogeno nel suo nucleo, deve essersi formato molto presto. Forse anche quando la nebulosa solare era ancora presente. Questo non è il caso della Terra, che si è formato in seguito ” , spiegato All’autore dell’IFLScience Amir Khan.

L’attività sismica su Marte è molto bassa rispetto alla Terra, ma l’analisi delle onde che si producono fornisce un’idea della struttura interna del pianeta. “aspettiamo Terremoti su Marte “Ulteriori informazioni differiscono da quanto sopra per fornire le informazioni mancanti per completare il modello”, ha affermato la ricercatrice Brigitte Knappmayr Andron.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *