Gli scienziati dicono che c’è solo un pianeta simile alla Terra nella nostra galassia

L’idea di trovare altri pianeti simili alla Terra brulicanti di vita aliena ha incuriosito a lungo sia gli astronomi che i profani. Questa curiosità ha portato alla scoperta del primo esopianeta negli anni ’90 – un pianeta al di fuori del nostro sistema solare, solitamente in orbita attorno a un’altra stella – e da allora quel numero è salito a più di 4.000 confermati, con migliaia di altri “candidati” in attesa di conferma.

NASA

Questi esopianeti sono disponibili in una varietà di dimensioni, masse e distanze orbitali e hanno composizioni che vanno da estremamente rocciose (come la Terra e Venere) a ricche di gas (come Giove e Saturno). Alcuni pianeti possono essere dominati da acqua o ghiaccio, mentre altri da ferro o carbonio. Un documento di ricerca pubblicato su The Astronomical Journal ha utilizzato i dati del telescopio spaziale Kepler della NASA, ora in pensione, per dedurre La nostra galassia contiene circa 300 milioni di questi organismi potenzialmente abitabili: un pianeta roccioso in grado di supportare acqua liquida sulla sua superficie.

Leggi anche: Il nuovo pianeta extrasolare è il 70% più grande e 59 volte più caldo della Terra

Ma a quanto pare, un esopianeta richiede molto più dell’acqua per ospitare la vita come la conosciamo.

L’atmosfera simile alla Terra può essere rara

Non hai bisogno dei supereroi Marvel per dirti quanto sia speciale la Terra. Tutto il mondo intorno a noi – i pianeti e le lune del nostro sistema solare – e questo è l’unico pianeta abitabile, abbondante e meraviglioso. La vita, come la conosciamo, è nata qui e da allora ha continuato a mantenere, prosperare e trasformare l’ecosistema globale, oltre a diventare più complessa, intelligente e tecnologicamente avanzata. Quindi, quando gli scienziati dicono che stanno cercando esopianeti simili alla Terra, stanno cercando condizioni simili a quelle che abbiamo qui sul pianeta blu.

READ  Lo studio ha scoperto cosa rende le pareti delle cellule vegetali forti ed elastiche

Gli scienziati dicono che c'è solo un pianeta simile alla Terra nella nostra galassiaNASA

E parte di ciò che rende la Terra un pianeta abitabile è un processo biochimico chiamato fotosintesi, che potresti ricordare dal tuo libro di testo NCERT di classe 7. È il processo mediante il quale le piante utilizzano la luce solare, l’acqua e l’anidride carbonica per produrre cibo e rilasciare ossigeno nell’atmosfera. Questo è fondamentale per consentire a una biosfera complessa del tipo che si trova sulla Terra e per un esopianeta di essere abitabile, e quindi significa che svilupperebbe un’atmosfera basata sull’ossigeno.

Leggi anche: Scoperto un esopianeta “Super Terra” in orbita attorno a una delle stelle più antiche della Via Lattea

nuova ricerca pubblicato Negli Avvisi mensili della Royal Astronomical Society, è stato riscontrato che i pianeti simili alla Terra e che hanno la temperatura giusta per la presenza di acqua liquida sulla loro superficie sono meno comuni. In effetti, nessuno dei tanti esopianeti rocciosi conosciuti e potenzialmente abitabili ha le condizioni teoriche per mantenere una biosfera simile alla Terra mediante la fotosintesi “ossigeno”..

Tranne uno: Keplero − 442 b

Lo studio, che ha esaminato in dettaglio quanta energia (radiazione) riceve un esopianeta dalla sua stella ospite, ha scoperto che solo uno… Keplero – 442b – vicino a ricevere abbastanza luce solare necessaria per mantenere una biosfera grande quanto la Terra.

Gli scienziati dicono che c'è solo un pianeta simile alla Terra nella nostra galassiaNASA

Scoperto nel 2015, Kepler-442b è un pianeta roccioso di circa il doppio della massa della Terra e in orbita attorno a una stella moderatamente calda a circa 1.200 anni luce di distanza nella costellazione della Lira.

Leggi anche: La NASA ha trovato tre nuovi “esopianeti” simili alla Terra che hanno una grande possibilità di vita su di loro

READ  LightSail 2 è nello spazio da 30 mesi, aprendo la strada a future missioni di alianti solari

È un esopianeta super-Terra che orbita intorno alla sua stella ospite a una distanza di circa 0,409 AU (61 milioni di km) e impiega 112 giorni per completare un’orbita della sua stella.

Come è stato condotto lo studio?

Gli scienziati hanno calcolato la quantità di radiazione fotoattiva (PAR) che un pianeta riceve dalla sua stella e hanno scoperto che le stelle di circa la metà della temperatura del nostro sole non possono mantenere una biosfera simile alla Terra. Questo perché non forniscono energia sufficiente nell’intervallo di lunghezze d’onda corretto. La fotosintesi ossigenata è ancora possibile, ma tali pianeti non possono mantenere una ricca biosfera.

NASANASA

I pianeti in orbita attorno a stelle più piccole e più fredde note come nane rosse non possono ricevere abbastanza luce solare per attivare la fotosintesi. Le stelle più calde del nostro Sole sono più luminose ed emettono fino a dieci volte più radiazioni nell’intervallo necessario per una fotosintesi efficiente rispetto alle nane rosse, ma generalmente non vivono abbastanza a lungo da consentire lo sviluppo di una vita complessa.

Leggi anche: Dopo 10 anni di incredibile caccia al pianeta, il telescopio spaziale Kepler della NASA è finalmente andato in pensione

“Dal momento che le nane rosse sono il tipo di stella più comune nella nostra galassia, questo risultato suggerisce che le condizioni simili alla Terra su altri pianeti potrebbero essere meno comuni di quanto potremmo sperare”, ha affermato l’autore principale Giovanni Covon dell’Università di Napoli. un pubblicazione.

“Questo studio pone forti vincoli allo spazio dei parametri per la vita complessa, quindi sfortunatamente sembra che il ‘luogo adatto’ per ospitare una ricca biosfera simile alla Terra non sia molto ampio”.

READ  Gli astronomi mappano per la prima volta 100.000 vivai di stelle |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *