Gli scienziati combinano tessuto cerebrale coltivato in laboratorio con un computer e testano il riconoscimento vocale

Gli scienziati combinano tessuto cerebrale coltivato in laboratorio con un computer e testano il riconoscimento vocale

Brainoware è un ponte tra intelligenza artificiale e organica.

Nella loro ricerca in continua evoluzione per creare menti artificiali, gli scienziati hanno compiuto un passo pionieristico: hanno collegato gruppi di cellule cerebrali umane coltivate in laboratorio (chiamate “organoidi cerebrali”) a chip di computer, consentendo loro di eseguire compiti di base come riconoscere le parole pronunciate. . Ciò rappresenta una nuova straordinaria frontiera nell’informatica biologica, aprendo la strada a computer che funzionano più come il cervello umano e addirittura superano le macchine tradizionali in termini di efficienza.

Il team ha creato un organoide cerebrale a partire da cellule staminali, lo ha integrato con un chip di computer e ha collegato il sistema, chiamato Brainoware, a uno strumento di intelligenza artificiale. Il contesto misto ha dimostrato la capacità di elaborare, apprendere e conservare le informazioni e ha mostrato capacità rudimentali di riconoscimento vocale.

“Questa è la prima dimostrazione dell’uso degli organoidi cerebrali [for computing]”È entusiasmante vedere il potenziale degli organismi nel biocomputer del futuro”, afferma Feng Guo dell’Università dell’Indiana Bloomington.

Pubblicato in elettronica naturale, Questa ricerca apre la strada a potenziali progressi nel bioinformatica, suggerendo la possibilità di sistemi più efficienti rispetto ai computer tradizionali.

Secondo l’articolo pubblicato, i dispositivi informatici ispirati al cervello mirano a imitare la struttura e i principi di funzionamento del cervello e possono essere utilizzati per affrontare le attuali limitazioni delle tecnologie di intelligenza artificiale. Tuttavia, i chip di silicio ispirati al cervello sono ancora limitati nella loro capacità di imitare completamente le funzioni cerebrali, poiché la maggior parte degli esempi sono costruiti su principi elettronici digitali.

Brainoware è un “ponte tra l’intelligenza artificiale e la materia organica”, ha affermato Guo. “I prodotti biologici sono come ‘piccole menti’.”

READ  Il nuovo design incentrato sulle persone di OneDrive è disponibile per tutti gli utenti Windows

“Volevamo chiederci se potevamo sfruttare la rete neurale biologica all’interno degli organoidi cerebrali per l’elaborazione dati”, ha detto Guo. “Questa è solo una prova di concetto per dimostrare che possiamo fare il lavoro.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *