Gli astronomi confermano che la Grande Nube di Magellano ha completamente divorato un’altra galassia

Inserito:

19 ottobre 2021 04:31 GMT

I ricercatori osservano che la scoperta è “la prova osservativa che il processo di raggruppamento gerarchico è riuscito anche a formare i nostri satelliti più vicini”.

Trovato un team di astronomi dell’Università di Bologna gli esami Una galassia satellite della Via Lattea, nota come Grande Nube di Magellano (LMC), si è fusa con un’altra galassia ad un certo punto del suo misterioso passato.

In un articolo pubblicato lunedì, i ricercatori osservano che la scoperta è “prova osservativa che processo di assemblaggio gerarchico È anche servito per formare il nostro satellite più vicino”.

ammassi globulari

Per verificare la loro ipotesi, gli scienziati hanno esaminato gruppi di miliardi di stelle, noti come “ammassi globulari”. L’idea è che il nucleo di un tale ammasso globulare possa resistere anche dopo miliardi di anni di spinta e trascinamento di una galassia. I ricercatori hanno analizzato la composizione chimica di 11 ammassi globulari raccolti dal Very Large Telescope e dai Magellan Telescopes in Cile.

Degli undici ammassi globulari studiati nella Grande Nube di Magellano, uno ha dimostrato di avere una composizione chimica completamente diversa, NGC 2005. Questo contiene alcuni 200.000 stelle e situato a 750 anni luce di distanza Dal Centro LMC.

Basandosi sulla composizione chimica di NGC 2005, i ricercatori hanno concluso che deve essere il residuo di una piccola galassia in cui le stelle si sono formate piuttosto lentamente, miliardi di anni fa.

Questa piccola galassia si era fusa con la relativamente piccola Grande Nube di Magellano, nel corso del tempo, la maggior parte delle piccole galassie si è separata e la maggior parte delle stelle disperse, ma il centro, l’ammasso globulare NGC 2005, è stato lasciato indietro.

READ  Un satellite da ricognizione militare francese lanciato con un missile Soyuz - Spaceflight Now

“NGC 2005 è il testimone superstite dell’antico evento di fusione che ha portato alla disintegrazione della galassia madre nella Grande Nube di Magellano, l’unico caso finora conosciuto identificato dalle sue impronte chimiche nel mondo delle galassie nane”, scrivono i ricercatori.

Il Articolo – Merce È stato pubblicato sulla rivista Nature Astronomy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *