MIT- Edexlive ha scoperto un misterioso divario tra le regioni interne ed esterne dell’ex sistema solare

Nel primo sistema solare, un disco protoplanetario di polvere e gas orbitava intorno al sole e alla fine si univa nei pianeti che conosciamo oggi, secondo una nuova analisi di antichi meteoriti da scienziati del Massachusetts Institute of Technology (MIT).

I risultati appaiono sulla rivista progresso scientifico, ha mostrato la presenza di un misterioso buco all’interno di questo disco circa 4.567 miliardi di anni fa, vicino al sito dove si trova oggi la cintura di asteroidi.

“Nell’ultimo decennio, le osservazioni hanno dimostrato che cavità, spazi vuoti e anelli sono comuni nei dischi attorno ad altre giovani stelle”, ha affermato Benjamin Weiss, professore di scienze planetarie presso il Dipartimento di Scienze della Terra, dell’atmosfera e dei pianeti (EAPS) del MIT.

“Questi sono segnali importanti ma poco compresi dei processi fisici attraverso i quali gas e polvere si trasformano nel sole e nei giovani pianeti”, ha detto.

La ragione di questa lacuna nel nostro sistema solare è ancora un mistero. Una possibilità è che Giove possa aver avuto un’influenza. Quando il gigante gassoso si è formato, la sua immensa gravità avrebbe spinto gas e polvere verso i bordi, lasciando un buco nel disco in via di sviluppo.

Un’altra spiegazione potrebbe riguardare il vento che emerge dalla superficie del disco. I primi sistemi planetari sono soggetti a forti campi magnetici. Quando questi campi interagiscono con un disco rotante di gas e polvere, possono produrre venti abbastanza forti da soffiare il materiale, lasciando un buco nel disco.

“È molto difficile superare questo divario e il pianeta avrebbe bisogno di molta coppia e slancio esterni”, ha detto l’autore principale e studente laureato EAPS Caue Borlina.

READ  Come sarà la prossima missione su Venere?: la NASA ricrea il viaggio in un nuovo video

“Quindi, questo fornisce la prova che la formazione dei nostri pianeti era limitata a regioni specifiche nel primo sistema solare”, ha detto Borlina.

Utilizzando modelli per simulare diversi scenari, il team ha concluso che la spiegazione più probabile per la mancata corrispondenza dei tassi di accrescimento è un divario tra le regioni interne ed esterne, che potrebbe ridurre la quantità di gas e polvere che scorre verso il sole dalle regioni esterne.

“I cappucci sono comuni nei sistemi protoplanetari e ora stiamo dimostrando che ne abbiamo uno nel nostro sistema solare”, ha detto Borlina, aggiungendo: “Questo dà una risposta a questa strana spaccatura che vediamo nei meteoriti e fornisce prove che le cavità influenzano formazione del pianeta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *