Gli astronauti dell'Artemis 2 si stanno già preparando a tornare sul pianeta blu

Gli astronauti dell'Artemis 2 si stanno già preparando a tornare sul pianeta blu

(San Diego) Il loro viaggio attorno alla luna non è previsto prima di settembre 2025, ma i quattro astronauti della missione Artemis 2 si stanno già preparando a tornare: negli ultimi otto giorni si sono addestrati in mare con la Marina americana al largo la costa della California. .


“Questo è pazzesco. Questo è il genere di cose che accadono solo nei film, e lo sperimentiamo ogni giorno”, ha detto mercoledì il comandante Reed Wiseman alla base navale di San Diego, vestito con un costume da astronauta blu elettrico.

La notte prima, i quattro erano stati su una piccola zattera gonfiabile nell'Oceano Pacifico.

A bordo di un'enorme nave d'assalto anfibia, centinaia di marinai, subacquei e piloti dell'esercito americano hanno dovuto coordinare i loro sforzi per salvare e trasportare in aereo gli esploratori spaziali.

Fotografia di Patrick T. Fallon, AFP

Una prova generale essenziale per l'attuazione di quella che sarà la fase finale della storica missione.

Weissman e i suoi tre colleghi diventeranno i primi esseri umani ad avvicinarsi alla Luna dalla fine del programma Apollo, più di 50 anni fa.

Se tutto andrà bene, sorvoleranno la stella durante un viaggio di dieci giorni a bordo della capsula Orione, prima di tornare a lavarsi in mare.

Obiettivo Marte

Come affrontare una potenziale tempesta? Quali azioni dovrebbero essere intraprese se un astronauta viene ferito? Cosa si può fare per attirare la capsula vuota nella stiva della nave?

L'allenamento permette di elaborare tutti questi dettagli, grazie ad una replica a grandezza naturale di Orion: un grande cono nero soprannominato “Darth Vader”, per la sua somiglianza con l'elmo del cattivo dei film Guerre stellari.

“Pensiamo costantemente a cosa faremo”, ha detto all'AFP Lily Villareal, amministratore della NASA che supervisiona la fase di ritorno della missione. “Dobbiamo prepararci per tutti gli scenari”.

Ricorda che con il programma Artemis l'umanità torna sulla Luna, non più per raggiungerla, ma per “stare” lì con una presenza permanente.

Se Artemis 2 volerà semplicemente sulla Luna, la terza missione del programma, prevista per la fine del 2026, dovrebbe far atterrare gli esseri umani lì.

L'obiettivo quindi è inviare lì missioni della durata di diverse settimane, per poi stabilire una base di superficie e una stazione spaziale in orbita lunare, in grado di fungere da punto di lancio per l'invasione di Marte.

Perché ora è il Pianeta Rosso ciò che interessa alla NASA.

“La nostra terra ha risorse limitate”, sottolinea MIO Villarreal. “Quindi dobbiamo sapere cosa possiamo fare per il bene dell’umanità”.

“Essere un leader”

Ma il ripristino della Luna va oltre la semplice ambizione di farne un trampolino di lancio nello spazio profondo. Da molti anni le compagnie private sognano di mandarvi i turisti, e nuove potenze come India, Giappone e Cina sono riuscite a farvi atterrare i loro aerei.

Pechino vuole anche far sbarcare gli esseri umani lì entro il 2030, esercitando pressioni sulla NASA affinché i ritardi non si accumulino.

In questo contesto, “la domanda non è in realtà perché andiamo lì, ma se saremo in prima linea oppure no”, ritiene Christina Koch, un’altra astronauta dell’Artemis 2.

Si prevede che diventerà la prima donna ad avventurarsi nello spazio e sarà accompagnata dal canadese Jeremy Hansen e Victor Glover, il primo astronauta nero a partecipare a una missione lunare.

Attraverso il suo nuovo programma, la NASA vuole che una donna e un uomo di colore camminino sulla luna per la prima volta.

Il programma Apollo vi inviò 24 uomini, tutti bianchi, tra il 1969 e il 1972. Solo otto di loro sono ancora vivi e, come la Marina americana, alcuni veterani hanno preso i loro successori sotto la loro protezione.

Thomas Stafford, ex membro dell'Apollo 10, ha invitato a pranzo la squadra dell'Artemis 2, secondo Weisman.

Ci siamo subito chiesti: […] “Cosa faresti se i computer funzionassero male? Hai pensato a come funzionano i loro percorsi?”, Ha detto l'astronauta. “Si è comportato immediatamente come un padre che voleva assicurarsi che i suoi figli uscissero sani e salvi.”

READ  Più della metà dei laghi, dei bacini artificiali e dei mari interni del mondo sta perdendo acqua

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *