Gli astronauti dell’Apollo 11, Neil Armstrong, Buzz Aldrin, Michael Collins sono in quarantena per 21 giorni; Il mio documentario spiega perché


Gli astronauti in quarantena della NASA (
YouTube / Smithsonian
)

La missione Apollo 11 è forse il progetto più famoso e di successo della NASA, poiché un volo spaziale ha aiutato a far atterrare il primo uomo sulla luna.

L’evento avrebbe dovuto richiedere una celebrazione non appena l’Apollo 11 fosse tornato sulla Terra – è quello che ha fatto il mondo intero, ma gli astronauti sulla navicella sono stati costretti ad autoisolarsi per tre settimane.

Gli astronauti dell’Apollo 11 sono stati messi in quarantena

Alcune settimane dopo essere stato nominato “il primo uomo a camminare sulla luna”, all’astronauta della NASA Neil Armstrong non è stato permesso di incontrare la sua famiglia, amici e fan, e ha dovuto festeggiare il suo 39esimo compleanno in quarantena.

Rimanere in quarantena è una nuova esperienza per la maggior parte di noi, ma gli astronauti non sono rari. Armstrong non ha specificato alcuna festa di compleanno il 5 agosto di quell’anno poiché lui ei suoi compagni astronauti Michael Collins e Edwin “Buzz” Aldrin sono entrati in un periodo di quarantena di 21 giorni, secondo il quotidiano britannico The Guardian. ABC 17 Notizie.

Leggi anche: Gli scienziati hanno annunciato che il motore Space Warp è ora possibile: la NASA potrebbe applicarlo all’esplorazione spaziale

Ma perché dovevano isolarsi?

Perché questa missione sulla luna potrebbe averli esposti al materiale lunare. Ci sono elementi sconosciuti e batteri nocivi nello spazio, che è la prima volta che gli esseri umani hanno interagito con loro.

Ciò significa che gli esperti medici volevano stare attenti perché non volevano che i tre astronauti restituissero elementi sconosciuti al corpo umano, causando disastri qui sulla Terra.

READ  Quanto è pericolosa la mutazione Covid-19 rilevata?

I medici hanno monitorato da vicino i tre astronauti, testato una squadra diversa e studiato le rocce e la polvere della luna che è stata riportata dalla missione.

A parte elementi sconosciuti e batteri nocivi, gli esperti sono stati attenti a non disturbare la vita potenziale che i tre astronauti avrebbero potuto portare a loro insaputa quando hanno raccolto i campioni lunari.

La quarantena degli astronauti iniziò per 21 giorni quando lo slot di atterraggio lunare Eagle chiuse il 21 luglio 1963, prima che Armstrong e Aldrin incontrassero Collins sul modulo Columbia in orbita attorno alla luna. Quindi i tre iniziarono il loro viaggio di tre giorni sulla Terra.

Nonostante le restrizioni, il compleanno di Armstrong è stato comunque celebrato. Si è tenuta una festa a sorpresa per lui e gli è stata offerta una torta dal personale del Lunar Receiving Laboratory a Houston, in Texas, dove hanno trascorso il periodo di quarantena.

La pratica di mettere in quarantena gli astronauti è continuata dopo gli sbarchi sulla Luna per le missioni Apollo 12 e Apollo 14.

Tuttavia, non è durato a lungo per le seguenti missioni del programma Apollo perché una volta che gli esperti si sono assicurati che non c’erano elementi pericolosi nello spazio, hanno interrotto la pratica.

Il 6 marzo 2010 verrà proiettato il documentario “Apollo 11: Quarantine” CNN Dare agli spettatori uno sguardo a come ha funzionato il programma spaziale in passato ed esplorare i segreti di una regione inesplorata.

I piedi per terra

La principale preoccupazione degli scienziati della NASA era la contaminazione degli astronauti con batteri indesiderati o agenti patogeni provenienti dalla luna. Questo era qualcosa che gli esperti volevano prevenire, secondo lui WRAL-TV.

READ  Cos'è la malattia di Parkinson?

Ha in programma di mettere gli astronauti in quarantena dopo che la loro missione è iniziata nel 1963, con l’Interagency Committee on Back Pollution.

Secondo Brian C. Odom, Acting Chief Historian della NASA, l’infezione dallo spazio era una paura così comune all’epoca a causa della paura del pubblico dell’ignoto.

Isolare gli astronauti dopo il ritorno da una missione e osservarli per vedere se hanno problemi di salute è stato visto come il modo migliore per affrontare varianti sconosciute.

Fortunatamente, scienziati ed esperti ora ne sanno di più e la quarantena degli astronauti non è più necessaria a causa della tecnologia moderna e della crescente conoscenza.

Articoli Correlati: La NASA offre $ 500.000 per scoprire le migliori tecnologie alimentari spaziali “facili da preparare” per nutrire gli astronauti nello spazio profondo

Questo articolo è di proprietà di Tech Times

Scritto da Seika Khan

Ⓒ 2018 TECHTIMES.com Tutti i diritti riservati. Non riprodurre senza permesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *