Germania, ha proposto ai “migranti gas”: Alternative für Deutschland licenzia il suo portavoce al Bundestag

Il gruppo parlamentare del partito tedesco di estrema destra Alternativa per la Germania espulso il suo portavoce dal Bundestag, Christian Lüth. Il motivo di questa decisione improvvisa dei responsabili della formazione, annunciato dall’ex dirigente Alexandre Gauland parlare a Dpa, è un’intervista che Lüth ha pubblicato lo scorso febbraio per un documentario trasmesso ieri dalla stazione ProSieben in cui ha proposto di Migranti “gassosi” arrivato nel paese.

Dichiarazioni sfociate nell’immediato impeachment del partito che nel 2017 ha ricevuto grande sostegno dai federali e che, però, ha anche tratto accuse di razzismo, xenofobia e antisemitismo per le posizioni estreme espresse da alcuni dei suoi membri. Ma dopo la trasmissione, la squadra tedesca ha deciso che non c’era altra opzione che licenziare il 44enne. Parlando di immigrazione con il giornalista che lo ha intervistato, Lüth ha detto che “noi possiamo sempre sparargli dopo, non è un tema, o li garziamo, come vuoi tu, per me è lo stesso “, aggiungendo che ha parlato in più occasioni con Gauland del fatto che” più la Germania è peggio, meglio è per l’Afd ”.

Lo spettacolo che ha mandato in onda il documentario non ha menzionato esplicitamente il portavoce al Bundestag, tentando così di preservare la sua identità, ma molti media lo hanno riconosciuto, al punto da convincere il partito ad agire: “Le dichiarazioni attribuite al Sig. Lüth sono totalmente inaccettabile – ha dichiarato Gaauland – e in nessun modo concorda con gli obiettivi politici di Afd e del gruppo Afd in Parlamento ”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di voi.

In queste settimane di pandemia, noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, stiamo svolgendo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste ad esperti, sondaggi, video e molto altro ancora. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a coloro che leggono queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

La premio Nobel Svetlana Alexievich lascia la Bielorussia: altri membri del consiglio di opposizione sono tutti in prigione o in esilio

Il prossimo


Articolo successivo

In Francia, un terzo dei focolai si verifica nelle scuole e nelle università. Seguono aziende e ospedali

Il prossimo


READ  Condannata Serena Grandi - Si difende, "distratta dal mio tumore di 2 pollici"
More from Teodosio Lettiere

Liguria, via libera ai test rapidi per i medici di base. Oggi, 432 nuovi positivi su 5149 tamponi

Sopra, il briefing serale con la stampa per la regione Liguria Genova...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *