Francia e Italia vogliono “stimolare” una dinamica a livello europeo per la sicurezza nel Mar Rosso

Francia e Italia vogliono “stimolare” una dinamica a livello europeo per la sicurezza nel Mar Rosso

Cosa sta succedendo all’Iniziativa di Intervento Europeo? [IEI], lanciato nel giugno 2018 dalla Francia per promuovere la capacità dei paesi partecipanti di agire insieme favorendo al tempo stesso l'emergere di una cultura strategica comune? Non coperto dalla politica di sicurezza e difesa comune [PESDC] dell’Unione europea, dovrebbe infine consentire di rispondere alle crisi che potrebbero minacciare la sicurezza e gli interessi dell’Europa.

Vista la situazione nel Mar Rosso, dove i traffici commerciali sono minacciati dagli attacchi lanciati dallo Yemen dai ribelli Houthi [liés à l’Iran]questa IEI avrebbe potuto favorire il lancio di un'operazione condotta congiuntamente da paesi europei volonterosi, come avvenne alla fine del 2019, con la missione di sorveglianza marittima nello Stretto di Hormuz [EMASoH, pour European Maritime Awareness in the Strait of Hormuz].

Nel frattempo, mentre comincia a preoccuparsi delle conseguenze economiche del deterioramento della sicurezza nel Mar Rosso, l'UE sta valutando la possibilità di lanciare una nuova operazione navale, non riuscendo a estendere il mandato dell'EUNAVFOR Atalanta, che, sotto comando spagnolo , è principalmente responsabile della lotta alla pirateria marittima nel Golfo di Aden.

“Come UE, stiamo lavorando intensamente su come rafforzare la situazione nel Mar Rosso e contribuire alla stabilizzazione. Dobbiamo decidere insieme nel quadro europeo. Ci stiamo lavorando duro”, ha spiegato il 12 gennaio Annalena Baerbock, ministro della Difesa tedesco.

Inoltre, Berlino sembra essere in procinto di pianificare questa operazione navale europea. Il 14 gennaio il Welt am Sonntag annunciò anche che la Deutsche Marine avrebbe attaccato lì una delle sue tre fregate della classe Sachsen, previo via libera del Bundestag.

Detto questo, Parigi e Roma hanno già impegnato risorse nel Mar Rosso, con le fregate multimissione “Languedoc”. [qui a déjoué deux attaques de drones en décembre] e “Virginio Fasan” [qui devrait être bientôt rejoint par le « Federico Martinengo »]. Queste navi rimasero sotto il comando nazionale, sebbene fosse stata annunciata la partecipazione di Francia e Italia alla coalizione navale “Guardiano della prosperità”, guidata dagli Stati Uniti.

READ  Cuochi per le vacanze | Malfatti come in Italia

“Non c’è subordinazione al partner americano. D’altro canto, abbiamo una distribuzione geografica intelligente degli sforzi e condividiamo le nostre informazioni”, ha spiegato recentemente il vice ammiraglio Emmanuel Slaars, comandante della zona marittima dell’Oceano Indiano. [ALINDIEN] e le forze francesi di stanza negli Emirati Arabi Uniti [FFEAU].

Si noti che diversi paesi europei hanno aderito – o sono in procinto di farlo – a questa coalizione sotto il comando americano. Ciò è particolarmente vero per i Paesi Bassi, la Danimarca e la Grecia. Ciò ovviamente limita lo spazio di manovra per lanciare un’operazione europea, i cui contorni restano ancora da definire.

È in questo contesto che, il 16 gennaio, il ministro delle Forze Armate francese, Sébastien Lecornu, e il suo omologo italiano, Guido Crosetto, hanno avuto uno scambio telefonico. Se la loro intervista si è concentrata in particolare sul “sostegno sanitario fornito da Francia e Italia ai civili feriti a Gaza” a bordo delle navi Dixmude e Vulcano, dal porto egiziano di El Arish [Égypte]i due funzionari hanno anche discusso della situazione nel Mar Rosso, dove gli Houthi continuano i loro attacchi nonostante gli attacchi aerei recentemente effettuati dalle forze americane e britanniche per degradare le loro capacità militari.

Secondo un comunicato stampa del Ministero delle Forze Armate, i due ufficiali “hanno discusso della situazione nel Mar Rosso” e della “loro volontà di stimolare una dinamica franco-italiana a livello europeo, di incrementare e coordinare gli sforzi delle Forze Armate”. Stati europei e partner dell’area. Resta da vedere come questo si tradurrà…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *