Fiscalità delle imprese: dopo lo storico accordo del G7, bisogna trovare un compromesso globale

Sabato 5 giugno, i ministri delle finanze del G7 hanno raggiunto un accordo sulle nuove regole globali sulla tassazione delle società. Si basa specificamente su un’aliquota fiscale di almeno il 15% delle più grandi multinazionali come Google, Apple o Amazon. Il progetto non è stato vagliato dal G20 all’inizio di luglio.

Il ministro delle finanze irlandese Paschal Donohue (al centro) ha affermato che il suo paese potrebbe perdere fino al 20% del reddito fiscale sulle società – Crediti: UE

Un passo storico verso la riforma fiscale globale“, Astratto il mondo. Venerdì e sabato a Londra, nell’ambito del Gruppo dei Sette paesi industrializzati, i Ministri delle Sette Potenze (Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Germania, Francia, Italia e Giappone) e il Commissario europeo per l’Economia “Ha saputo porre le prime basi per una riforma complessiva della fiscalità internazionale per adattarla all’economia digitale del XXI secoloe secolo‘, annunciato riverbero. Di “Ottime notizie per la giustizia e la solidarietà fiscale e cattive notizie per i paradisi fiscali di tutto il mondoLo ha detto il ministro delle finanze tedesco Olaf Schulz pubblicazione.

La riforma si basa su due pilastri principali

Beneficiando del rinnovato interesse dell’amministrazione statunitense in materia da quando Joe Biden è salito al potere” [La Tribune]I ministri hanno trovato un accordo basato su due pilastri. Il primo mira aSollecitare le aziende a pagare più tasse nei paesi in cui vendono i loro prodotti o servizi, piuttosto che dove finiscono per riportare profitti” [BBC]. questo principio”Applicabile alle aziende globali con un margine di profitto di almeno il 10%“, integra i media inglesi. Così i paesi in cui operano le aziende devono vedersi”.Assegnare i diritti fiscali ad almeno il 20% dei profitti” [Les Echos].

READ  Draghi, il nuovo primo ministro italiano, metterà pressione sull'euro

Il secondo pilastro, che è senza dubbio il più simbolico, recita:Stabilire un’aliquota fiscale minima globale di almeno il 15% delle più grandi società multinazionali” [Le Monde]. per me BBC, “ministri europei [du G7] Sono stato in grado di includere la frase “almeno 15%”, che fornisce un modo per ottenere un numero più alto“.

48 miliardi di euro di gettito fiscale per gli stati membri

Nota che questa aliquota del 15% porterà a un aumento di 48 miliardi di euro di entrate fiscali negli Stati membri dell’UE NazioneCitato da uno studio dell’Osservatorio fiscale europeo. “Se questo piano è del 25%, [les Etats européens] Otterrà altri 170 miliardi“, continua il quotidiano spagnolo. Così, queste nuove regole globali getteranno una pietra nel pozzo del dumping finanziario. Come spiegato il mondo, “L’effetto “zero tasse” fornito da paradisi fiscali come le Isole Cayman e le Isole Vergini britanniche o Jersey e Guernsey sarà de facto neutralizzato, poiché gli stati recupereranno la differenza tra le tasse pagate all’estero dalle loro società nazionali e il 15% di tasse hanno pagato sulla loro terra“.

D’altro canto, “I ministri si sono impegnati a garantire un adeguato coordinamento tra l’attuazione delle nuove norme fiscali internazionali e l’abolizione di tutte le tasse sui servizi digitali […] in tutte le aziende “, Trova riverbero. “Alla lunga, poi, la Francia dovrà eliminare la tassa del 3% sulle vendite di Gafa che impone.Come molti Stati membri dell’UE, The Economic Journal continua.

Più in generale, all’interno dell’Unione europea, la questione della tassazione del lavoro e del capitale ha da tempo risollevato il morale. “Il fragile progetto europeo è incompleto senza un più stretto coordinamento sulle tasse‘, Assicuro guardiano. “Molti Stati membri offrono [ainsi] Aliquote dell’imposta sulle società inferiori al 15%, incluse Irlanda, Ungheria e Cipro“E Stati membri come Francia e Germania sperano”Crea uno slancio inevitabileVerso una tassazione più equa all’interno dell’Unione [The Guardian].

READ  TAP: Il gas inizia a fluire dal Mar Caspio all'Europa attraverso il gasdotto

C’è ancora molta strada da fare

questo se”Brutte notizie per l’Irlanda perché queste nuove regole, se adottate, la priverebbe di un enorme vantaggio: avere una delle tariffe più basse d’Europa, del 12,5%‘, lui spiega Attraversare. “A causa delle sue belle tasse, [le pays] Ospita molte sedi europee di giganti digitali digital” [Le Soir] Può privarlo di una parte delle sue risorse dalle imposte sulle società. Irlanda”Intende difendere il suo tasso al 12,5% e la necessità di tenere conto delle piccole economie [son ministre des Finances] Pascal Donohue‘, citato Attraversare.

Tuttavia, c’è ancora molta strada da fare prima di poterla implementare.“, Avvisare Financial Times. Se il Gruppo dei Sette dà il via libera”Ora serve l’accordo del G-20, che si riunisce a luglio a Venezia, in particolare con Cina e India‘, ricorda editoriale François Lenglet inngle RTL. Inoltre i ministri”Molte questioni restano da risolvere nei negoziati globali più ampi, guidati dai 139 paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico a Parigi” [Financial Times].

Di più “Dall’epidemia, l’opinione pubblica è cambiata“, Sospensione guardiano. “Molto prima del Covid-19, Nessuno può capire perché le grandi aziende paghino meno tasse a causa delle scappatoie nel sistema fiscale internazionale“.”Prima della crisi era difficile da capire. Dopo la crisi è impossibile accettare‘ conclude il giornale.

Altri argomenti del giorno

Germania

commercio internazionale

economico e sociale

Affari Esteri

Regno Unito

associazione

Viaggio in Europa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *