I 27 Paesi dell’Unione Europea beneficiano di 750 miliardi di euro per riprendere la crescita

9:00, 7 giugno 2021

Dalla Grande Depressione del 1870, il mondo non ha vissuto una tale crisi. L’Europa, ovviamente, non ne è immune. Nel 2020, ha registrato una recessione media del -6,1%. Spagna (-10,8%), Italia (-8,9%) e Francia (-8,7%) sono tra le più colpite. Se l’UE dipende dalla ripresa, l’economia continentale resta dipendente dalla crisi sanitaria. Le aspettative non consentiranno un ritorno al livello pre-crisi.

La Spagna dovrebbe registrare la crescita più forte con un aumento del 5,9%, davanti alla Francia (+5,7%). Per sostenere questa crescita, i ventisette prenderanno in prestito insieme: il primo. La prossima generazione dell’UE è una dotazione teorica di 750 miliardi di euro, di cui 672 miliardi in sovvenzioni e prestiti. Un importo destinato a sostenere le riforme e gli investimenti negli Stati membri. Da aggiungere al bilancio Ue di 1,074 miliardi per il periodo 2021-2027.

L’Italia, che prevede una crescita del 4,2%, è il principale beneficiario. Più di 191 miliardi di euro presi in prestito dalla Commissione europea andranno ad alimentare un piano nazionale di stimolo da 222 miliardi. Come l’Italia o la Francia, quasi tutti i paesi hanno richiesto l’importo massimo del sostegno, che varia da paese a paese. La Francia riceverà 40 miliardi di dollari. L’Unione europea pagherà direttamente questa assistenza. «Per finanziarlo, nel 2021 e poi nel 2023 saranno messe in atto nuove risorse, come una tassa sulla tecnologia digitale o sulle transazioni finanziarie», spiega Eulalia Rubio, ricercatrice di economia al Delors Institute.

L’Unione Europea decide il suo corso

Non tutti, d’altra parte, hanno fatto la scelta del governo Mario Draghi: sottoscrivere prestiti attraverso l’Unione Europea. La Francia ne farebbe a meno. “Il ricorso ai prestiti europei è stato finanziariamente sfavorevole, visti i tassi debitori che il nostro Paese ha già”, ha detto Percy. Altri paesi, nonostante i prezzi elevati, hanno deciso di non approfittare dell’offerta. I termini di spesa fissati dall’Unione Europea non sono conformi agli indirizzi di politica nazionale.

Leggi anche – Unione Europea: via libera al piano di rilancio, soldi da distribuire ai Paesi da luglio

Il sindacato ha messo in atto delle garanzie: non danneggiare l’ambiente è una di queste. Inoltre, almeno il 37% della spesa sarà investito nella conservazione del clima. Altro pilastro: il digitale, settore in cui deve essere speso almeno il 20% delle somme raccolte. Infine, i 27 paesi preferiranno investimenti a lungo termine piuttosto che la loro spesa corrente. La Commissione europea ha avvertito che studierà i piani di stimolo nazionali che dovranno essere attuati prima del 2026. Finora, quattro paesi non hanno restituito la loro versione. Inizialmente prevista per il 30 aprile, la scadenza per le domande è stata prorogata a metà 2022. Bulgaria, Estonia, Malta e Paesi Bassi hanno un altro anno per perfezionare i loro anni.

READ  Italia: Conte invita "chi è interessato al futuro del Paese" - news - news

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *