Fiat Chrysler Automobiles a sua volta accusata in Francia di “inganno”

Il gruppo italiano Fiat Chrysler Automobile (FCA) è stato incriminato martedì 13 luglio in un’indagine in Francia sul “dieselgate”, ha detto il suo avvocato all’AFP. La Fca diventa così la quinta casa automobilistica ad essere perseguita in questo scandalo legato alla frode nei controlli sull’inquinamento dei motori diesel.

Dopo Volkswagen, Renault, Peugeot e Citroen, è stata accusata FCA Italia “Inganno sulle qualità intrinseche di un bene che mette in pericolo la salute umana o animale”Una fonte giudiziaria ha confermato all’Afp.

Il gruppo è stato anche posto sotto lo status di co-testimone per “Ostruzione” istruttoria e richiesta di versamento di una caparra di 150.000 euro e costituiscono una fideiussione bancaria di 200.000 euro, nello specifico il sig.e Alexis Joplin, avvocato del gruppo italo-americano ora di proprietà della holding Stellantis. La fonte giudiziaria ha confermato questi elementi.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Nel caso Dieselgate, Carlos Ghosn non ha visto né sentito niente in Renault

“FCA Italia respinge le accuse nei suoi confronti e crede fermamente che i veicoli in questione abbiano rispettato le normative applicabili e si adopererà per stabilirlo”.m. reazionee Joplin. il gruppo “Ora ha la possibilità di fornire una difesa completa e completa contro i sospetti che finora non aveva avuto la possibilità di ricorrere in contraddittorio”., Ha aggiunto.

Cinque anni di indagini

Volkswagen, Renault, Citroen, Peugeot, FCA sono accusate di fornire, dal 2009 e da diversi anni, veicoli diesel con software in grado di mascherare emissioni che talvolta superano di 40 volte gli standard omologati. I cinque produttori confutano queste accuse.

READ  Startup greche nel radar dei fondi di venture capital

Le rivelazioni nel 2015 di questo cosiddetto scandalo “dieselgate” hanno portato alla brutale svalutazione di milioni di auto diesel in tutto il mondo. Dopo cinque anni di indagini in Francia, queste azioni legali aprono la strada a un possibile processo, con il rischio di multe multimiliardarie per i produttori. I proprietari dei veicoli possono quindi richiedere un risarcimento.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Cinque anni dopo il “Dieselgate”, i produttori beneficiano ancora della “clausola di riservatezza”

“Queste accuse confermano i gravi fatti osservati nel 2015”, amiamoe François Lafforgue, avvocato delle associazioni Ecologie sans Frontières e Respire, oltre a un centinaio di automobilisti. lo spero “È stato evidenziato che le responsabilità sono chiare e che i proprietari di veicoli vittime di questo inganno possono vedere questo file portare a un’udienza davanti al tribunale penale”..

Il mondo con AFP

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *