Ferrari, 14 anni di attesa ma la speranza Leclerc: “Schumacher ha impiegato 5 anni per essere campione

Con suo grande dispiacere, la Ferrari ha visto un’altra vittoria della squadra, a Monza. Uno in più. Dall’ultima vittoria di Sebastian Vettel a Singapore nel 2019, la Scuderia ha assistito a sua volta ai successi nei Gran Premi di Mercedes e Red Bull ovviamente, ma anche di AlphaTauri, Racing Point, Alpine e quindi della sua ex storica rivale McLaren, domenica.

Il calibro ridotto al 50% non ha aiutato la squadra italiana a sentirsi alle spalle la folla dei grandi giorni, ed è in uno sparso “Tempio della velocità”, lontano dalle effusioni del 2019 per il trionfo di Charles Leclerc che il popolo rosso sperimentato questa nuova delusione. “Domenica a Monza c’era passione, assicura il giornalista Cristiano Chiavegato, che da tempo si occupa di Formula 1 per La Stampa. C’erano molti giovani, non molti vecchi perché sapevano che non c’era possibilità di vincere. Anche loro forse hanno preferito la prudenza per via della pandemia e hanno guardato il Gran Premio in casa. Sky offre una fantastica copertura di Formula 1 in Italia”.

Gran Premio d’Italia

Come nel calcio”, “sciocchezze”: Verstappen ha commesso un “errore tattico”?

Ieri alle 7:50

E per venire alle ragioni di fondo. “La Ferrari è rimasta indietro con il motore nel 2019, prosegue il nostro collega italiano, riferendosi alle rettifiche imposte dalla Federazione Internazionale dell’Automobile, che aveva sospettato il blocco di Maranello di sovraperformarsi grazie a un trucco trovato in una zona quantomeno “grigia” del regolamento. Dovendo cambiare il motore ha perso molta potenza. Domenica a Monza, alla Ferrari mancava ancora la velocità massima per questo motivo. Sono pochi i circuiti su cui possono competere e la gente aspetta religiosamente che la Scuderia torni in pista. I tifosi ripongono le loro speranze nel prossimo regolamento tecnico…” Chi prenderà il turno delle auto effetto suolo.

Uno sviluppo del motore in arrivo ma “non sufficiente”

Non dimentichiamo che il monegasco non è partito dalla pole position in casa dopo una caduta in qualifica lo scorso maggio. Aveva buone possibilità di vincere e potremmo non fare questa triste osservazione.

Il gioco elastico proseguirà quindi fino alla fine del campionato nel plotone di caccia, dietro a Mercedes e Red Bull, e troppo spesso alla McLaren e all’AlphaTauri di Pierre Gasly per il gusto dei tifosi transalpini. Questa non è una consolazione, ma la Ferrari ha visto gli altri come una squadra pioniera nel Campionato del Mondo. E la storia è un’eterna ripartenza.

READ  Vittoria di Camille Bruyas alle Porte du Pietra in Italia

“Mattia Binotto ha detto che l’anno prossimo staranno bene come motore, ma non sanno se anche gli altri avranno fatto un passo, rincorre Cristiano Chiavegato. Ci sarà un’evoluzione entro fine anno, ma non abbastanza per raggiungere Mercedes o Honda”.

Il marchio non si aiuta molto nemmeno facendo un’immagine con Alfa Romeo, supportando tecnicamente Haas e formando il suo giovane promettente Mick Schumacher. “La Ferrari fornisce i suoi motori a due team per nulla competitivi e questo non aiuta, osserva il nostro collega. A differenza della Mercedes con Aston Martin e McLaren, e della Williams che ha fatto buoni progressi. E anche Alpine si sta rafforzando”.

https://i.eurosport.com/2021/09/15/3218841.jpg

Charles Leclerc? “Siamo pronti ad amarlo”

Ma il Reparto corse de Maranello sarà presto dotato di un equipaggiamento invidiabile. Il nuovo simulatore sarà messo in funzione tra pochi giorni, in uno stabilimento nuovissimo. In breve, beni reali per “tornare in battaglia”, perché la Ferrari è sempre stata orgogliosa di fare tutto sotto il suo tetto e questo si gioca a tutti i livelli. Prove vietate durante la stagione, questo nuovo divieto installato tra i locali della Direzione Sportiva e la pista di Fiorano, frutto di due anni di lavoro rappresenta un “salto generazionale” in materia e ci permetterà ancora di “voltare” e sviluppare il successivo “rossa” nome in codice “progetto 674”.

L’attesa potrebbe continuare, ma è stata a lungo vista come inevitabile perché lo yin del successo e lo yang del fallimento fanno parte del gioco. “I tifosi sono abituati ad avere pazienza, ricorda Cristiano Chiavegato. Hanno già aspettato 21 anni tra il titolo di Jody Scheckter nel 1979 e quello di Michael Schumacher nel 2000″. Il titolo di Kimi Räikkönen risale ancora al 2007, e da allora l’azienda emiliana ha logorato due pluricampioni del mondo, Fernando Alonso e Sebastian Vettel.

Ora tocca al giovane Charles Leclerc raccogliere la sfida. Formatosi alla Ferrari Drivers Academy, suscita enormi speranze. Una passione crescente, reale, soprattutto, perché il montecarlo ha già detto che se non fosse stato monegasco sarebbe italiano. Con due vittorie nella sua prima stagione e nove pole position sul cronometro, è già stato adottato. Ma serve di più. “Stiamo aspettando di vedere cosa farà, dice Pino Allievi, altro grande riferimento della stampa scritta in Italia. È assunto fino al 2024, parla molto bene l’italiano, si è integrato benissimo nella mentalità italiana. Siamo pronti ad amarlo. Ma per questo ha bisogno di ottenere risultati”.

https://i.eurosport.com/2019/09/09/2673544.jpg

L’autorità di Binotto in questione

E per quanto riguarda gli altri piloti, l’ex giornalista della Gazzetta dello sport ne ha visti alcuni in tuta rossa. E tocca poco i cuori. “I piloti più amati sono quelli che hanno vinto di meno: Clay Regazzoni, Jean Alesi, Gilles Villeneuve, lui spiega. Michael Schumacher si è guadagnato molto rispetto. Aveva un buon feeling con gli italiani, ma non c’è mai stato il grande amore che c’è stato per il nostro Jean Alesi”.

READ  Spagna: palinsesto, canale TV, composizione… Info sulla partita di calcio

La Ferrari è un marchio distinto e unico perché i fan lo hanno sempre circondato di un certo romanticismo. Lontano dal dietro le quinte e nello stabilimento di Maranello, dove i successi preparano quanto i fallimenti, perché mantenere l’equilibrio tra personalità spesso forti negli uffici e nelle officine è un’alchimia complessa. Cristiano Chiavegato svela così una parte poco conosciuta della Casa Rossa, che regolarmente si difende da una parte di sé: “In Ferrari, in ogni momento, ci sono sempre state persone esterne. Non c’è una sola forza che lavora per la Formula 1 ma gruppi che combattono internamente e non funziona. Il problema principale è che in Ferrari sono nati ingegneri e lì hanno iniziato la loro carriera come Mattia Binotto (l’attuale direttore) 25 anni fa. È il leader ma ha colleghi nati con lui. E alcune persone pensano che non abbia il potere di cambiare le persone sul posto. Inoltre, gli stranieri sono pagati molto di più di quelli che hanno iniziato alla Ferrari. Non saranno in grado di raggiungerli in termini di stipendio. C’è competizione tra questi gruppi, non se ne parla molto ma è un problema”.

Come d’oltremanica, è difficile essere accettati dagli inglesi. “Nonostante tutto, l’atmosfera è molto buona, taglia Pino Allievi, che spera che il 2022 aggiunga un nuovo capitolo a un’epopea punteggiata. Altrimenti sarà una nuova crisi che durerà qualche anno”.

https://i.eurosport.com/2021/09/15/3218842.jpg

Rinforzi da Mercedes e Red Bull

Tuttavia, il danno non è da cercare molto lontano. “La Ferrari ha cambiato presidente tre volte in quattro anni, rimarca Pino Allievi. Per vincere in Formula 1 bisogna avere la stabilità degli uomini, dei tecnici, dei piloti. La Ferrari non è ancora stabilizzata. Dobbiamo potenziare il reparto aerodinamica, hanno problemi al motore. Non sono pronti per vincere quest’anno e la loro vettura è all’80% di quella dell’anno scorso, che non era competitivo. Quest’anno si lavora per il 2022. Bisogna essere un po’ ottimisti perché anche la Ferrari ha ottimi piloti».

READ  tutte le misure fino a gennaio

“Non dobbiamo dimenticare che, anche con la sua organizzazione di Jean Todt, ci sono voluti cinque anni perché la Ferrari vincesse il Mondiale con Michael Schumacher, continua Pino Allievi. Naturalmente, l’obiettivo è imitare questa organizzazione. Ma molto è cambiato. Marchionne (morto nel 2018) ha guidato la Ferrari verso una politica molto italiana. Doveva farlo, perché non aveva altra scelta in termini di candidati all’estero. Credo che la Ferrari si rafforzerà molto a fine anno con i tecnici di Mercedes e Red Bull, che attualmente stanno rispettando un periodo di inattività. Non hanno parlato molto di queste assunzioni ma so che arriveranno”.

Nel suo atteggiamento, Charles Leclerc ha tutto per diventare il campione del futuro designato dalla Ferrari. “Charles Leclerc è un giovane molto speciale con un grande cuore e tecnicamente molto forte. E pensa di prolungare il suo contratto fino al 2026”, respira Cristiano Chiavegato. Il monegasco deve avere buoni motivi per crederci.

stagione 2021

Perché Bottas era al capolinea della Mercedes

09/07/2021 Alle 19:15

stagione 2021

Hamilton ringrazia Bottas: “Era il mio miglior compagno di squadra”

09/06/2021 alle 19:52

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *