benvenuti a Che Pasta Nonna! a Blagnac

Lontani dai ravioli in scatola e dai gusci di pasta venduti nei supermercati – che sono un piacere quotidiano per grandi e piccini ai quali nessuno si oppone – ecco i prodotti italiani di lusso offerti da Che pasta di Nonna! Mafaldine, linguine, campannelle, gnocchi, ravioli, lasagne, questo ristoratore con sede a Blagnac in Haute-Garonne offre una vasta gamma di paste e salse preparate con prodotti biologici locali, con ricette originali che combinano tradizione culinaria transalpina e terroir occitano.

Quando la pasta diventa caramella … © Radio France
AW

Diego Homps, residente in Francia dal 2006, è nato e cresciuto in Argentina, dove la cultura italiana ha infuso i costumi locali per un secolo, a seguito di un’ondata di immigrazione. Non sono tanto le ricette che si sono tramandate di generazione in generazione, quanto piuttosto lo spirito di famiglia e le riunioni domenicali e gastronomiche attorno alla “nonna”, la nonna.

Il ristoratore offre una vasta gamma di prodotti, tra cui questi pasta fresca.
Il ristoratore offre una vasta gamma di prodotti, tra cui questi pasta fresca. © Radio France
AW

La pasta è alla base dell’attività di ristorazione, sia essa secca, fresca o utilizzata per piatti fatti in casa, come lasagne e ravioli.

Ogni settimana vengono prodotte diverse decine di chili di pasta.
Ogni settimana vengono prodotte diverse decine di chili di pasta. © Radio France
AW

Diego Homps: “Con le nostre materie prime, è la qualità che cerchiamo, con la nostra produzione, il nostro modo di fare, per dare ai clienti piatti, risultati che ricordano davvero la cucina di una volta, in cui abbiamo gustato davvero bene. “

Una delle specialità della casa sono i ravioli, il cui contenuto è oggetto di grande attenzione: le ricette sono lavorate per portare originalità e piacere del gusto grazie ai buoni prodotti locali.

READ  "Ho spiegato a Messi quanto è grande la Juventus"
Difficile scegliere ... perché non assaggiare tutto?
Difficile scegliere … perché non assaggiare tutto? © Radio France
AW

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *