Notizie F1 – Tecnica F1: come la McLaren ha ripreso il sopravvento sulla Ferrari a Monza | F1only.fr

Il GP d’Italia sulla pista di Monza è uno degli eventi più interessanti dal punto di vista tecnico, oltre che dallo spettacolo in pista. Il tempio della velocità permette ancora di vedere in calendario vetture di F1 con assetti e passaggi aerodinamici unici, proprio per le caratteristiche del circuito di Monza.

I lunghissimi rettilinei, separati da lente chicane, favoriscono monoposto con pinne molto sottili, quasi neutre, specificità che difficilmente si riscontra in nessun’altra gara del mondiale di F1.

L’edizione 2021 è ancora più speciale delle altre, perché sappiamo che la stagione in corso è una stagione di transizione e molte squadre hanno un approccio molto conservativo, dal momento che sono già tecnicamente ed economicamente proiettate verso la progettazione e lo sviluppo delle monoposto 2022 .

Concentrandosi sulla lotta dei Costruttori per il terzo posto, Ferrari e McLaren hanno goduto di un GP d’Italia opposto, con il team britannico che ha messo a segno una prestazione magistrale non solo in gara ma anche per tutto il fine settimana. Il ritorno al successo dopo 9 stagioni (con una doppietta) non è stato solo il risultato dell’abbandono dei due leader di campionato Max Verstappen e Lewis Hamilton, poiché in realtà la squadra britannica era
si è trovata subito a suo agio sulla pista italiana all’inizio del weekend, dove era già andata vicina alla vittoria lo scorso anno con Carlos Sainz.

La MCL35M di Ricciardo e Norris aveva un assetto estremamente leggero, ben al di sopra della media delle altre squadre. L’auto disegnata da James Key è nota per essere una monoposto molto efficiente, molto a suo agio sui tracciati veloci e la McLaren ha giocato proprio sugli assetti, esasperando un po’ di più la sua solidità adottando un’ala posteriore estremamente scarica.

Il lembo mobile del DRS di Monza aveva una corda estremamente ridotta, mentre il profilo principale era quasi neutro nell’incidenza. Ciò ha reso la McLaren estremamente veloce sui rettilinei, anche più veloce di quanto non fosse già. Abbiamo visto come, nonostante il DRS e l’aspirazione, Ricciardo sia riuscito a condurre la gara senza mai essere veramente preoccupato.

READ  Italia: Draghi ottiene la fiducia del Senato, giovedì votano i parlamentari

Anche la McLaren di quest’anno è equipaggiata con il motore Mercedes ea Monza abbiamo visto la potenza del propulsore dell’azienda alla stella. La monoposto MCL35M ha anche un passo lungo, che le conferisce una certa stabilità nelle curve veloci come la Parabolica (che è stata ribattezzata lo scorso fine settimana). Anche all’avantreno, la vettura di James Key adottava uno spoiler scarico, con gli ultimi due flap (quelli che regolano l’incidenza) visibilmente tagliati per ridurre al minimo la resistenza alla progressione.

F1 - Tecnica F1: come la McLaren ha ripreso il sopravvento sulla Ferrari a Monza

Se a Monza è stata una grande festa per la Mclaren, con la storica doppietta e il ritorno al terzo posto nella classifica costruttori, per la Ferrari è stata tutta un’altra storia.

La Ferrari è arrivata a Monza sapendo di non poter regalare grandi gioie ai Tifosi ma pur sempre con la certezza di non ripetere l’orribile prestazione dello scorso anno con la SF1000.

La SF21 è una macchina che, rispetto alla scorsa stagione, ha fatto evidenti progressi in molti ambiti, nonostante i vari limiti derivanti dall’omologazione dei macrocomponenti. È chiaro però che la monoposto Ferrari quest’anno ha ancora diversi limiti, in particolare nella generazione di carico aerodinamico nelle curve veloci e nella trasmissione di energia alle gomme anteriori.

La pista di Monza non era quindi adatta alla SF21, per una questione principalmente legata al propulsore: lo 065/6 Evo (nome in codice del motore) si è rivelato un netto passo avanti rispetto al 2020, ma manca ancora di 15 HP rispetto ai propulsori Honda… e soprattutto Mercedes.

Alcuni avvisi in termini di affidabilità sono stati rilevati venerdì anche sulla vettura di Charles Leclerc, il monegasco dovendo riutilizzare il vecchio propulsore (numero uno), per non incorrere in penalità sulla griglia di partenza. Monza è una pista molto impegnativa per i motori, dove sei a tutto gas per quasi l’80% del tempo sul giro. Attesissimi aggiornamenti sulla Ferrari anche per quanto riguarda la parte ibrida, che dovrebbe arrivare a Sochi o Istanbul. Infatti, sull’attuale 2020 i componenti sono ancora presenti nella parte ibrida.

READ  I buoni rapporti che Emmanuel Macron intrattiene con Germania, Italia e Olanda

Se l’attenzione non fosse stata sulla parte motore, la Ferrari avrebbe sicuramente avuto una prestazione migliore a Monza. Il circuito italiano ha caratteristiche che, a parte i lunghi rettilinei, non erano adatte a quelle della SF21.

La Ferrari si è sempre comportata in modo tranquillo su circuiti limitati al posteriore, cioè piste dove è importante avere una buona trazione in uscita di curva, generando grip soprattutto sul retrotreno. . Monza è proprio quel tipo, per via dei deflettori che rompono i lunghi rettilinei. Quindi è proprio per questo motivo che la prestazione della Ferrari è stata meno peggiore del previsto.

Rispetto alla Mclaren, a livello di assetti, la Ferrari non presentava una vettura così leggera. La configurazione aerodinamica scelta dalla Ferrari era praticamente identica a quella utilizzata in Belgio e Azerbaigian, con l’ala posteriore a piano principale pressoché neutro, ma con flap mobile con discreta incidenza. L’unico cambiamento rispetto a Spa è stata la rimozione del nolder, per ridurre leggermente la resistenza.

F1 - Tecnica F1: come la McLaren ha ripreso il sopravvento sulla Ferrari a Monza

Non scegliere una configurazione troppo piccola, nonostante la mancanza di potenza, è indicativo del fatto che la Ferrari non soffre di efficienza aerodinamica, ma necessita piuttosto di un carico posteriore. L’intenzione era quella di non perdere troppo nel settore due, dove le curve di Lesmo sono presenti e dove serve una buona ripresa con un carro posteriore agganciato a terra.

Rispetto alla Red Bull, ad esempio, la Ferrari non riesce a ottenere un enorme contributo di deportanza dal fondo piatto e dal diffusore. Tuttavia, avendo una buona efficienza, riescono comunque a non creare troppa resistenza all’avanzamento e a generare velocità di punta sufficienti, almeno con il DRS aperto. Serranda chiusa, la Ferrari è stata facile preda per chi ha seguito la scia, come dimostra il sorpasso subito da Charles Leclerc dopo la Safety Car.

READ  L'alpinista italiano Cesare Maestri è morto, portando via il suo segreto

In termini di veri aggiornamenti, la Ferrari a Monza non ha mancato di novità, e un nuovo spoiler anteriore, molto diverso nel disegno dei flap, è stato montato sulla vettura rossa da giovedì quando i team hanno dovuto superare i controlli tecnici della FIA .

La nuova ala anteriore non dovrebbe essere una specifica destinata solo al circuito di Monza, ma una vera innovazione tecnica da mantenere per il prosieguo della stagione. La forma dei flap è in linea con una minore ricerca dell’effetto “out wash”, che sposta i flussi verso l’esterno delle ruote anteriori. La soluzione dell’ultima serranda in alto riprende quanto visto sull’Aston Martin, con una forma meno spigolosa ed estrema. Anche l’ultimo lembo è apparso leggermente tagliato a Monza, per adattarsi meglio alla pista veloce di Monza e ridurre la resistenza.

F1 - Tecnica F1: come la McLaren ha ripreso il sopravvento sulla Ferrari a Monza

Nella lotta per il terzo posto nel campionato costruttori, a otto gare dal termine, la battaglia resta serrata. Mclaren ha sicuramente approfittato della propria chance di vittoria, massimizzando il risultato con una doppietta. La Ferrari ha avuto la sua occasione a Monaco e Silverstone, mancando due volte una possibile vittoria. Queste occasioni mancate dal team italiano potrebbero rivelarsi decisive nella lotta con Mclaren, che non dovrebbe portare nuovi sviluppi alla sua MCL35M, ma resta davanti alla Ferrari per conquistare il bronzo tra i costruttori.

Classifica costruttori F1 2021

Squadra Il motore Punti
Mercedes Mercedes 362.5
toro rosso Honda 344.5
Mclaren Mercedes 215
Ferrari Ferrari 201.5
Alpino Renault 95
AlphaTauri Honda 84
Aston Martin Mercedes 59
Williams Mercedes 22
Alfa Romeo Ferrari 3
Haas Ferrari


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *