Esortare i malawiani a sostenere gli appelli al federalismo – Malawi 24

Esortare i malawiani a sostenere gli appelli al federalismo – Malawi 24

annuncio

L’Istituto Federale ha incoraggiato i malawiani a sostenere l’adozione di un sistema di governo federale che, secondo l’Istituto, garantisca un’equa distribuzione delle risorse.

Dopo aver condotto una campagna di sensibilizzazione a Karonga sabato, il coordinatore dell’Istituto Federale di Karonga Bruce Kabunda ha detto a Malawi 24 che il sistema di governo federale è molto efficace a differenza del sistema unitario che ha fallito.

Kabunda ha sottolineato che sebbene Karonga sia benedetta da giacimenti minerari e confina con Songwe, non beneficia ancora di nulla, quindi la necessità di adottare un sistema di governo federale.

“Stiamo lavorando per aumentare la consapevolezza del sistema di governo federale, abbiamo bisogno che i malawiani adottino il sistema di governo federale. Il fallimento del sistema unitario ora abbiamo bisogno di un sistema di governo che dia potere o al popolo, il popolo dovrebbe decidere per Quindi, il sistema di governo federale è l’unico sistema che viene ora implementato in Malawi Qui a Karonga se parliamo di sviluppo non c’è nulla di cui beneficiare anche se abbiamo il confine con Songwe come la nostra risorsa Malawi Revenue Authority (MRA) ottiene miliardi di Kwacha lì Abbiamo anche la miniera di uranio a Kayelekela che viene coltivata Miliardi di Kwacha sono là fuori ma Karonga non ne approfitta mai.

“Ora solo a causa del sistema di governo che stiamo usando in Malawi non possiamo fare nulla, abbiamo bisogno di un sistema di governo federale in Malawi”, ha spiegato Kabunda.

La questione del federalismo è stata recentemente portata in parlamento dal deputato di Mzimba North Yeremia Chihana, ma il ministro della Giustizia Titus Mvalo ha affermato che al momento la questione non è una priorità nel Paese.

READ  Regno Unito, Stati Uniti e Canada sono le principali destinazioni per i medici africani in cerca di migliori opportunità

Seguici su Twitter:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *