Epilessia, la seconda malattia neurologica più grave in Francia

Epilessia, la seconda malattia neurologica più grave in Francia

L’epilessia, una malattia cronica del cervello, è ancora poco conosciuta e colpisce circa l’1% della popolazione francese. O'Reilly, residente a Brezeaux (Dube), ha sviluppato l'epilessia dopo aver contratto la meningite. lei dice.

“All'inizio avevo dieci convulsioni al giorno, che andavano dai 10 ai 45 minuti”, ha detto. O'Reilly ricorda. Questa donna franco-comitana ha sviluppato l'epilessia dopo aver contratto la meningite. I medici l'hanno messa in coma artificiale per cercare di curarla. Tre settimane dopo il risveglio, inizia l'epilessia. “I medici mi hanno detto che questo era un effetto collaterale.” specifica-Lei.

Le convulsioni si manifestano in “Assordante” nella testa : “Ho cinque secondi per scendere, altrimenti cadrò.”. Cinque secondi sono troppo pochi “Forse non presti abbastanza attenzione, perdi due secondi e non arrivi al divano.”“, spiega la quarantenne. A causa della caduta, la O'Reilly si è addirittura rotta il naso e l'archetto.

Per sicurezza, O'Reilly indossa un allarme remoto al polso così da poter avvisare i suoi cari in caso di caduta. Quando porta fuori il suo cane, si assicura sempre di stare a qualche metro di distanza da casa. Non ha tempo per chiamare quando si verifica una crisi. A causa della stanchezza si faceva consegnare anche i pasti.

Dopo essersi sottoposta a numerosi trattamenti, ora assume tre farmaci al giorno e ha uno stimolatore del nervo vago. “Stimola il nervo del collo con impulsi elettrici.”. Questa ex assistente sociale non sa se i suoi trattamenti causano effetti collaterali. Si sente molto stanca e ha difficoltà a trovare le parole, ma è possibile che ciò sia causato dalle convulsioniEffetti. Attualmente subisce una media di cinque attacchi al mese che durano circa 45 minuti.

READ  Sentì per la prima volta il rumore di fondo proveniente dall'universo

La sua malattia lo ha portato ad un grande isolamento. Il 40enne inizialmente è andato in pensione per un periodo di mesi a causa di disabilità. Il suo compagno ha fatto tutto il possibile per sostenerla durante la diagnosi, ma alla fine i due si sono lasciati. O'Reilly ha perso anche molti amici.

Anche la sua incapacità di guidare gioca un ruolo nella sua lontananza dalle persone che conosce: “Non è discriminazione, succede e basta.” Aggiunge. I suoi genitori e la sorella sono ancora lì per lei. Suo padre è presente tutti i giorni. Viene a trovarla una o più volte al giorno, “Altrimenti la vita è lunga” Sussurra. O'Reilly ha anche un figlio di 15 anni in custodia congiunta.

Per combattere l'isolamento, questo residente di Dobbs partecipa alle attività della comunità. Da quest'anno è entrata a far parte dell'associazione Buona riproduzioneche rinnova i mobili, su Maîche. “Sanno tutti della mia malattia. C'è sempre qualcuno che viene a prendermi e riportarmi indietro.” indicare. Non hai ancora avuto convulsioni lì: “In genere le crisi si verificano a fine giornata, verso le cinque di sera, e le attività dell’associazione si svolgono nel pomeriggio”..

O'Reilly beneficia anche di un sostegno psicologico da dieci anni. “Mio padre è molto presente, ma è comunque diverso. Non posso fare quello che voglio quando voglio.” Lei si fida

Le convulsioni che si verificano alla fine della giornata sono comuni. Ma ci sono anche alcune cose che possono innescare forti emozioni: “Se mi sento un po' arrabbiato o se mi sento triste perché non riesco più a trovare le parole, ad esempio, ciò può innescare l'eccitazione.”. Ciò può accadere in qualsiasi momento: “Non c’è regolarità nella mia malattia”.. Le convulsioni possono anche essere innescate da troppa luce o troppo rumore. Per uscire, O'Reilly indossa gli occhiali da sole.

READ  Quando la fisica quantistica verrà riconquistata dalla pseudoscienza

Si rammarica che questa malattia sia poco conosciuta. Quando fai i capricci in pubblico, le persone si spaventano e si affrettano a nasconderlo. “È impressionante, questo è certo.” Lei ammette. Ho attacchi epilettici ed emetto suoni ovattati. Tuttavia, nella quotidianità, è difficile convivere con le sue reazioni.

Secondo quanto riferito, l’1% della popolazione francese è infettata da questa malattia Epilessia-Francia. “Ogni giorno in Francia 100 nuove persone soffrono di crisi epilettiche”. Lo riferisce Jean-François Donzi, delegato del Dipartimento di Epilessia in Francia per la regione del Doubs e del Belfort. “Il 20% della popolazione rischia di avere un attacco epilettico”. Aggiunge.

L’epilessia è la seconda malattia neurologica in Francia dopo l’emicrania. È ancora soggetto a molti malintesi. “Possiamo credere che le persone facciano film e che questa malattia sia ancora associata alle streghe”. Nota Jean-François Donzi. L’epilessia è definita come un battito cardiaco irregolare nelle funzioni cerebrali: “Il cervello resterà inattivo per un periodo abbastanza lungo, più o meno frequentemente durante la giornata”.. Inoltre, il paziente soffre di epilessia da assenza. “Non ci saranno scosse. La persona se ne andrà per alcuni minuti.” Lui spiega.

Oggi, gli elettrocardiogrammi (ECG) facilitano la diagnosi dell’epilessia, ma trovare un trattamento adeguato può essere complicato: “In questi casi, potrebbe esserci la possibilità di un intervento chirurgico, ma a volte l’intervento chirurgico non è un’opzione”..

Questa malattia può essere causata da fattori genetici o ambientali. Possono verificarsi danni cerebrali o addirittura l'assunzione di determinati farmaci. A volte non è possibile trovare una causa chiara.

L'Associazione Epilessia-Francia ha lo scopo di comunicare e sensibilizzare su questa malattia. L'associazione è reperibile e risponde alle domande delle persone che chiamano. Può aiutare a preparare il file MDPH (Casa Amministrativa per Disabili) e indirizzandoli agli assistenti sociali. A causa della mancanza di consapevolezza, le persone con epilessia possono anche incontrare ostacoli all’occupazione: “Abbiamo avvocati all'interno dell'associazione per aiutare in casi estremi.”.

Se sei testimone di una crisi, lascia la persona in un posto per tutta la durata della crisi, a meno che non vi sia un pericolo immediato. Non cercare di evitare movimenti a scatti e non mettere nulla in bocca.

READ  Scopri nuove specie di dinosauri giganti in Cile

Chiama i servizi di emergenza o il 112 se i crampi durano più di cinque minuti. Se la persona vomita, vomita o ha un forte mal di testa dopo la crisi. Se si verifica una seconda crisi prima che la persona riprenda conoscenza e se la crisi avviene in acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *