Queste sono falene che battono il tamburo per tenere lontani i pipistrelli

Queste sono falene che battono il tamburo per tenere lontani i pipistrelli

SSessanta milioni di anni questo dura! Da quando i pipistrelli insettivori hanno acquisito la capacità di orientarsi tramite l’ecolocalizzazione, le loro prede preferite, le falene, hanno sviluppato contromisure. L'evoluzione non ha risparmiato alcuno sforzo nell'immaginazione. Alcune specie hanno un'eccezionale capacità di mimetizzarsi. I loro peli o le loro scaglie assorbono le onde ultrasoniche emesse dal pipistrello. Privati ​​della loro eco, i predatori non riescono più a individuarli di notte. Altri usano lo scrambling. Una volta rilevati i clic dei pipistrelli, questi emettono a loro volta onde che interrompono l'analisi dell'aggressore. Altri sembrano avere un'esca, una lunga coda attorcigliata che attira il pipistrello… e si spezza dopo l'impatto.

un gruppo di Euponomyota Un migliaio di specie hanno adottato una strategia radicalmente diversa. Non per nascondere o ingannare l'avversario, ma per rendersi visibile, anzi ascoltato. Questa tecnica è ben nota tra le farfalle e persino tra le rane. Ha perfino il suo nome scientifico: aposematismo. Strategia a due facce. D'altra parte, essere sgradevole, nel senso gustativo del termine, è particolarmente amaro o addirittura velenoso. Sul lato facciale, fai sapere al predatore. Indossa i colori più brillanti possibili e vola lentamente, solo per evitare di essere morso accidentalmente.

Ma di notte tutte le farfalle sono grigie. Euponomyota Pertanto, questa strategia è stata trasferita al mondo del suono. Per far capire che è meglio non avvicinarsi ai denti, le farfalle fanno dei clic particolarmente forti. In studi recenti, l’équipe del biologo Mark Hollerid, dell’Università di Bristol, ha dimostrato che questi impulsi raggiungevano un livello di decibel equivalente al livello di conversazione tra esseri umani, e che venivano percepiti dall’orecchio del pipistrello a una distanza di 7 metri. Del resto i mammiferi volanti non hanno torto, anzi all’ora di cena evitano i persiani.

READ  Gli scienziati scoprono dettagli senza precedenti della crosta, del mantello e del nucleo di Marte

Clic continui

Come se questo dipinto mancasse di ricchezza, Euponomyota Presenta un'altra peculiarità, ovvero la sordità. Pertanto, i clic non possono fungere da mezzo di comunicazione tra individui. In realtà è destinato ai pipistrelli liberati. Per lo stesso motivo, la farfalla non può riservare le sue contromisure ai momenti in cui un predatore si avvicina… perché non può sentirlo. Tanto che fa clic costantemente.

Hai il 40% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *