Enkay, la storia di un marchio di pelletteria francese con sede a Milano

Imprenditrice e designer nel cuore, Nastasia, franco-norvegese, ha lanciato Enkay, il suo marchio di pelletteria in Francia. Ma ha scelto l’Italia per vivere e mettere in mostra l’arte del know-how complementare dei due paesi. E sviluppa creazioni artigianali piene di emozione.

Dietro a Enkay Workshop, nasconde la mano di Nastasia, giovane designer di 28 anni, determinata, appassionata di artigianato e tradizione, animata dall’intreccio di rapporti con gli artigiani con cui lavora, e arricchita da costruttive storie emozionali e professionali.

Enkay, una storia imprenditoriale ricca di emozioni

Armata di coraggio e volontà, l’avventura imprenditoriale di Nastasia Nygaard Frydman è iniziata molto presto. La franco-norvegese ha creato il suo marchio di pelletteria nel 2014, all’età di 21 anni, quando era una studentessa della scuola di design Parsons di Parigi.
“Mia madre è una stilista di prêt-à-porter, mio ​​padre è un imprenditore. Entrare nel mio settore era ovvio per me “, spiega la giovane donna. Nonostante sia sempre stata appassionata di borse, il mondo della pelletteria è arrivato inaspettatamente, mentre camminava per strada a Parigi, dove è cresciuta. “Ho visto passare un uomo con una valigetta estremamente classica. Non molto per attirare l’attenzione, tranne che mi ha immediatamente fatto venire voglia di rivisitare questo prodotto per le donne “, spiega Nastasia. Da lì è nata la prima borsa Enkay, un marsupio ultra pratico, dal design pulito, strutturato ed elegante.
Determinata, Nastasia si è distinta tra le lezioni, ma ha impiegato un anno per trovare le persone giuste con cui lavorare. “Ho fatto diversi tentativi sul sentiero a Parigi ma non ha soddisfatto le mie aspettative. Volevo andare dagli artigiani, comunicare con loro, imparare direttamente da loro. Questo per realizzare pelletteria, artigianato e non accessori o l’assemblaggio di pelli semplificate ”, lei dice.

READ  Christophe Louie: panettoni artigianali, colombe ... Italia ma meglio!

Il giovane imprenditore chiama così, senza successo, tutte le concerie elencate in un catalogo di fornitori. Fino a quando non ha incontrato la persona che è diventata il suo mentore. “Sono atterrato a Castres, dove Guy mi ha aperto le porte del suo laboratorio”, Ricorda con affetto Nastasia. La designer si è immersa nel processo di produzione. Grazie al know-how e alla disponibilità dell’artigiano che l’ha accolta, ha esplorato e provato diverse forme, tessuti, colori e pellami, senza dover passare direttamente alle serie.

Ma dopo tre anni, l’officina in cui ha prodotto la piccola serie ha dovuto chiudere. E il suo mentore gli consiglia di trovare un nuovo laboratorio di produzione per evolversi. “Questo piccolo villaggio nel sud della Francia vive al rallentatore, è diventato più difficile per i giovani designer produrre in Francia, in piccole serie”, si rammarica del designer.

Pelletteria di design che unisce eleganza e creatività

Fu allora che Nastasia decise di riprendere gli studi, che aveva abbandonato quando iniziò la sua attività. Direzione Milano e Istituto Marangoni per una specializzazione in marketing e comunicazione della moda. “Mi sono innamorato dell’Italia, e di Milano in particolare, una città accogliente, dinamica e cosmopolita”, dice Nastasia. Come presa dall’energia creativa che le ha dato il Milan, nel 2019 decide di restare lì. “L’Italia è stata un modo per materializzare la mia voglia di spiccare il volo e affermare il mio universo”, dice Nastasia.

Mentre la designer cerca lo stesso approccio artigianale a un’atmosfera familiare, riesce a trovare un laboratorio situato a Varese. “È stato un nuovo amore a prima vista con Monica che gestisce questo laboratorio a misura d’uomo”, si rallegra. Tanto più che l’azienda è specializzata in pelletteria da viaggio, come lo stile strutturato e minimalista delle borse Enkay Atelier.
“Viaggiando e crescendo con me, Enkay Atelier si evolve al ritmo dell’affermazione della mia personalità. Il mio stile è una definizione di me stesso “, aggiunge Nastasia. Questo stile inizialmente minimale e strutturato per favorire il lato pratico, come il suo lato scandinavo di sua madre, si è evoluto verso il massimo sotto l’influenza delle culture francese e italiana. “In Italia come in Francia mi nutro di cultura, bellezza, eleganza e qualità”, spiega Nastasia. “Oggi accetto di convivere con queste due estremità”.

Essere rinchiuso mi ha fatto venire voglia di espellere la mia creatività

La sua “Tote”, ad esempio, è concepita come una borsa scandinava ultra pratica, arricchita da una scelta di materiale di design e stravagante, il vinile. Il “cornetto” – piccolo, in stile vintage – è nato nel 2019, ma è stato affinato sotto la spinta del contenimento: “Essere rinchiuso mi ha fatto venire voglia di liberarmi, di espellere la mia creatività”, dice Nastasia. E per aggiungere: “Avevo bisogno di uno scontro di colori, di una forma diversa. Inoltre, più andavo, più la borsa diventava meno minimal, più colorata! “ Aggiunge catene in plexiglass, per le quali sceglierà le maglie, una ad una, in un’azienda di Parma.

READ  Questo banchiere vicino al mercato, inizia adesso la fase due per Unicredit- Corriere.it

modelli di borse Enkay Atelier

Combina due eccellenti know-how

E se il Belpaese ha permesso a Nastasia di liberare la sua creatività, le ha anche offerto l’opportunità di perfezionare la sua tecnica utilizzando due abilità eccellenti. “In Italia ho scoperto un approccio più femminile, dove il dettaglio è particolarmente importante. In Francia ho lavorato secondo un approccio più manuale e di costruzione, robustezza e studio della forma “. Due approcci che si completano perfettamente.
Per quanto riguarda i nomi scelti? Baguette, spaghetto, brioche … “Sono un fan di tutti questi cibi! “, confessa Nastasia. Ma è anche una testimonianza dell’apprezzamento delle cose semplici, come ben sanno gli italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *