La Coppa Italia per la Juve, una boccata d’aria fresca per Pirlo

Come un’aria di ritorno alla normalità dopo una stagione così anomala: la Juventus Torino, la più vincente in Coppa Italia, ha messo di tacco una bella Atalanta Bergamo (2-1) per vincere la sua 14a coppa mercoledì a Reggio Emilia.

Andrea Pirlo, dopo una prima travagliata stagione, ha vinto il suo secondo titolo da allenatore dopo la Supercoppa italiana di gennaio. Anche se, ovviamente, il giudizio vero non cadrà fino a domenica sera quando la sua Juventus saprà se si qualificherà, o meno, per la Champions League, al termine dell’ultima giornata di campionato.

Nel frattempo la sua Juve si è offerta una boccata d’aria fresca, per la gioia dei suoi dirigenti, Andrea Agnelli e John Elkann, e soprattutto dei suoi tifosi, felicissimi di tornare allo stadio per alzare una coppa.

Per il calcio italiano questa finale ha infatti segnato il ritorno dei tifosi in uno stadio di calcio, ma comunque di dimensioni molto limitate: 4.300 spettatori.

Spinta ad inizio gara dal ritmo imposto dall’Atalanta, la Juve ha avuto il merito di voltare le spalle senza farsi prendere dal panico nel primo periodo prima di alzare la voce dopo l’intervallo per conquistare logicamente questa vittoria.

E lo deve alle sue giovani reclute che si sono prese le proprie responsabilità senza nascondersi nell’ombra a volte invadente di Ronaldo: Dejan Kulusevski ha aperto le marcature (31 °) poi Federico Chiesa (73 °) ha fissato il gol decisivo, pochi secondi prima del suo sostituto.

– Regalo di partenza –

Il portiere della Juventus Gianluigi Buffon regge il trofeo di Coppa Italia dopo la vittoria della sua squadra nella finale contro l’Atalanta a Reggio Emilia il 19 maggio 2021 (AFP – Miguel MEDINA)
READ  Italia, presto nuove restrizioni per contenere Covid

Atalanta Bergamo, vede la coppa scivolarle sotto il naso per la seconda volta in tre anni dopo la sconfitta nella finale del 2019 contro la Lazio (0-2). Gian Piero Gasperini saprà alimentare i rimpianti perché la sua squadra aveva dettato i tempi nel primo periodo.

Dopo appena tre minuti Giaunluigi Buffon, prima che potesse alzare la sua sesta Coppa e dire addio alla Juve, doveva già intervenire davanti a Palomino.

Di fronte a un Duvan Zapata in fiamme e ad un’Atalanta sovralimentata, la Juve ha sofferto ma senza danni: Zapata accanto (5 °), Pessina subentrato a Rabiot (12 °), centro-tiro non in porta di Freuler (25 °).

Ma questa Juve, riacquistato il morale con la vittoria contro l’Inter (3-2) in campionato, ha punito l’Atalanta alla sua prima occasione netta. Un bel tiro avvolto dalla sinistra di Kulusveski, preferito a Paolo Dybala per supportare Ronaldo, ha scandito un contropiede avviato da un vigoroso intervento di Juan Cuadrado.

Non abbastanza per spezzare lo slancio bergamasco finora: Buffon, dopo aver battuto un colpo di testa di Hateboer (35 °) non ha potuto far nulla su un forte tiro di Ruslan Malinovskyi (41 °), l’uomo di fine stagione all’Atalanta (7 gol , 9 assist in 11 partite).

Cambio di scenario dopo la sosta con una Juve finalmente in sintonia, più alta, più aggressiva e ora molto più pericolosa. Pierluigi Gollini ha prima lasciato un riflesso davanti a Kulusevski (58 °), poi ha catturato facilmente un colpo di testa di Ronaldo (59 °) prima di essere salvato dal suo palo su un’incursione di Federico Chiesa servito da un tacco di Ronaldo (60 °)!

READ  Covid, verso il nuovo Dpcm: Hope convoca urgentemente il Comitato Tecnico Scientifico

La pressione cresceva ed è logico che la Juve abbia trovato il difetto con Chiesa, dopo l’uno-due con Kulusevski (73 °)!

Un regalo dei giovani della Juve al “vecchio” Buffon che, a 43 anni, ha avuto l’onore di alzare la Coppa. Un buon regalo di partenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *